Ultimo aggiornamento: 01.06.20

 

Uno sguardo alle misure da rispettare per non incorrere in diverbi quando non veri e proprio scontri con gli altri condomini.

 

Tra gli aspetti cardine che determinano l’utilizzo di questo utile strumento deve esserci in prima battuta il rispetto delle normative vigenti e della sicurezza vostra e di chi sta intorno.

Purtroppo non è sempre così scontato e per questo si vanno a creare contenziosi tra condomini circa il corretto posizionamento del barbecue. Ci teniamo dunque a sottolineare l’importanza e la centralità di aspetti quali la conoscenza di tutte le norme legate alla collocazione di un buon barbecue in muratura

In caso contrario è forte il rischio di incorrere in problemi che possono portare anche in tribunale chi non rispetta le normative. L’appunto e la situazione vedono al centro del contendere il modello fisso, pensato per chi desidera posizionare in modo stabile il barbecue. 

È il caso dei modelli in muratura che rendono un angolo della zona giardino un punto interessante e dotato di quella personalità che riesce a esaltare e a fare la differenza consentendo anche di preparare gustosi piatti durante la stagione estiva, con il piacere degli ospiti che possono gustare grigliate all’aria aperta.

 

Collocazione

Il primo passo da compiere una volta deciso di voler creare un barbecue riguarda la scelta della collocazione. Parlando poi di barbecue fisso questo punto assume ancora maggiore rilevanza e peso. Una sentenza della Cassazione, precisamente la 15246/2017 afferma che il barbecue fisso devo rispettare la distanza di sicurezza e non creare danno o possibilità di rischio per i vicini, visto che è presunta la sua nocività. 

 

 

Su quest’ultima affermazione si è risolto il contenzioso che vedeva due privati cittadini trovarsi in causa vista la richiesta di rimozione da parte della parte lesa di un barbecue che il vicino di casa aveva costruito e la cui messa in funzione andava a creare odori sgraditi e fumi nocivi. L’altro inquilino contestò la sentenza facendo leva proprio sulla mancanza di normative regolamentari che stabiliscono la giusta distanza di sicurezza di un barbecue e che la possibile nocività decade nel momento in cui si dimostra che il pericolo non sussiste. 

In questo caso però la Corte ha respinto l’istanza di appello adducendo come motivi che nella creazione del barbecue andavano considerate delle misure minime di 5 metri di distanza rispetto alle finestre del vicino e che, dopo una verifica tecnica, comprovata l’assenza dei requisiti veniva rigettata la richiesta di cui sopra. 

In più poi, vista la distanza che separava la parte finale del barbecue dalle finestre del vicino, la Corte equiparò tale struttura a un forno, facendo appello alle regole esistenti in materia di distanza di sicurezza come stabilito dall’articolo 890 CC. In questo articolo si presume poi la possibilità che un oggetto del genere possa risultare potenzialmente pericoloso e nocivo per la salute di chi si trova nelle vicinanze, un motivo in più che la Corte ha impugnato per stabilire i temi e le problematiche legate a un posizionamento così ravvicinato. 

Si è visto dunque che anche nel momento in cui mancasse una regolamentazione ufficiale circa la distanza di sicurezza da seguire al momento della costruzione di un barbecue, la supposta pericolosità e la possibilità che si creino problemi già è sufficiente per stabilire che esiste un problema e che la questione vada risolta in tempi rapidi.

 

Conclusioni  e considerazioni

Da quanto letto, è bene dunque che chi cerca e desidera costruire ex novo un barbecue, prenda tutte le misure cautelari affinché se esistono case e abitazioni vicine non si possa impugnare questa mancanza di attenzione per bloccare i lavori o creare disagi a chi desidera mettersi all’opera. Il piacere di avere una struttura comoda con cui poter gestire e migliorare un’area verde dovrebbe quindi trovare una giusta via di mezzo tra il posizionamento del barbecue e la scelta della tipologia di oggetto da costruire. 

 

 

Per non aver problemi una prima soluzione potrebbe essere quella di puntare su una struttura mobile, magari dotata di un set di ruote con cui cambiare posizione evitando così magagne che alla fine si riescono a risolvere cambiando semplicemente il punto dove si va a preparare il tutto. Nel caso però in cui vogliate avere un oggetto fisso con cui trascorrere serate in compagnia davanti a una bella grigliata, il consiglio che ci sentiamo di dare è di verificare misure e distanze, facendo magari appello anche alla consulenza di un tecnico. 

Ci sembra la scelta più sensata per chi vuole non perdersi il piacere offerto da questo supporto, mantenendo un livello di convivenza e rispetto dell’altro sempre nell’ordine della civiltà. Casi come questo vanno poi a creare un precedente nelle giurisprudenza, consentendo di appellarsi in caso a situazioni simili sia che vi troviate dalla parte dell’accusato o in quella della parte che ha subito il danno. 

Per il resto, una volta rispettate queste procedure e accortezze, potete iniziare a costruire il vostro amato barbecue in muratura, deliziando voi e le persone invitate con succulente grigliate miste, in sicurezza e rispetto per il vicinato.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments