Ultimo aggiornamento: 07.06.20

 

Se amate il campeggio o le escursioni dovete sempre munirvi di tutto il necessario per far fronte a qualsiasi emergenza.

 

In questa movimentata era digitale spesso passiamo più tempo a guardare uno schermo che la natura intorno a noi. Questo ha creato un crescente interesse nell’escursionismo e nelle avventure outdoor, al punto da far nascere tantissimi gruppi organizzati in grado di unire le persone con questa passione per affrontare insieme i sentieri più spettacolari del paese o quelli intorno alla propria città. 

Gli appassionati di trekking più navigati però spesso amano avventurarsi da soli anche all’estero e questo comporta una serie di precauzioni e una buona organizzazione. Non è mai saggio infatti munirsi di zaino e sacco a pelo per partire all’avventura senza un buon kit di sopravvivenza che può includere diversi oggetti utili e in alcuni casi davvero indispensabili come un’ottima torcia LED o un kit medico. 

Più sarà impegnativo il sentiero e maggiori dovranno essere le precauzioni, in modo da poter intervenire tempestivamente in caso di infortuni, maltempo o altri imprevisti poco piacevoli. Ovviamente ogni buon avventuriero dev’essere ben preparato fisicamente e avere qualche conoscenza di base nel pronto soccorso. Se siete alle prime armi, non affrontate mai sentieri pericolosi con discese e salite ripide, partite con un gruppo e scegliete dei percorsi facili.

Vediamo quali sono gli oggetti da portare in un kit di sopravvivenza.

 

Acqua

In generale è consigliabile non affrontare mai percorsi impegnativi nelle giornate troppo calde, inoltre bisogna tenersi sempre idratati bevendo molta acqua, anche se non si ha sete. L’acqua è la prima cosa da mettere nel vostro kit, portatene almeno un litro a testa, non limitatevi a una bottiglietta perché potrebbe non bastarvi. 

Ricordate che nella maggior parte dei sentieri per il trekking e l’escursionismo non ci sono bar dove poter acquistare acqua né tantomeno fontanelle. Questo vale sia in Italia sia all’estero, specialmente in alcuni luoghi selvaggi dove i centri abitati sono molto distanti dai percorsi e non sono serviti dai mezzi pubblici.

Torcia LED

Se avete intenzione di andare in campeggio o di vivere avventure outdoor di notte, non potete davvero fare a meno di una buona torcia LED. Questo oggetto vi permetterà di vedere chiaramente il sentiero e di illuminare la zona intorno alla vostra tenda con efficacia. Non conviene mai usare quella del telefono in quanto consuma le batterie molto in fretta. 

Tenete il cellulare sempre carico e utilizzatelo solo ed esclusivamente per le telefonate in caso di emergenza. Potete trovare delle torce LED compatte da mettere nel vostro zaino senza che occupino troppo spazio. La potenza minima di una buona torcia LED si aggira attorno ai 10 W ed un buon numero di lumen per poter vedere in lontananza, mentre la batteria deve avere una durata di almeno un’ora di utilizzo consecutivo. 

Per le lunghe escursioni vi consigliamo di usare una torcia con pile AAA in modo da potervi portare dietro quelle di ricambio. Assicuratevi inoltre che la vostra torcia disponga di protezione IPX6, quindi adatta a resistere alla pioggia e alle intemperie.

 

Kit di pronto soccorso

Ovviamente quando si affrontano i percorsi nella natura selvaggia è sempre meglio portarsi dietro tutto il necessario per intervenire in caso di infortunio. In questo caso un kit di pronto soccorso è la soluzione più pratica, al suo interno potrete trovare bende, pinzette, forbici, tamponi, medicazioni per ferite, fasciature, una coperta di emergenza e dei cerotti. Prima di affrontare una sortita da soli o in coppia vi consigliamo vivamente di frequentare un corso per il primo soccorso, a meno che non lo abbiate già seguito tramite il vostro lavoro.

 

Coltello o coltellino svizzero

Questo oggetto non è proprio indispensabile per i principianti, ma chi ha intenzione di avventurarsi in un bosco o in altri luoghi dove la vegetazione è fitta, allora non potrà proprio fare a meno di mettere nel proprio kit un coltello per tagliare cespugli e rami. Alcuni preferiscono il coltellino svizzero, in quanto dispone di diversi utensili che possono servire anche per altri scopi. Un buon coltello torna molto utile per tagliare corde, bende o nastro adesivo.

Bussola

Come per la torcia elettrica, vale la pena comprare una buona bussola anche se la potete vedere direttamente dal vostro cellulare. Quella degli smartphone non è mai molto precisa, inoltre meglio non contare troppo sul GPS che nelle zone lontane dai centri abitati potrebbe non funzionare correttamente. Le bussole costano poco e non sono ingombranti, quindi vale la pena procurarsene una. 

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments