Ultimo aggiornamento: 04.12.20

 

Il nostro articolo vi darà tutte le risposte che cercate sulle attività praticabili con il kayak e a cosa serve un’imbarcazione sportiva dotata di motore elettrico.

 

Il kayak è un’imbarcazione molto versatile che può essere utilizzata sia per sport impegnativi sia per scivolare lentamente su uno specchio d’acqua calmo durante una calda giornata estiva, per godersi il paesaggio in solitudine o anche con amici. I benefici che tale sport apporta all’organismo sono molteplici e vi aiuterà a smaltire quei chili di troppo in attesa della prova costume in modo divertente e alternativo.

Andare in bici può essere divertente ma allena principalmente le gambe e richiede soprattutto una percorrenza di chilometri notevole prima di far consumare un quantitativo soddisfacente di calorie, mentre in un’ora di attività con il kayak ne consumerete più di 400. Tonifica inoltre tutti i muscoli della parte superiore del corpo come bicipiti, tricipiti, deltoidi, muscoli della schiena, pettorali e addominali. Un training che potremmo definire quasi completo.

Se il benessere fisico non vi interessa, però, e puntate principalmente al divertimento, il kayak riesce a soddisfare anche sotto questo punto di vista.

Trattandosi di un’imbarcazione sottile e affusolata, si rivela ideale per navigare fiumi e rapide, grazie anche alla pagaia a doppia pala è semplice direzionarsi anche nei momenti più concitati. In Italia sono numerose le associazioni che permettono di praticare questo sport tramite corsi e meeting che si tengono da nord a sud, in Piemonte, Trentino, Valle d’Aosta, Umbria, Calabria e generalmente ovunque ci sia un fiume navigabile immerso nella natura.

Il nostro consiglio è quello di rivolgersi ad associazioni della vostra zona per iniziare a capire meglio come poter entrare in questo mondo seguendo i consigli dei professionisti del settore.

 

Non solo attività fisica

Se amate lo sport in quanto tale e non come semplice mezzo per tenervi in forma, allora sappiate che con il kayak può essere praticata anche la pesca, sia in acqua salata sia dolce. L’unica differenza è il tipo di pesca che può essere praticata, in mare potrete effettuare pesca a traina, a bolentino o a spinning mentre per fiumi e laghi è preferibile effettuare spinning o pesca a mosca.

Il kayak si rivela oggigiorno uno degli strumenti preferiti per la pesca poiché a differenza di un’imbarcazione a motore permette di avvicinarsi alla zona pescosa senza fare troppo rumore, evitando in questo modo di spaventare i pesci. Inoltre, per raggiungere la zona prescelta dovrete lavorare di pagaia, allenando al contempo anche il fisico, unendo l’utile al dilettevole.

 

 

Per i più pigri, però, non c’è da temere poiché esistono anche motori elettrici che possono essere installati sul proprio kayak. Inizialmente tale soluzione potrebbe far sollevare qualche sopracciglio, se si utilizza il kayak d’altronde lo si fa per pagaiare e per sentirsi in comunione con la natura, altrimenti si utilizzerebbe una normale barca dotata di motore. Tuttavia può rivelarsi comunque una buona soluzione per chi è in là con l’età e non riesce più a raggiungere zone lontane semplicemente pagaiando e ha bisogno di uno sprint maggiore dato dal motore fuoribordo.

 

Kayak a motore elettrico

Questa soluzione è applicata da compagnie come GalaxiKayaks che addirittura mette a disposizione dei kayak già pronti all’uso, dotati di motore elettrico a zero impatto ambientale, richiesti soprattutto dai pescatori che devono raggiungere rapidamente la zona di pesca e non possono perdere tempo a guardare il paesaggio. Certo, non bisogna aspettarsi un kayak buono ed economico dal momento che i modelli vanno ben oltre i mille euro, rivelandosi quindi una scelta ideale solo per una ristretta categoria di pescatori. Chi fosse interessato all’autonomia di tali prodotti deve tenere d’occhio la batteria montata a bordo, considerando che con una da 80 Ah si possono percorrere una trentina di chilometri circa.

Chi ha già un kayak e non vuole acquistarne uno nuovo motorizzato può puntare su motori pensati appositamente per il montaggio su imbarcazioni di questo tipo come quelli Torqeedo, dal costo elevato ma dalle prestazioni notevoli. Il peso di questi motori raramente supera i 7 kg e sono completamente impermeabili e pensati per durare a lungo. Dal punto di vista della potenza può essere paragonato a motori a combustione da due cavalli. Per chi ha un budget limitato può optare per motori da poche centinaia di euro, dal peso inferiore ai 10 kg ma con una potenza al di sotto di 1 kw, per spostamenti brevi e circoscritti.

Attenzione alle soluzioni fai da te proposte sulla rete. Esistono indubbiamente dei modi per motorizzare il kayak senza passare per soluzioni eccessivamente costose, tuttavia queste ultime non si rivelerebbero a norma di legge, esponendovi al rischio di multe e, soprattutto, pericoli di vario genere. Diffidate dunque a meno che non siate esperti del settore.

 

 

Quale modello di kayak scegliere

Se le versioni troppo sportive o troppo costose non fanno per voi o semplicemente non siete tipi da pesca ma volete una soluzione economica per divertirvi magari a mare sul placido specchio di un lago, allora la scelta migliore potrebbe essere un kayak gonfiabile. Ne esistono numerose varianti in vendita sul mercato e potrete selezionare quello più adatto al vostro portafoglio.

Va specificato però che tali imbarcazioni non sono spesso molto resistenti e rocce aguzze o rami molto lunghi e appuntiti potrebbero forare la camera d’aria se non si presta particolare attenzione. Vanno quindi evitati lungo corsi d’acqua impegnativi, rapide e fiumi in cui il controllo deve essere particolarmente preciso.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments