Ultimo aggiornamento: 20.11.19

 

Il coltellino svizzero è uno strumento tanto pericoloso quanto pratico. In questo articolo scoprirete di cosa si tratta e per cosa può essere utilizzato.

 

Se siete amanti dell’avventura oppure del fai da te, non potrete fare a meno di questo utile strumento. Ciò che spicca di più all’occhio è la sua multifunzionalità, perché riunisce in pochi centimetri numerosi strumenti e accessori utili in quasi tutte le situazioni. 

È meglio però fare attenzione a non entrare nel terreno minato dell’illegalità, perché sebbene sia uno strumento piccolo, rimane comunque potenzialmente pericoloso. Ma da dove nascono i coltellini svizzeri? Quali tipologie esistono? Per cosa possono essere utilizzati? A queste e ad altre domande verrà data risposta nei paragrafi successivi. 

 

Cos’è il coltellino svizzero?

Come si può intuire dal nome, un coltellino svizzero multiuso consente di avere a portata di mano uno strumento che unisce svariati altri accessori, utili per ogni tipo di attività. Spesso e volentieri può tornare utile sia per lavori casalinghi, sia per esperienze fuori porta come nel caso del campeggio.

Prima di utilizzarlo è buona norma avere più confidenza con la modalità d’impiego, quindi evitando di farvi male, tagliandovi anche eseguendo semplici operazioni. Perciò, apprendete come si estraggono i vari attrezzi, a cosa serve ognuno e come si usano: solo dopo potete usarlo in maniera più consapevole. 

A tal proposito possono tornarvi utili sia il manuale di istruzioni, che molto spesso viene fornito nella confezione al momento dell’acquisto, sia i tutorial che le aziende mettono a disposizione sui propri siti web.

 

 

La sua storia

L’origine del coltellino svizzero sembra risalire al 1891, anno in cui l’esercito svizzero venne fornito per la prima volta di questi strumenti nostrani e non più provenienti dalla Germania, come avveniva qualche anno prima. 

Si tratta di un periodo molto particolare, in cui le necessità di difesa non erano tante quanto quelle successive. I primi coltelli originali erano prodotti con un manico in legno, con in dotazione un punteruolo, un apribottiglie, un cacciavite e una lama per ogni tipo di esigenza. 

Ciò nonostante, appena sei anni più tardi, venne integrato un sistema a molla che consentiva di incrementare il numero di accessori. Non a caso, oggi esistono svariati modelli realizzati in materiali più o meno economici, ma ciò che spesso e volentieri contraddistingue un coltellino svizzero è il colore. 

Infatti, per antonomasia un modello tradizionale deve avere il manico colore rosso per due ragioni: per richiamare all’occhio la bandiera svizzera e per essere ben visibile qualora cada nella neve o in zone aperte ricche di vegetazione, come nel caso dei boschi.

 

Gli accessori incorporati

La gamma di coltellini svizzeri è vastissima, tanto che in commercio sono disponibili per tutte le necessità. Il vantaggio di acquistarne uno è quello di avere diversi strumenti a portata di mano, tutti raggruppati in poco spazio. 

Per questo, la scelta dei migliori coltellini svizzeri può risultare difficile: ciò nonostante i prodotti standard dispongono prettamente di strumenti essenziali come il coltello, una brugola, una lente d’ingrandimento e un cacciavite. 

Ne esistono anche di più versatili e completi, arrivando anche a più di cinquanta utensili incorporati, ma tutto dipende sia dalle dimensioni, sia dalla creatività e l’obiettivo dell’azienda e dei progettisti.

Oggi, per esempio, non è difficile trovare sul mercato coltellini svizzeri che dispongono di puntatori laser, penne, posate, entrate USB, pinze e altri accessori a scomparsa nascosti molto spesso nei manici.

 

Utile sia fuori casa…

In base al vostro stile di vita e all’esperienza accumulata nel tempo, uno strumento multifunzione come questo abbraccia numerosi campi di utilizzo. Ad esempio, per quanto riguarda l’uso esterno, è sfruttato dagli scout e da chi va in campeggio. 

Grazie alle sue compattezza e leggerezza, vi permette di portarlo in tasca e di usarlo all’occorrenza. Quindi, se dovete tagliare del rame, aprire una bottiglia, oppure se non avete le posate, questo è ciò che fa al caso vostro. 

Ma nell’uso esterno, sempre nei limiti della legge, è possibile sfruttarlo anche in occasioni di emergenza, come quando la macchina è in panne e si necessita di attrezzi come il cacciavite o una lente d’ingrandimento, oppure quando si deve tagliare un tubo o una cinghia. 

 

…sia dentro casa

Per quanto riguarda il suo uso interno, è interessante valutarlo nel caso di lavori fai da te. Ecco che potrà essere utile nel caso di lavori di hobbistica, in cui impiegare coltellini svizzeri che dispongono anche di forbici, tagliacarte e orologi. Insomma, tutto ciò che rende l’attività più facile, veloce e confortevole. 

Ma può esservi utile anche se organizzate cene tra amici o in famiglia e desiderate aprire e degustare una buona bottiglia di vino, poiché la maggior parte dei coltellini presenti in commercio dispone anche di apribottiglie per tappi in sughero e in plastica. 

 

Come prendersene cura

A prescindere dalle occasioni in cui lo utilizzerete, è sempre consigliato fare una manutenzione precisa e ordinaria, affinché i componenti e gli accessori non si rovinino con l’azione del tempo e dell’aria.

Per farlo, come ogni altro utensile che si rispetti, è bene innanzitutto rimuovere da ogni strumento l’eventuale sporco e la polvere. In questa operazione potreste aver bisogno di un panno e di un pennellino, perché non è sempre facile raggiungere gli angoli più nascosti. 

Fatto questo, sarà il momento di lubrificare con un olio adatto (che trovate facilmente su internet o in ferramenta) la lama, i perni e le molle. In questo modo non si formerà la ruggine e non avrete troppe difficoltà a estrarre gli accessori dopo svariati utilizzi. 

Poi, se vi serve una lama ben affilata per operazioni e lavori più precisi e veloci, potete optare per l’utilizzo di una classica pietra abrasiva con cui affilare il coltello. Certo, se sentite di non riuscire a farlo in sicurezza, allora chiedete l’aiuto in ferramenta per un lavoro ancora più preciso.

 

 

Una curiosità!

Una curiosità che può interessare è che il coltellino svizzero, fin dalla sua entrata in scena alla fine del 1800, grazie alla praticità, compattezza ed estrema funzionalità, ha raggiunto anche lo spazio. 

Non è un segreto infatti che ogni astronauta della NASA ne ha a disposizione almeno uno nel proprio kit di base, da utilizzare per ogni evenienza ed emergenza.