Ultimo aggiornamento: 07.06.20

 

Il fascino del viaggio in camper è innegabile, ma bisogna pianificare e sapere bene dove fermarsi in modo da poter riposare in tutta comodità e sicurezza.

 

Il camper non è un mezzo di trasporto molto diffuso, ma per i camperisti convinti è l’unico vero modo di andare in vacanza. D’altronde è difficile rinunciare alla comodità di potersi fermare ovunque per riposare e di avere una propria casa a quattro ruote dove alloggiare quando si visitano luoghi nuovi. Ci sono persone che in camper girano tutta l’Europa, specialmente d’estate dove possono sistemarsi in campeggi privati, dotati di diversi servizi. 

I più avventurosi però preferiscono usare delle zone di sosta libere che, oltre a essere spesso circondate dalle meraviglie della natura, sono anche gratis! Ovviamente bisogna fare attenzione a qualche piccolo particolare prima di fermarsi, regolandosi in base alle dimensioni del proprio camper e agli optional del quale è dotato. 

Se, per esempio, dispone di un bagno e di altre comodità allora la scelta sarà sicuramente più facile ma se viaggiate in un mini-van allora dovrete optare per una zona con determinate caratteristiche. In generale alcune di queste vanno osservate anche per i viaggi in camper, vediamo quali sono.

Posizione e sicurezza

Il fattore più importante da controllare è la posizione dell’area di sosta. Vi consigliamo di cercare una zona vicino a un centro abitato, magari collegata bene con i mezzi pubblici o raggiungibile a piedi di modo che possiate lasciare il vostro veicolo e non dovervi più preoccupare di trovare parcheggio. Nei centri abitati potrete trovare luoghi dove mangiare, rilassarvi e comparare qualche provvista per il viaggio. 

Regolatevi ovviamente su quanto volete girare a piedi, specialmente se viaggiate con dei bambini che solitamente sono i primi a stancarsi. Meglio cercare zone di sosta a non più di un chilometro di distanza dai centri abitati, in modo da potersi organizzare la meglio.

Non sottovalutate la sicurezza dell’area, magari se ci sono altri camperisti chiedete loro qualche informazione e assicuratevi che la zona sia recintata, così i bambini potranno giocare liberamente al suo interno senza alcun rischio.

 

Il bagno

Prima di tutto, se il vostro camper non dispone di un bagno è sempre bene acquistare un ottimo WC portatile specialmente se si viaggia con dei bambini. In questo modo i piccoli potranno fare i loro bisogni anche durante il viaggio, il che è ideale nel caso si percorrano strade senza zone di sosta. 

Per quanto riguarda il bagno, le zone di sosta che ne dispongono vengono segnalate come ‘attrezzate con tutti i servizi’, quindi basterà cercarle sul vostro navigatore o sulla mappa e selezionarle. Il bagno dovrebbe avere un WC, un lavandino e in alcuni casi anche la doccia, in modo da poter soddisfare tutte le vostre esigenze. Queste zone di sosta sono ideali per camper, minivan e anche automobili normali.

 

Prezzi

Alcune aree di sosta all’estero sono gratuite, sebbene con un po’ di ricerca è possibile trovarne anche in Italia. Potrebbe però capitarvi di non avere altra scelta che fermarvi in una zona a pagamento, specialmente se questa è dotata di servizi particolari come un bagno ben attrezzato. I campeggi privati per esempio hanno un costo abbastanza alto, quindi ve li consigliamo solo se non ci sono altre alternative. I prezzi delle zone di sosta possono variare dai 10 ai 20 euro al giorno.

 

Le agrisoste

Nei vari luoghi circondati dalla natura è possibile trovare delle bellissime ‘agrisoste’. Queste zone sono gestite da agriturismi che vi possono fornire un parcheggio gratuito se consumate un pasto o acquistate prodotti locali. È una buona soluzione in quanto potrete mangiare bene e non dovrete cercare ristoranti nella zona. Oltretutto potrete respirare aria pulita e ammirare panorami unici.

Pianificare

Non è mai saggio partire in camper senza aver pianificato un minimo il percorso e le varie soste da fare. Al giorno d’oggi con un buon navigatore potrete organizzare l’itinerario di viaggio in tutta comodità, magari collegandolo al vostro PC per poter vedere la mappa con più chiarezza. Cercate di individuare le zone di sosta gratuite o poco costose vicino ai luoghi d’interesse da visitare e soprattutto quelle intermedie dove fermarvi per riposarvi durante il lungo viaggio. 

Potete anche utilizzare una guida delle zone di sosta e confrontare le informazioni con Google Maps, oppure avvalervi di app per smartphone in grado di trovare facilmente le varie zone di sosta sul tragitto. 

Ovviamente per viaggiare in camper vi serve anche un po’ di spirito di adattamento, in quanto non sempre riuscirete a trovare zone di sosta perfette per le vostre esigenze. A volte potrebbero lasciare un po’ a desiderare, ma l’importante è godersi il viaggio e divertirsi, rimanendo sempre a contatto con la natura. Ricordate sempre di adattarvi in base al meteo, infatti se piove è meglio rinunciare all’agrisosta e cercare una zona vicina a un centro abitato. 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments