Ultimo aggiornamento: 28.02.20

Principale vantaggio

La forma rotonda della piscina la rende ideale per un giardino non troppo grande in quanto, a differenza dei modelli rettangolari, occuperà molto meno spazio. Il modello si presenta con diverse misure in grado di accontentare tutte le esigenze, si parte da 305 x 76 cm per arrivare a ben 549 x 122 cm che può sostenere fino a otto persone.

 

Principale svantaggio

Nei modelli di dimensioni ridotte venduti ad un prezzo più basso non sono inclusi alcuni accessori che possono tornare davvero molto utili. Mancano infatti la scaletta per entrare e uscire dalla piscina, indispensabile per i bambini, e il telo per la copertura. 

 

Verdetto: 9.7/10

Questa piscina gonfiabile economica si presenta con un rapporto qualità-prezzo interessante, specialmente nelle versioni di dimensioni ridotte. In generale si potrà rimanere molto soddisfatti dai materiali molto resistenti che le conferiscono una grande stabilità e una buona durevolezza nel tempo. L’inclusione della pompa per il filtraggio è un vantaggio da non sottovalutare, in quanto vi permette di tenere la piscina sempre pulita.

Acquista su Amazon.it (€88.25)

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Dimensioni

Questa piscina rotonda viene venduta in diverse misure, così potrete scegliere quella più adatta al vostro giardino senza occupare troppo spazio. Il modello qui recensito è di 305 x 76 cm, quindi di dimensioni abbastanza compatte, ideali per poter installare la propria piscina senza occupare troppo spazio. 

Può contenere fino a 1.249 litri d’acqua e ospitare un totale di quattro persone, una soluzione pratica per vivere momenti di puro relax con la famiglia e gli amici, soprattutto durante i mesi più caldi dell’anno. Per quanto riguarda i modelli di dimensioni superiori, il più grande arriva a ben 549 x 122 cm e contenere fino a 5.678 litri d’acqua, in grado di sostenere il peso di sette/otto persone contemporaneamente. 

Tenete conto però di due fattori importanti: il prezzo e la dotazione. Più grandi saranno le dimensioni del modello e più alto sarà il suo costo di vendita, ma allo stesso tempo riceverete in dotazione la scaletta e il telo per la copertura, non disponibili nei prodotti meno costosi.

Materiali

Una caratteristica da non sottovalutare quando si compra una piscina gonfiabile (ecco i migliori modelli) è la qualità dei materiali che la compongono. Il modello di Bestway su questo non delude, infatti si presenta con componenti altamente resistenti che ne permettono un utilizzo in tutta sicurezza e una lunga durata nel tempo. 

È stata progettata interamente in PVC di ottima qualità a tre strati, quindi la piscina oltre a risultare solida non verrà rovinata dalla ruggine e potrà essere lasciata nel giardino anche in caso di intemperie. All’esterno viene tenuta stabile da sostegni solidi in acciaio anticorrosione che permettono di divertirsi e di rilassarsi in acqua in tutta sicurezza. 

Ovviamente è importante non superare mai il limite di litri supportati, in modo da essere sicuri che la struttura non ceda sotto il peso combinato di acqua e persone.

 

Montaggio e manutenzione

Sebbene potrà sembrarvi complicato, il montaggio della piscina è abbastanza semplice, a patto che a farlo ci siano almeno due o tre persone. Essendo costituita in componenti separati, basterà seguire le istruzioni e potrete allestire la vostra piscina in 30 o 45 minuti. Il tempo di montaggio e le persone richieste possono variare in base alle dimensioni del modello. 

Per quanto riguarda la manutenzione, troverete inclusa nel prezzo una pompa per il filtraggio che vi permette di tenere la piscina pulita. L’unico inconveniente è che dovrete cambiare la cartuccia del filtro una volta che la portata della piscina scende sotto i 908 litri.

 

Acquista su Amazon.it (€88.25)

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

Principale vantaggio

Si tratta di una piscina da giardino di dimensioni davvero notevoli. È possibile scegliere tra diverse misure, con quella più ampia che arriva fino a 400 x 221 x 81 cm, in grado quindi di ospitare fino a sei persone mantenendosi stabile e senza alcuna fuoriuscita d’acqua. Una soluzione ideale per una famiglia numerosa o per chi ama ospitare molti amici a casa per organizzare feste o barbecue in giardino.

 

Principale svantaggio

Sulla dotazione si poteva sperare in qualcosa in più, visto il prezzo comunque abbastanza alto del prodotto. Non è inclusa la pompa, come anche il telo per coprire la piscina e la scaletta. Questi oggetti però sono indispensabili per la pulizia e la manutenzione, contando anche che senza la scaletta i bambini più piccoli potrebbero avere non poche difficoltà ad entrare e uscire dall’acqua.

 

Verdetto: 9.6/10

Nonostante la piscina venga venduta senza alcun accessorio, la consideriamo comunque una delle migliori dell’anno per le sue dimensioni davvero notevoli e i materiali estremamente resistenti che la rendono sicura. Il prezzo è interessante ma al costo di vendita bisogna comunque aggiungere la spesa della pompa per il filtraggio e del telo per la copertura. Chi ha bambini dovrà anche comprare la scaletta o ingegnarsi per costruirne una.

Acquista su Amazon.it (€160.2)

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Dimensioni

Non si trovano tutti i giorni piscine (ecco la lista dei migliori prodotti) da esterno con queste dimensioni. È stata pensata per giardini molto ampi, quindi consigliamo ai nostri lettori di prendere bene le misure e tenere in considerazione quelle della piscina prima di acquistarla. 

Quelle della versione qui recensita arrivano a 400 x 221 x 81 cm per una capacità di ben 5.700 litri di acqua, ma nel caso si cerchi qualcosa di più compatto si potranno scegliere modelli da 221 x 150 x 43 cm o di misure intermedie 300 x 201 x 66 cm. 

La forma rettangolare consente di immergersi con tutta la famiglia e fare anche qualche divertente gioco d’acqua con palloni e materassini. I bambini più piccoli potranno addirittura nuotare al suo interno, un buon modo per abituarli all’utilizzo dei braccioli o insegnare le basi del nuoto in tutta sicurezza.

Materiali

Per far fronte alle esigenze di mercato, Bestway ha curato molto la progettazione di questa piscina, utilizzando delle tecniche comuni a quelle delle altre marche. Il rivestimento in tre strati di PVC assicura una resistenza elevata e una lunga durata nel tempo anche se la piscina viene utilizzata per tutta l’estate e oltre. 

L’interno del modello è composto di fibre di poliestere di diverso diametro che aumentano notevolmente la stabilità della piscina, permettendo di immergersi e giocare in tutta sicurezza. I sostegni esterni permettono di fissarla con efficacia e di tenerla ben stabile anche sulla terra del giardino. Questi sono resistenti, ma nel tempo potrebbero arrugginirsi, senza però perdere la loro funzione stabilizzante.

 

Montaggio e dotazione

Per montare la piscina è necessario farsi aiutare da una o due persone, in quanto le dimensioni notevoli rendono impossibile il compito ad un solo utente, a meno che non sia pratico di fai da te. Il tempo di montaggio arriva a 30 – 45 minuti complessivi a seconda di quante persone vengono impiegate nella procedura. 

La piscina è composta da diversi componenti da assemblare per creare il telaio, quindi il montaggio in sé non sarà particolarmente impegnativo o faticoso, solo molto lungo. Seguendo tutte le istruzioni passo per passo non si dovrebbe incontrare alcun problema. 

Per quanto riguarda la dotazione invece, il modello Bestway lascia molto a desiderare in quanto la pompa per il filtraggio, la copertura e la scaletta per i bambini non sono incluse nel prezzo e andranno acquistate separatamente. Pensiamo che il produttore avrebbe potuto inserire almeno il telo, in quanto trovarne uno delle dimensioni adeguate potrebbe non essere un’impresa facile.

 

Acquista su Amazon.it (€160.2)

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

Principale vantaggio

Una piscina ideale per tutta la famiglia grazie alle sue dimensioni davvero ampie che arrivano a 220 x 150 x 60 centimetri per una capacità complessiva di ben 1.662 litri. Con questo modello sarà possibile rilassarsi con i propri familiari o organizzare dei divertenti barbecue estivi nel proprio giardino nei mesi più caldi dell’anno, sorseggiando bevande mentre si sta comodamente immersi in acqua.

 

Principale svantaggio

Nella confezione non è inclusa la pompa per il filtraggio, indispensabile per la pulizia dell’acqua e la purificazione del cloro. Un difetto questo abbastanza prevedibile, considerando il prezzo davvero molto conveniente del prodotto.

 

Verdetto: 9.6/10

Il rapporto qualità-prezzo della piscina gonfiabile Intex non si discute, si tratta infatti di uno dei modelli più convenienti dell’anno e allo stesso tempo resistenti. Il montaggio semplice è un altro punto a suo favore in quanto consente di allestire la piscina in appena mezz’ora. Lo consigliamo a chi dispone di un giardino ampio e vuole trovare il modo di fuggire per qualche ora dal torrido caldo estivo. Da tenere in considerazione che al prezzo di vendita del prodotto c’è da aggiungere quello di una pompa di filtraggio, a meno che non se ne possieda già una.

Acquista su Amazon.it (€68.41)

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Capiente

Le piscine gonfiabili (controllare qui la lista delle migliori offerte) solitamente sono abbastanza limitate in quanto a capienza, pensate solo per quattro persone. Questo modello di Index si propone di ‘allargare’ il campo delle possibilità, con una vasca di dimensioni davvero notevoli che arrivano a 220 x 150 x 60 cm nel modello base qui recensito e addirittura a 450 x 220 x 84 cm in quello più ampio. 

Le dimensioni standard quindi permettono alla piscina di sostenere un carico d’acqua al 90% per le sue misure, quindi ben 1.662 litri. Questo consente a sei o sette persone di immergersi tranquillamente anche con oggetti per divertirsi come materassini gonfiabili e palloni. 

Una soluzione ideale per tutta la famiglia: gli adulti potranno trovare sollievo dal caldo afoso dell’estate e rilassarsi con una bella bevanda, i bambini invece si divertiranno un mondo e potranno anche iniziare a imparare le basi del nuoto.

Resistente

Nonostante il basso costo, questo modello si presenta molto bene, con dei materiali utilizzati per la sua produzione davvero resistenti. Il rivestimento è stato realizzato usando una particolare tecnologia chiamata Super-Tough che consiste in ben tre strati di PVC e poliestere in grado di garantire una solidità e una longevità davvero superlative. 

La struttura invece è stata realizzata in acciaio in grado di mantenere ben salda la piscina anche quando all’interno ci sono più persone. Questo la rende estremamente sicura anche per i bambini che al suo interno potranno giocare a palla o con i materassini. All’esterno i sostegni, sempre in metallo, garantiscono un buon equilibrio della piscina sul terreno del giardino.

 

Montaggio

Una piscina così grande potrebbe sembrare davvero difficile da montare. In realtà assemblare il prodotto sarà molto semplice grazie alla sua struttura divisa in pezzi indipendenti che si potranno unire per formare il telaio della piscina. Per montare completamente la piscina ci vogliono almeno 30 minuti ed è indispensabile farsi aiutare da un’altra persona. 

Nella confezione si troverà un manuale di istruzioni chiaro ed esemplificativo, seguendo passo per passo i vari procedimenti di assemblaggio sarà possibile allestire la piscina senza troppi grattacapi. Avvisiamo i nostri lettori che nella confezione non sarà inclusa la pompa per il filtraggio che andrà quindi acquistata separatamente.

 

Acquista su Amazon.it (€68.41)

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

Principale vantaggio

La funzione idromassaggio con riscaldamento regolabile garantisce ore e ore di relax, non solo in estate. Temperatura e getti sono facilmente controllabili tramite i pratici comandi del pannello di controllo integrato nella piscina. In questo modo si potrà configurare la piscina in base alle proprie esigenze e soprattutto al clima esterno.

 

Principale svantaggio

Il sistema di riscaldamento dell’acqua non è particolarmente veloce, infatti prima di arrivare alla temperatura ideale si dovrà aspettare molto tempo. Questo ovviamente comporta consumi più elevati che si rifletteranno sui costi di fine mese.

 

Verdetto: 9.7/10

Il prezzo di questa piscina gonfiabile è abbastanza alto, giustificato dalle varie funzioni presenti per l’idromassaggio e la temperatura. A livello di performance si comporta davvero egregiamente, per questo possiamo consigliarla a chi è disposto a spendere una cifra considerevole per acquistare un prodotto di alta qualità utilizzabile anche durante i mesi freddi.

Acquista su Amazon.it (€399)

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Idromassaggio

L’idea di avere a disposizione una piscina gonfiabile (lista dei migliori prodotti) dotata di funzione idromassaggio è molto allettante, sebbene occorre fare un investimento un po’ più impegnativo rispetto a quelle normali. Il modello Intex è dotato di funzione Bubble Therapy, ovvero un sistema in grado di produrre bolle tramite ben 120 prese d’aria sotto pressione inserite sul fondo e sui lati della piscina. 

Attivando l’idromassaggio ci si potrà mettere comodamente in acqua e farsi coccolare, ideale per alleviare lo stress di una giornata lavorativa particolarmente faticosa, o magari per rilassarsi con tutta la famiglia nel week end. La potenza e la temperatura dell’acqua si potranno configurare tramite un pratico pannello di controllo integrato nella piscina, quindi si potrà gestire il tutto senza dover uscire dall’acqua. 

La temperatura si può regolare dai 20 ai 40° C, in modo da decidere il calore dell’acqua in base al clima esterno. Una volta attivata la funzione di riscaldamento, questa ci metterà un po’ di tempo a raggiungere la temperatura selezionata. 

C’è da aspettarsi quindi un consumo elettrico abbastanza elevato, specialmente la piscina viene utilizzata molto spesso. Per risparmiare in estate conviene sistemare la piscina in un lato soleggiato del terrazzo o del giardino, in modo che l’acqua si riscaldi grazie ai raggi solari.

Materiali

Il secondo punto di forza della piscina Intex è la qualità dei materiali utilizzati per la sua progettazione. La struttura in Fiber-Tech risulta estremamente morbida e confortevole per potersi immergere in acqua e poggiare la schiena sui bordi della piscina in tutta comodità. 

Allo stesso tempo però, questo materiale è estremamente resistente in quanto consente alla piscina di supportare senza problemi il massimo del carico d’acqua possibile con ben 4 persone all’interno. All’esterno invece troviamo il PVC in triplice strato, antiruggine e resistente alle intemperie. 

Nella confezione si troverà anche una copertura con agganci, ideale per evitare che il calore si disperda e per impedire ai bambini di entrare in piscina senza la supervisione degli adulti.

 

Dotazione

Oltre alla copertura, troverete due pratici oggetti per la manutenzione del prodotto. Il primo è il dispenser galleggiante che permette di inserire pastiglie di cloro e ossigeno, in modo da poter effettuare il cambio con più facilità. Questo però non toglie che pulizia del prodotto è abbastanza impegnativa, in quanto ci vuole molto tempo per pulire a fondo la vasca dopo ogni utilizzo. 

Ancora più difficile risulta mettere la vasca nella sacca per conservarla, viste le dimensioni e i diversi componenti presenti. Si consiglia di farsi aiutare da almeno un’altra persona sia per allestirla, sia per piegarla in quanto almeno un utente dovrà tenere la sacca per il trasporto aperta. 

Diciamo che la piscina non è particolarmente pratica, ma d’altronde l’aggiunta dell’idromassaggio e della temperatura regolabile hanno comportato qualche difficoltà nel design.

 

Acquista su Amazon.it (€399)

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

 

Principale vantaggio

La piscina gonfiabile è stata progettata con materiali che le conferiscono una longevità davvero impressionante edì una resistenza elevata. La struttura esterna è composta da tubolari in acciaio che sostengono con efficacia il peso dell’acqua, in modo da permettere ai bagnanti di rilassarsi e divertirsi in tutta tranquillità. Le pareti in poliestere e PVC a triplo strato contribuiscono a rendere il prodotto ancora più solido ed affidabile. 

 

Principale svantaggio

Nella confezione è inclusa una pompa di filtraggio per la pulizia dell’acqua nella vasca, ma questa non è abbastanza potente per eseguire una manutenzione soddisfacente. Questo problema si può aggirare comprando una buona pompa di filtraggio, sebbene comporti una spesa che magari non tutti vogliono affrontare. Segnaliamo che nella confezione manca il telo per la copertura della piscina, da acquistare separatamente.

 

Verdetto: 9.8/10

Difficile trovare una piscina gonfiabile con un rapporto qualità-prezzo conveniente come questa Intex, per questo la promuoviamo con un voto alto. La struttura resistente è una garanzia per la sicurezza, inoltre il montaggio semplice ed intuitivo permette a chiunque di allestire la piscina in 30 minuti. Da lodare anche la possibilità offerta dal produttore di scegliere le dimensioni della piscina in base alle proprie esigenze. In conclusione possiamo consigliare la piscina a tutti gli utenti che possiedono un giardino e vogliono approfittare di questa offerta per procurarsi subito una piscina dove rinfrescarsi una volta arrivata l’estate.

Acquista su Amazon.it (€94.31)

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Resistente

Una delle caratteristiche più importanti da cercare in una buona piscina gonfiabile (ecco la lista dei nostri migliori modelli) è la qualità dei materiali che ne determinano la resistenza al peso dell’acqua, delle persone e soprattutto all’usura. Nonostante il prezzo relativamente basso rispetto alle normali piscine gonfiabili, questo modello di Intex si presenta con una struttura molto solida che permette di immergersi in acqua e rilassarsi senza alcun rischio. 

All’esterno verrà sostenuta da tubolari in acciaio che trattengono la forza esercitata dal peso dell’acqua e allo stesso tempo permettono alla piscina di rimanere stabile sul terreno. A contribuire alla longevità e alla resistenza del prodotto ci pensano le pareti create in poliestere e PVC a triplo strato che proteggono il metallo dalla ruggine.

Montaggio

Montare una piscina gonfiabile può sembrare un’impresa piuttosto impegnativa, Intex quindi ha pensato di facilitare il compito agli utenti creando un sistema di montaggio semplice ed intuitivo. Per farlo occorrerà essere almeno in due persone, così in trenta minuti sarà possibile assemblare l’intera struttura semplicemente unendo i pezzi indipendenti che la compongono per poi pompare l’acqua al suo interno. 

È consigliabile posizionare la piscina in un punto spazioso del proprio giardino, possibilmente lontana da pareti o ostacoli che possono rendere difficili gli spostamenti dei bagnanti. A seconda delle proprie esigenze sarà possibile acquistare modelli di diverse dimensioni e in grado di supportare un determinato peso. 

Prima di acquistare il prodotto è bene valutare lo spazio disponibile nel proprio giardino e quante persone useranno la piscina, in modo da non sbagliare misure e peso supportato.

 

Dotazione

Nel prezzo della piscina è inclusa l’indispensabile pompa di filtraggio. Questa servirà a pulire e filtrare l’acqua della piscina, un’operazione che andrà fatta ogni giorno in modo da rimuovere le impurità potenzialmente dannose per la salute degli utenti. 

La pompa in dotazione però non è abbastanza potente per poter eseguire una pulizia soddisfacente, per questo è consigliabile procurarsi un modello più performante. Online è possibile trovare una vasta gamma di pompe di filtraggio dal prezzo conveniente, sebbene questa spesa si va ad aggiungere al costo della piscina. 

Nella confezione manca il telo di copertura che invece torna molto utile per evitare che rametti e foglie di alberi finiscano nell’acqua.

 

Acquista su Amazon.it (€94.31)

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

 

Doccia Solare – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

Se possedete una casa con il giardino potreste considerare l’acquisto di una doccia solare  per rilassarvi all’aperto. Dato che sul mercato ci sono davvero tantissimi modelli disponibili potreste avere qualche difficoltà a scegliere quello giusto per le vostre esigenze, per questo abbiamo preparato questa pagina dove potrete trovare degli utili consigli per comprare la doccia solare migliore ad un buon prezzo. Se non avete tempo di leggere tutta la nostra guida vi possiamo consigliare subito la Dardaruga Doccia ed energia solare Giardino Piscina Esterno, dall’ottimo rapporto qualità-prezzo e che funziona completamente a energia solare. In alternativa, a un costo ancora più basso troviamo la GF Garden Doccia Solare Sunny Style Premium, facile da trasportare e quindi ideale per andare in campeggio.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 Migliori Docce Solari – Classifica 2020

 

 

1. Dardaruga Doccia ed Energia Solare Giardino Piscina Esterno

 

Tra le migliori docce solari del 2020 troviamo la tartaruga che si presenta con un rapporto qualità-prezzo molto interessante. Riesce a riscaldare l’acqua fino a 60 gradi in una o due ore, così potrete utilizzare la doccia più di una volta nel corso della vostra rilassante giornata in giardino. 

L’installazione è davvero semplice, non dovrete fare altro che collegare la doccia al tubo di irrigazione. Un’aggiunta molto gradita è il rubinetto in basso molto utile per risciacquare le ciabatte e lavare i piedi prima di entrare in casa. 

La regolazione della temperatura avviene tramite un comodo miscelatore, mentre l’ampio soffione sferico si può orientare in diverse direzioni, così potrete aggiustarlo in base alle vostre esigenze. Se non sapete dove acquistare il prodotto nuovo e a prezzi bassi, cliccate pure sul link della pagina del negozio che trovate qui di seguito.

 

Pro

Pratica: Si può installare facilmente, in quanto non richiede l’allaccio all’acqua della casa. Basta infatti collegarla al tubo da irrigazione e il gioco è fatto.

Veloce: Può riscaldare l’acqua in una o due ore fino a una temperatura di 60 gradi.

Rubinetto: In basso troverete un rubinetto grazie al quale potrete lavare i piedi e pulire le ciabatte prima di entrare in casa.

Soffione: Ampio e regolabile, vi consente di fare delle belle docce rilassanti godendo della tranquillità del vostro giardino.

 

Contro

Materiali: La doccia solare è stata prodotta con materiali di qualità mediocre che nel tempo tenderanno a rovinarsi.

Acquista su Amazon.it (€131.44)

 

 

 

2. GF Garden Doccia Solare Sunny Style Premium

 

Quella di GF Garden è probabilmente la migliore d’occhio solare per il campeggio Non a caso è una delle più vendute on-line. il suo vantaggio principale sta nella comoda base che permette di posizionarla ovunque si vada, per questo ve la consigliamo se siete soliti andare spesso in campeggio e non volete affrontare alcun tipo di montaggio. 

La base funge anche da serbatoio che quando esposto ai raggi solari potrà riscaldare l’acqua in in circa un’ora o due. La temperatura si potrà regolare in base alle proprie esigenze, così come la barra, allungabile dai 1.40 m ai 2.10 m. 

Una soluzione ideale sia per gli adulti sia per i bambini che potranno farsi la doccia senza difficoltà. Il doccino si può staccare dall’asta per poter lavare i piedi e le ciabatte con più facilità.

 

Pro

Portatile: Il design pratico della doccia solare consente di portarla ovunque si vada, quindi consigliata soprattutto per i viaggi in camper o per il campeggio in tenda.

Base: Oltre a sostenere la doccia, la base funziona da serbatoio dove verrà immagazzinata l’energia solare che potrà riscaldare l’acqua in circa un’ora o due.

Regolabile: La temperatura e l’altezza della doccia sono regolabili in base alle esigenze di chi la utilizza.

Doccino: Si può staccare dall’asta per lavare le parti inferiori del corpo e pulire le ciabatte prima di entrare in casa.

 

Contro

Poco potente: Il getto d’acqua del soffione non è molto soddisfacente.

Acquista su Amazon.it (€89)

 

 

 

3. Karcher Irrigazione Doccia da Giardino Basamento Treppiede

 

Se state cercando un prodotto più economico e non sapete quale doccia solare comprare, vi invitiamo a dare un’occhiata a questo modello di Karcher. Si tratta di una semplice asta con base e soffione che potrete collegare alla pompa dell’acqua in modo da trasformarla in una vera e propria doccia. 

Il vantaggio principale del prodotto sta nella sua versatilità, in quanto si potrà anche montare a muro, in modo da occupare il meno spazio possibile. Questa opzione è particolarmente consigliata, in quanto i piedi della base non sono particolarmente stabili, specialmente se messi sul terreno del giardino. 

La lancia della doccia è estraibile, così potrete utilizzarla anche per innaffiare le vostre piante e i fiori. Nonostante il prezzo basso, i materiali della doccia sono di buona qualità, lo dimostrano i diversi pareri positivi degli utenti che ne lodano l’assenza di perdite in chiusura.

 

Pro

Pratica: Si tratta di una doccia per esterni di dimensioni ridotte che si può installare ovunque, anche in un giardino o terrazzo non troppo spazioso.

Versatile: Si può posizionare ovunque grazie alla pratica base, oppure montarla al muro in modo da ridurre ulteriormente l’ingombro. La lancia rimovibile vi consente di usare la doccia per innaffiare le piante e i fiori. 

Qualità-prezzo: Viene venduta a un costo davvero basso, inoltre i materiali sono di buona qualità ed evitano le perdite d’acqua quando viene chiuso il rubinetto.

 

Contro

Poco stabile: Se piazzata sulla terra in giardino, la base della doccia si rivela poco stabile.

Acquista su Amazon.it (€41.48)

 

 

 

4. Arkema Design Doccia Solare da Esterno Giardino 44L

 

Ecco una doccia solare che potrà fare la vostra felicità se siete amanti del design, a patto che siate disposti a spendere una cifra abbastanza alta. Il look sinuoso ed elegante della doccia si adatta perfettamente ad un giardino curato o ad un ampio terrazzo, mentre la realizzazione in Polietilene HD le conferisce una grande resistenza alla salsedine e al calcare. 

Questo la rende particolarmente ideale per una casa vacanze a pochi passi dal mare. Una volta creata l’acqua calda tramite l’esposizione al sole, questa rimarrà a temperatura ottimale per molte ore, così potrete farvi una doccia all’aperto dopo una bella giornata al mare. 

Il modello dispone anche di un lavapiedi e, sebbene lo si possa utilizzare solo con l’acqua fredda, torna sempre molto utile per pulire piedi e ciabatte con cura prima di entrare in casa.

 

Pro

Design: Esteticamente la doccia si presenta davvero molto bene, con curve sinuose che la rendono ideale per un giardino o un terrazzo elegante.

Materiali: Il Politene HD usato per la composizione della doccia è altamente resistente ai raggi UV, al calcare e alla salsedine.

Efficace: La doccia potrà tenere calda l’acqua per ore, in modo da permettervi di lavarvi a temperatura ottimale anche quando tornate dal mare al tramonto.

Lavapiedi: Utile per lavare bene i piedi e le ciabatte in modo da non fare disastri in casa.

 

Contro

Prezzo: Ci sono docce solari in commercio molto meno costose di questa.

Acquista su Amazon.it (€324.5)

 

 

 

5. Nemaxx SD35 FX Doccia Solare per Giardino

 

Una comparazione tra le offerte ci ha fatto scoprire questa doccia solare di Nemaxx che tra quelle vendute online si distingue per il suo serbatoio capiente e resistente. Realizzata prevalentemente in PVC, questa doccia si può installare nel proprio giardino oppure vicino alla piscina, in modo da poterla utilizzare sia per darsi una rinfrescata sia per togliersi di dosso il cloro. 

Si monta facilmente, in quanto basta posizionarla in un punto soleggiato e lasciare che i raggi solari riscaldino l’acqua, portandola a temperatura ottimale. Il processo di riscaldamento può durare un’ora o due, durante le quali l’acqua arriverà a 60 gradi centigradi. 

La temperatura è regolabile tramite l’apposito miscelatore. Non manca il lavapiedi situato in basso, molto comodo anche per pulire le ciabatte o riempire secchi d’acqua.

 

Pro

Materiali: Si presenta con una struttura e un serbatoio in PVC resistente ai raggi ultravioletti e che potrà durare molto nel tempo.

Per piscina: Si può installare anche a bordo di una piscina per togliersi subito il cloro di dosso una volta usciti dall’acqua.

Miscelatore: In un’ora o due l’acqua arriverà ad una temperatura di 60 gradi che si potranno poi regolare a piacimento.

Lavapiedi: Torna sempre molto utile per togliersi la sabbia dalle game e dai piedi dopo che si è stati al mare, oppure per riempire un secchio.

 

Contro

Calcare: La copertura in PVC non è anticalcare, quindi vi toccherà fare un po’ di manutenzione.

Acquista su Amazon.it (€124.9)

 

 

 

6. VidaXL Doccia Solare per Giardino 35 L

 

La doccia solare vidaXL è tra i modelli più costosi, ma se state cercando un prodotto creato con materiali resistenti che sia anche bello da vedere, allora non rimarrete delusi. Si presenta con un rivestimento in PVC altamente resistente ai raggi UV, quindi potrete lasciarla al sole senza danneggiarla. 

Il montaggio del prodotto è abbastanza semplice, basta fissarla saldamente a terra con le quattro viti incluse nel prezzo, successivamente occorre collegare la pompa dell’acqua. Sulle prestazioni siamo nella norma: il serbatoio può contenere fino a 35 litri d’acqua e scaldarla fino a una temperatura di 60° in un paio di ore. 

Come molti altri modelli, anche questo dispone di miscelatore per regolare la temperatura dell’acqua e di un comodo rubinetto per lavare i piedi.

 

Pro

Design: Rispetto ad altre docce simili, questa si presenta con un design più elegante. Anche il soffione ha una fantasia gradevole.

Resistente: Il PVC anti raggi UV vi consente di tenere la doccia al sole senza alcun problema, inoltre questo materiale risulta molto resistente alla ruggine.

Pratica: Dispone di un rubinetto inferiore per lavare piedi e ciabatte, oltre ad un miscelatore grazie al quale è possibile regolare la temperatura dell’acqua.

 

Contro

Prezzo: Ci sono modelli decisamente più economici in commercio, quindi se avete un budget limitato vi consigliamo di continuare a cercare.

Acquista su Amazon.it (€118.77)

 

 

 

7. Claber 87266 BL. Doccia Malibu 8956

 

Dato che vengono utilizzate prevalentemente in estate, potrebbe non avere molto senso spendere troppo per comprare una doccia solare. Se avete un budget ridotto e state cercando il risparmio, il modello di Kleber potrà fare al caso vostro. 

Il design spartano da una parte non la rende proprio bella da vedere ma dall’altra permette di collocarla ovunque senza occupare troppo spazio e di spostarla con altrettanta facilità. La doccia è composta da tre elementi in alluminio antiossidanti che si dovranno assemblare seguendo un semplice procedimento. 

Una volta completato il montaggio la doccia si potrà regolare in altezza, in modo da poterla usare in tutta comodità. Dispone anche di una base con tre piedi, ma questa non è molto stabile, quindi bisogna stare attenti a quando si apre l’acqua perché un getto troppo forte potrebbe causarne lo spostamento o la caduta.

 

Pro

Economica: Il prezzo davvero basso di questa doccia la rende davvero accessibile a tutti, quindi ve la consigliamo se volete risparmiare.

Materiali: Le parti della doccia sono composte in allumino antiossidante, quindi potranno durare a lungo nel tempo.

Dimensioni: Rispetto ad altre docce solari, questa si presenta con misure compatte ideali per un piccolo giardino o terrazzo.

Montaggio: Assemblare l’asta della doccia e la base è davvero molto semplice, inoltre per l’acqua basterà attaccare la pompa e il gioco sarà fatto.

 

Contro

Base: I piedi della base non sono molto stabili, dunque prestate una certa attenzione anche a dove posizionarla.

Acquista su Amazon.it (€21.39)

 

 

 

8. Bestway, Doccia Solare A Sacca, 20L

 

Design e materiali non sono i punti di forza di questa doccia solare, inoltre il serbatoio è molto meno capiente di altri modelli. Se però non fate molto caso all’estetica e volete risparmiare il più possibile, questa Bestway va più che bene. Il suo ‘look’ a forma di sacca è abbastanza funzionale, anche perché non dovrete montare componenti o fissare viti in giardino. 

Vi basterà appendere la sacca a una cordicella e collegare la pompa dell’acqua per la fornitura. Può riscaldare fino a 20 litri d’acqua, quindi può andare bene per una famiglia o una coppia. La comodità del prodotto sta anche nella facilità di trasporto, molto utile quindi se volete portarla con voi in campeggio. Viste le premesse però, vi invitiamo a non aspettarvi troppo dalle performance del prodotto.

 

Pro

Prezzo: Si tratta della doccia solare meno costosa in circolazione. Più di così non sarà davvero difficile risparmiare.

Pratica: Basta appenderla ad una corda per tenerla sospesa e collegare la pompa dell’acqua. Le dimensioni compatte e l’assenza di componenti aggiuntivi permette di portarla ovunque si vada.

 

Contro

Design: Se ci tenete all’estetica questa ‘sacca’ non abbellirà di certo il vostro giardino.

Serbatoio: Meno capiente di altri modelli, arriva solo a 20 litri d’acqua.

Acquista su Amazon.it (€6)

 

 

 

Guida per comprare una buona doccia solare

 

Avete letto le nostre recensioni, ma non sapete ancora come scegliere una buona doccia solare? In questa sezione della nostra guida potrete trovare informazioni utili che vi aiuteranno a capire quali sono le caratteristiche principali da cercare in un prodotto.

 

 

Cos’è una doccia solare?

Prima di tutto bisogna fare un po’ di chiarezza su cosa è una doccia solare. Si tratta di un articolo molto una simile ad una qualsiasi doccia per ambienti esterni, con l’unica differenza che il serbatoio prende il calore dai raggi solari per riscaldare l’acqua al suo interno. 

In questo modo si può risparmiare molto sui consumi, inoltre per il suo funzionamento non è richiesto l’attacco alla caldaia. Con la maggior parte dei modelli basta collegare la pompa dell’acqua che avete in giardino e aspettare almeno una o due ore che l’acqua si riscaldi. 

Il tempo impiegato per raggiungere le temperature ottimali è simile per tutte le docce solari, infatti queste vanno montate in dei punti particolarmente soleggiati del giardino o del terrazzo. Ma cosa distingue quindi un modello dall’altro? Continuate la lettura per scoprirlo.

 

Design

Questo elemento che spesso si può tralasciare quando si comprano articoli di altro tipo, per l’acquisto di una doccia solare è importante per due punti: prima di tutto per le dimensioni e in secondo luogo per l’estetica. Ci sono docce solari che possono risultare molto ingombranti, in quanto dispongono di una struttura con miscelatore, soffione e rubinetto. 

Questa tipologia solitamente ha un design molto piacevole, con alcune soluzioni estetiche che possono abbellire il giardino. D’altra parte però sono abbastanza costose e poco adatte se volete risparmiare. Se non avete molto spazio a disposizione in giardino e pochi soldi nel portafoglio, vi consigliamo di optare per dei modelli composti da tre aste, da un soffione e da un tripode che funge da base. 

Assemblare questi prodotti è molto semplice, inoltre spesso è prevista la possibilità di montarli contro una parete. Le docce solari di questa tipologia sono le meno care, ma non sono le più belle da vedere e non dispongono di un rubinetto per lavare i piedi che può tornare molto utile.

 

Materiali

Quando comprate una doccia solare è molto importante controllare che i materiali usati per la sua creazione siano resistenti ai raggi UV. D’altronde stiamo parlando di oggetti che dovrete tenere al sole per quasi tutta la giornata, quindi questa caratteristica è praticamente indispensabile. 

Dato che i materiali staranno a contatto con l’acqua è una buona idea trovare una doccia solare composta in PVC, in modo da non far creare calcare o ruggine che potrebbero danneggiare irreparabilmente l’articolo. Se invece volete montare la doccia nella vostra casa vacanze vicino al mare, allora è bene comprarne una che possa resistere anche alla salsedine. 

Le docce economiche a tre aste sono composte in alluminio antiossidante che può sopportare urti e cadute, ma non ha la stessa resistenza del PVC ai raggi UV, al calcare e alla ruggine. Dei difetti comuni a molte docce sono il soffione che spesso non è abbastanza potente e il miscelatore che tende ad allentarsi dopo svariati utilizzi. 

Tenete conto che si tratta sempre di oggetti pensati per essere utilizzati nei pochi mesi estivi, quindi consigliamo di non contare troppo sulla loro longevità.

 

 

Funzioni aggiuntive

Le docce solari sono articoli molto semplici senza alcun fronzolo o particolare funzione aggiuntiva, ma se volete qualcosa in più potete optare per un prodotto che oltre al soffione abbia un rubinetto collocato nella parte inferiore. Questo vi permette di pulire per bene piedi e ciabatte, cosa molto utile quando siete in campeggio vicino al mare. 

Alcune docce invece permettono di estrarre il soffione e utilizzarlo per innaffiare le piante e i fiori nel proprio giardino. Si tratta comunque di opzioni aggiuntive che si trovano in quasi tutti i modelli e soprattutto non fanno alzare troppo il prezzo del prodotto.

 

 

 

Domande Frequenti

 

Come funziona la doccia solare?

La doccia solare funziona grazie ad un serbatoio che riscalda l’acqua quando viene esposto al sole per una o due ore. Per fornire il serbatoio d’acqua, basta collegarlo alla pompa che avete in giardino, quindi una volta montata non ci sarà altro da fare se non aspettare che l’acqua arrivi alla temperatura ottimale e poi godersi una bella doccia calda all’aperto. La maggior parte dei modelli dispone di un miscelatore che consente di regolare la temperatura dell’acqua in base alle proprie esigenze.

 

Dove comprare una doccia solare?

Potete comprare le docce solari sia nei negozi specializzati in articoli da giardino, sia online. Acquistando online potrete risparmiare e inoltre avrete a disposizione una vasta gamma di prodotti tra i quali scegliere. In questo modo potrete trovare quello giusto per le vostre esigenze. Tenete conto che in qualunque caso sarà vostra compito montare la doccia una volta acquistata, ma non preoccupatevi perché l’installazione è abbastanza semplice.

 

Quanto costa una doccia solare?

Le docce solari sono prodotti abbastanza economici, quindi potete procurarvene uno anche se il vostro conto in banca non è alle stelle. I modelli più costosi che di solito sono costruiti in PVC e comprendono miscelatore, soffione e rubinetto per lavare i piedi possono arrivare a costare dai 100 ai 130 euro. Per risparmiare potete sempre optare per una doccia solare un po’ meno bella da vedere, costruita in alluminio e con tre aste da assemblare. Se invece cercate proprio il prodotto più economico, potete comprare una semplice sacca con rubinetto, ma a questo punto forse è meglio costruirvela da soli.

 

A quanto arriva la temperatura dell’acqua?

In generale tutti i modelli di doccia solare possono scaldare l’acqua fino a 60° in almeno due ore. Vi basta caricare il serbatoio con la pompa dell’acqua e poi lasciare che si riscaldi. Vi consigliamo di tenere la doccia in un punto particolarmente soleggiato del giardino, in quanto l’ombra potrebbe rallentare o annullare il processo di riscaldamento dell’acqua.

 

Si può montare la doccia solare in terrazzo?

Sì certo, niente lo vieta, ma è consigliabile farlo solo se il proprio terrazzo è abbastanza grande. In questo caso comprate una doccia solare montabile a parete oppure che abbia una base con tre piedi facilmente rimovibile. In questo modo potrete spostarla con facilità e riporla nello sgabuzzino quando magari fuori piove o inizia a fare freddo.

 

 

 

Come costruire una doccia solare in giardino

 

Costruire una doccia solare è abbastanza semplice e non richiede troppi sforzi. Prima di tutto dovete trovare un punto nel vostro giardino molto soleggiato, dove ci sia abbastanza spazio per montare la vostra doccia solare ‘fatta in casa’. Per evitare disguidi o spiacevoli sorprese, vi consigliamo comunque di fare la doccia solare in costume. 

 

 

Se siete pratici nel fai da te potete sempre pensare di costruire un’alta staccionata di legno che circondi la doccia, in modo da poterla coprire e avere un po’ di privacy. Una volta stabilito dove montare la doccia solare, dovete procurarvi un bidone nero e un rubinetto con attacco per la pompa dell’acqua. Perché il bidone dev’essere nero? Semplice, perché il nero è un colore che attira i raggi solari, quindi è più probabile che l’acqua venga riscaldata più in fretta.

 

I passaggi successivi

Prendete il vostro bidone e mettetelo su un supporto ad un’altezza decente dal suolo, potete usare i rami di un albero, una catena o una cordicella resistente. In seguito dovete fare un buco con un trapano sulla base del bidone e inserire il rubinetto. Vi consigliamo di usare del silicone per avvolgere il rubinetto, altrimenti potrebbe perdere molta acqua, anche quando non viene utilizzato. 

Ora non vi resta che collegare la pompa al rubinetto ed il gioco è fatto. Riempite il bidone con dell’acqua fredda e lasciate che questa si riscaldi al sole per almeno una o due ore e potrete godere di una bella doccia calda all’aperto… e non avrete speso niente!

 

I contro… 

Ovviamente come per ogni cosa, ci sono degli svantaggi nel costruire una doccia solare con un semplice bidone. Il primo è che non avrete modo di regolare la temperatura dell’acqua e quindi dovrete accontentarvi di quella raggiunta grazie all’esposizione ai raggi solari. 

 

 

In secondo luogo avere un bidone appeso per il giardino o vicino alla vostra tenda da campeggio non è proprio il massimo a livello estetico, ma se non ci badate troppo allora questo problema non si pone. 

Valutate anche la poca resistenza del bidone nero che, dopo qualche utilizzo, potrebbe rovinarsi inevitabilmente a causa dell’acqua contenuta al suo interno e per l’esposizione continua ai raggi solari. Avrete comunque la soddisfazione di aver costruito voi stessi una doccia solare a costo zero.

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

 

 

Principale vantaggio

Uno dei pregi del gazebo richiudibile Dardaruga è, innegabilmente, il basso prezzo. Per prodotti simili, magari con qualche piccolo vantaggio in più, è necessario sborsare diverse centinaia di euro, una soluzione che non tutti i consumatori considerano come sostenibile. Pertanto, se avete un budget contenuto, il gazebo in questione potrebbe fare esattamente al caso vostro.

 

Principale svantaggio

Con un prezzo basso vengono anche tanti piccoli dettagli da valutare, come per esempio la resistenza e la qualità globale dei materiali. Se da un lato abbiamo dunque un gazebo conveniente dal punto di vista economico, dall’altro il tendone è molto sottile e soggetto a strappi mentre la struttura in metallo può arrugginire e deteriorarsi facilmente se non riposta in una zona asciutta, evitando qualsiasi contatto con acqua e pioggia.

 

Verdetto: 9.5/10

Il gazebo proposto da Dardaruga può essere acquistato senza alcun tipo di rimpianto da utenti che devono farne un uso blando, installandolo di tanto in tanto durante il caldo periodo estivo, per delle feste o per qualche giorno in campeggio. Utilizzi più intensivi che ne richiedono l’apertura tutto l’anno potrebbero rivelarsi deleteri, portando a un’usura eccessiva che potrebbe renderlo inutilizzabile in poco tempo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Gazebo richiudibile

L’idea di installare un gazebo sul proprio terrazzo o magari in giardino sarà sicuramente balenata nella vostra mente almeno una volta, soprattutto se avete una casa di proprietà con molto spazio a disposizione.Tuttavia, spesso, tale installazione può rivelarsi complicata, soprattutto se bisogna richiedere dei permessi per l’edificazione di una vera e propria struttura da dichiarare. Insomma, una trafila a cui non tutti hanno voglia e tempo di sottoporsi. 

Non dovete però necessariamente rinunciare al desiderio di avere un gazebo dal momento che sul mercato sono presenti numerose opzioni, anche a basso costo, che non richiedono alcun impegno se non quello minimo di assemblare da sé il gazebo e richiuderlo quando poi non ne avete più bisogno.

Uno dei prodotti in questione è proprio il gazebo bianco richiudibile proposto da Dardaruga, dalle dimensioni pari a 3 x 3 metri. Una soluzione ideale non solo per creare un po’ di ombra in giardino e magari passare un caldo pomeriggio estivo a leggere un libro all’aperto ma anche per feste, campeggi e qualsiasi attività all’aperto che richieda un minimo di ombra per rilassarsi e riposarsi.

 

 

Installazione semplice

Chi fosse spaventato dall’installazione non deve in realtà temere poiché la struttura inclusa nella confezione è estremamente semplice da fissare e da aprire, grazie a una pratica chiusura/apertura a fisarmonica che ne rende immediato l’utilizzo e i picchetti per bloccarla al suolo. In due persone non richiede più di cinque minuti di lavoro. 

Chi volesse portarla sempre con sé, magari durante i week-end fuori porta o le vacanze più impegnative, potrà inoltre contare sulla sacca inclusa nel prezzo, all’interno della quale potrete inserire sia il tendone sia la struttura di fissaggio, una comodità che la maggior parte dei consumatori ha apprezzato.

L’unico elemento che non convince del tutto è la qualità del tessuto del tendone, molto sottile e che potrebbe facilmente strapparsi se non si presta particolare attenzione, soprattutto durante le fasi di apertura e chiusura della struttura o in condizioni di forte vento, fattore che ne rende sconsigliato l’utilizzo durante il periodo invernale o autunnale, soggetti spesso ad acquazzoni.

 

Basso costo

Tra i pregi da segnalare troviamo sicuramente il prezzo. Mentre la maggior parte dei gazebo in commercio va ben oltre il centinaio di euro, talvolta raggiungendo cifre ancor più elevate, il prodotto Dardaruga si piazza in una fascia entry level, rivelandosi adatto per chi vuole spendere davvero poco o ha semplicemente un budget ristretto. 

Non bisogna pertanto aspettarsi una struttura in ferro resistente o antipioggia e antiruggine, trattamenti per i quali il costo sarebbe inesorabilmente salito. Attenzione dunque a lasciarlo aperto sotto la pioggia poiché potrebbe rovinarsi irrimediabilmente. La soluzione migliore è quella di chiuderlo dopo ogni utilizzo e riporlo in una zona asciutta all’interno della sacca protettiva.

Da valutare anche la sostituzione dei picchetti inclusi nella confezione con altri più resistenti, qualora vogliate lasciarlo aperto per qualche giorno senza preoccuparvi però delle conseguenze che folate di vento più forti e improvvise potrebbero avere.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

 

Vediamo insieme come effettuare una corretta manutenzione della piscina gonfiabile, un’alternativa comoda ai modelli interrati, più invasivi, ma che necessitano comunque di molta attenzione.

 

Nelle case con giardino, la presenza di un piscina è certamente un valore aggiunto: avere un po’ di ristoro nelle calde giornate estive è infatti il sogno di tutti e, in caso di disponibilità di spazio e di denaro, risulta un investimento più che proficuo. 

Se invece desiderate qualcosa di meno invasivo, ma di altrettanto piacevole, potete orientarvi verso modelli mobili, come quello della piscina gonfiabile o più in generale della piscina da terra. L’idea comune è quella che si tratti di opzioni molto più pratiche, economiche e facili da gestire. 

Tuttavia anche la piscina gonfiabile, per esempio, ha bisogno di particolari attenzioni in termini di pulizia e manutenzione che, se non effettuate, potrebbero gravare sulla qualità dei materiali e rendere vano il vostro acquisto. 

Vediamo quindi quali sono i passaggi da seguire per garantire alla vostra piscina gonfiabile una vita lunga, in modo che rimanga intatta per molto tempo.

 

Pulizia

La prima fase, per una corretta manutenzione della vostra piscina gonfiabile, è quella della pulizia. Sia che la utilizziate per la prima volta, sia che vogliate rimetterla in funzione dopo la stagione invernale, è importante che le pareti vengano pulite con la massima attenzione. Tutto ciò che non verrà rimosso entrerà certamente a contatto con la pelle di chi ne farà uso, per questo tale procedura non deve essere assolutamente sottovalutata. In caso di sporcizia apparentemente assente o comunque appena visibile, vi consigliamo l’utilizzo di acqua e aceto come strumenti detergenti. 

 

 

Vi basterà intingere una spugnetta in questa soluzione e strofinarla su tutta la superficie interna della piscina stessa: la consistenza della spugnetta deve essere tale da non danneggiare in alcun modo il materiale di cui si compone, per evitare la formazione di fori o abrasioni.

Qualora invece ritenete sia necessaria una pulizia più approfondita, potete utilizzare anche del comune detersivo per piatti: la quantità però deve essere minima e in ogni caso è fondamentale rimuovere ogni residuo con abbondante acqua.

Se infine notate macchie particolari come ruggine o altro, la soluzione migliore è quella di utilizzare prodotti specifici per queste problematiche, avendo cura di sciacquare abbondantemente e di lasciare asciugare il tutto, magari  ripetendo l’operazione più volte.

In questo modo sarete sicuri che la vostra piscina abbia la superficie interna ben pulita e sarete quindi pronti per poterla riempire.

 

Disinfettare

Per non dover svuotare e riempire la piscina ogni giorno, evitando così spiacevoli sprechi, è importante utilizzare anche alcune componenti chimiche, responsabili del mantenimento della giusta igiene. 

Il sistema più usato è sicuramente quello del cloro, lo stesso che viene impiegato nelle comuni piscine attrezzate. Questa sostanza si presenta o in bustine o in pasticche e il suo dosaggio varia in base alla quantità d’acqua presente all’interno della vostra piscina gonfiabile. 

Dovrete infatti fare una stima del volume di acqua presente, in modo da essere sicuri di non sbagliare la dose: un’eccessiva quantità di cloro potrebbe risultare dannosa a contatto con la pelle di chi ne farà uso, una quantità minore del dovuto, invece, potrebbe non essere sufficiente alla effettiva igienizzazione dell’acqua stessa.

Prima di ogni applicazione di cloro, dovrete anche procedere alla misurazione del ph: la confezione che acquisterete, infatti, varia il dosaggio consigliato anche in base a questo dato. In commercio ci sono dispositivi molto semplici da usare, che registrano questo valore in pochi minuti.

Se poi non volete dovervi occupare di tutto questo, esistono anche dei sistemi automatici, chiamati Floater, che si occupano di erogare la giusta quantità di cloro al bisogno, in base al volume di acqua e al suo ph.

Insieme al cloro è consigliato l’utilizzo anche dell’acido isocianurico: in entrambi i casi si consiglia di prestare massima attenzione al momento dello scarico dell’acqua. Essendo infatti queste sostanze chimiche e dunque potenzialmente tossiche, è importante che il loro smaltimento avvenga nei termini previsti dalla regolamentazione della zona in cui vivete.

 

Manutenzione quotidiana

Oltre alla precauzioni già viste, è doveroso aggiungere altre procedure da effettuare quotidianamente e che contribuiranno a rendere la vostra piscina sempre pronta all’uso.

Il fatto di aver pulito le pareti e di aver inserito la giusta dose di disinfettanti, infatti, non rende l’acqua immune dalla comparsa di foglie o residui vari provenienti dall’esterno. 

Per questo è importante procedere almeno una volta al giorno alla loro eliminazione tramite retina o degli appositi macchinari. Nel primo caso si tratta semplicemente di andare a raccogliere foglie e altri residui uno a uno con un retino da pesca: questo sistema è efficace se la vostra piscina non è molto ampia e se la zona in cui vivete non sporca l’acqua troppo di frequente. 

In caso contrario potete munirvi di apposite spazzole, pensate proprio per il filtraggio dell’acqua e per la rimozione dello sporco più visibile.

 

 

Precauzioni

Tutto questo contribuisce a rendere la vostra piscina pulita per molte settimane: solo in caso di grandi caldi o di zone particolarmente umide noterete la necessità di doverla svuotare più di una volta nel corso della stagione.

Ci sono infatti alcuni fattori che contribuiscono ad accelerare tale necessità: innanzitutto si consiglia sempre di effettuare una doccia prima di entrare in acqua. In questo modo siete sicuri di eliminare lo sporco superficiale presente sulla pelle, che in questo modo non si depositerà sul filo dell’acqua. 

Ma a rendere l’acqua sporca in poco tempo ci sono anche i prodotti solari, come creme e oli, che siamo soliti applicare sulla pelle prima dell’esposizione al sole. Alla fine della giornata consigliamo comunque di coprire la piscina con un telo e di ancorarlo bene al terreno, in modo che non si muova nel corso della notte: anche in questo modo eviterete sporco eccessivo da dover rimuovere il giorno successivo.

Come avete visto quindi, anche la migliore piscina gonfiabile necessita di alcune accortezze,  da mettere sempre in pratica, per essere sicuri di avere sempre acqua pulita per voi e per i vostri figli.

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

 

Analizziamo oggi quali sono le procedure da effettuare o da non effettuare nel caso vogliate apportare modifiche al vostro giardino.

 

Se avete appena comprato casa con un ampio giardino, che desideravate da tempo, probabilmente adesso non vedrete l’ora di arredarlo e personalizzarlo a vostro gusto. Come ogni ambiente della casa infatti, necessita di attenzioni e accortezze oltre di tanto buon gusto. 

A differenza dell’arredamento della camera o del bagno però, il giardino, o più in generale qualsiasi zona esterna alla vostra proprietà, nasconde dei vincoli che non tutti conoscono e che in molti casi possono portare a spiacevoli sorprese. 

Che siano tende da sole, piscine gonfiabili o gazebi infatti, ci sono regole comunali che devono necessariamente essere rispettate. Con l’articolo di oggi vogliamo innanzitutto distinguere quali di questi interventi richieda un permesso ufficiale e quali no. 

Analizzeremo anche quali sono le regole, per così dire condominiali, qualora non sia previsto l’intervento del comune ma semplicemente il rispetto del decoro dell’immobile nel quale abitate.

 

Tende da sole

Uno dei primi interventi che si è soliti effettuare al momento dell’acquisto di una casa è quello di arredarla con delle tende: questo coinvolge anche il giardino, soprattutto nei casi in cui sia maggiormente esposto al sole.

In commercio ci sono moltissime tende tra cui scegliere: le comuni da sole per abitazione indipendente non hanno bisogno di alcun tipo di permesso comunale per essere installate. Questo vale però per tutte quelle case che non godono di particolare interesse storico-artistico, che in questo caso richiederà l’intervento della Soprintendenza.

 

 

Qualora invece vogliate occuparvi delle tende delle vostre finestre, ma vivete in un appartamento inserito all’interno di un condominio, dovrete in questo caso adeguarvi allo stile e ai gusti già presenti al momento del vostro arrivo. In sede di assemblea potrete eventualmente richiedere una modifica a queste caratteristiche, sperando che i condomini accolgano la vostra richiesta.

Un altro tipo di tendaggio altrettanto bello da mostrare è quello della tende a vela: la differenza sostanziale rispetto alla tipologia già vista è che gode di carattere temporaneo, ossia la loro installazione non può rimanere oltre i 90 giorni. I

l sistema di montaggio infatti è removibile e vi basteranno dei ganci saldi alla parete o ad altri supporti esistenti per poterne fare uso. Qualora si tratti di tende quindi potete andare sul sicuro, perché il comune non richiederà nessun tipo di documentazione: prestate solo attenzione all’eventuale regolamento condominiale, che potrebbe vincolarvi in termini di stile o colore della tenda da installare.

 

Barbecue

Un altro intervento possibile, all’interno di un ampio giardino, potrebbe essere quello del barbecue. Se parliamo dei modelli piccoli, acquistabili in vari negozi e soprattutto mobili, allora il problema non si pone e potrete semplicemente posizionarlo del luogo che più pensate sia adatto allo scopo. 

Nel caso in cui gli spazi siano in condivisione o nel caso in cui porte e finestre dei vicini siano molto prossime al vostro giardino, però, consigliamo comunque di chiedere o di avvisare precedentemente degli eventuali odori e schiamazzi da barbecue.

Ma per i veri amanti della carne il barbecue vuol dire probabilmente un’altra cosa: esistono infatti progetti in muratura ossia non removibili, più ampi di quelli comuni, e anche più efficaci. In questo caso, trattandosi di un elemento che non può essere rimosso e che andrà necessariamente a modificare la struttura del vostro giardino, sarà necessario richiedere un permesso in comune, presso l’ufficio tecnico. 

La regolamentazione può variare di città in città, ma prevede quasi sempre la richiesta di un permesso per costruire.

 

Pavimentazione

Se ritenete che il suolo del vostro giardino necessiti di essere livellato e reso più omogeneo, probabilmente state pensando di pavimentarne una parte. A differenza di quanto possa voler dire pavimentare una stanza, ossia effettuare questa operazione all’interno della casa, per quanto riguarda l’esterno invece la situazione cambia radicalmente. 

Pur essendo un ambito privato infatti, è necessario ancora una volta rivolgersi all’ufficio tecnico del comune e presentare un documento, che può essere il CIL o la CILA. Si richiede un permesso per costruire ed è infatti requisito fondamentale per poter dare inizio ai lavori. Ancora una volta i vostri piani potrebbero dover variare, qualora il posto in cui abitate rientri tra quelli legati da particolari vincoli paesaggistici.

 

Pergolati e gazebo

In questo contesto la differenza la fa il fatto che decidiate di installare qualcosa di fisso o di mobile. In quest’ultimo caso, cioè in assenza di pilastri e fondazioni, non sono richiesti i permessi di costruzione di cui abbiamo parlato per le altre categorie di interventi già visti. 

Nel secondo caso invece, essendo come abbiamo detto una modifica permanente al giardino, è richiesta la documentazione già citata. C’è da aggiungere che, vista la frequenza e la disponibilità dei comuni a concedere tali permessi, se non in casi davvero eccezionali, le procedure di cui abbiamo parlato sono generalmente molto snelle e non richiedono una grande quantità di tempo. 

 

 

Piscina

La modifica forse più grande che si possa decidere di fare in un giardino è quella della piscina: qualora abbiate spazio e denaro a disposizione infatti, la piscina interrata richiede particolare attenzione al momento della richiesta della documentazione.

Parliamo di piscina interrata per distinguerla dalle altre alternative, più economiche e meno invasive, che possono essere quella gonfiabile o quella da terra. Non essendo considerate delle modifiche permanenti all’ambiente esterno, non necessitano di alcun permesso. 

Se non volete perdere tempo e non volete investire una grande quantità di denaro, date un’occhiata alle piscine gonfiabili più vendute (ecco i migliori modelli) per godere comunque di un’estate davvero fresca.

Nell’altro caso invece, essendo necessario l’intervento di muratori e tecnici, e dovendo modificare il terreno in maniera permanente, il comune richiede che vengano presentati alcuni documenti che possano accertare la fattibilità della cosa. 

Questi variano a seconda che il volume della piscina, che volete costruire, sia maggiore o minore del 20% del volume del vostro immobile. In entrambi i casi, salvo vincoli paesaggistici da rispettare o impossibilità del terreno, è possibile ottenere tali permessi in tempi relativamente brevi o che comunque superano di poco la durata di qualche settimana. 

Come avete visto quindi, ogni modifica che volete apportare può richiedere o non richiedere documentazioni ufficiali. Si consiglia comunque sempre di consultare l’ufficio tecnico del comune prima di procedere, per non incorrere in spiacevoli sorprese. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 28.02.20

 

Con questo approfondimento vogliamo far luce sulle possibilità di installare una piscina da esterno, senza necessariamente dover ricorrere alla tipologia interrata

 

Con l’arrivo della stagione estiva e con le giornate calde la piscina è davvero un sogno, unico rimedio all’afa e all’aria torrida e pesante. Tuttavia l’accesso alle strutture organizzate non è sempre possibile e i costi di ingresso non consentono di poterla rendere un’abitudine quotidiana. 

Averne una nel proprio giardino è desiderio di molti, ma sappiamo bene quanto si tratti in realtà di un vero e proprio investimento, dall’importo non sempre accessibile. La manutenzione e l’installazione inoltre sono tutt’altro che banali, così come i permessi comunali da richiedere e la burocrazia che c’è dietro. 

Se disponete di spazio sufficiente però, esistono delle alternative alla comune piscina interrata, che sono decisamente più accessibili e altrettanto piacevoli nella calde giornate estive. In commercio infatti esistono soluzioni più semplici da adottare ma che renderanno certamente felici tutti i membri della famiglia. 

Vediamo quindi insieme alcuni dettagli dei modelli presenti, facendo chiarezza sui costi e sulle necessità in termini di burocrazia e permessi.

 

La piscina gonfiabile

La prima possibilità, apparentemente la più banale, è quella della piscina gonfiabile. Sebbene possa sembrare un’alternativa unicamente per i bambini, in commercio sono presenti modelli dalle forme e dalle dimensioni più varie, adatti anche agli adulti.

 

 

Oltre quindi a quelle molto piccole e osservabili anche su molte spiagge italiane, esistono esempi più ampi e adatti ad accogliere fino a diverse persone. Ovviamente non dovrete aspettarvi grandi nuotate, si tratta piuttosto di un modo piacevole di godersi magari una bibita fresca in compagnia, immersi in acqua altrettanto fresca.

Il prezzo è davvero accessibile e non avrete bisogno di chiedere permessi di alcun tipo: vi serve soltanto una superficie ampia almeno quanto quella della piscina stessa e che sia quantomeno liscia e non inclinata. In questo senso quindi, anche in assenza di giardino, possono bastare un’ampia terrazza o un balcone a rendere la vostra estate più fresca che mai.

Per quanto riguarda la scelta potete dare un’occhiata alle piscine gonfiabili vendute online: essendo un articolo ormai molto di moda infatti, avrete modo di confrontare i prezzi e di leggere le opinioni di chi ne ha già fatto uso.

 

Piscina fuori terra

Una seconda tipologia di cui vogliamo parlare è quella delle piscine fuori terra: anche in questo caso si tratta di una valida alternativa a quelle interrate, ma nell’insieme molto più simili e l’effetto rinfrescante benefico sarà inoltre molto maggiore.

Le dimensioni infatti possono essere ampie, da far invidia a una vera piscina e il volume d’acqua contenuto tale da poter accogliere un gran numero di persone e per cui il livello dell’acqua sia davvero considerevole. 

Ancora una volta non avrete bisogno di permessi: può convenire però farsi dare un aiuto per quanto riguarda la sua collocazione. I tecnici che si occuperanno della consegna ed eventualmente anche del montaggio infatti, sapranno dirvi con maggiore precisione quale punto del vostro giardino è quello esposto maggiormente al sole e soprattutto se il suolo necessita o meno di essere livellato. Mai come in questo caso infatti è importante che il piano sia perfettamente orizzontale e stabile.

Le tipologie di materiale che compongono queste piscine sono generalmente due: da un lato abbiamo il PVC, dall’altro il legno. Entrambi i casi hanno pregi e difetti che vanno necessariamente valutati prima dell’acquisto.

Il montaggio può essere più o meno complesso a seconda del modello scelto, mentre la manutenzione, da effettuare in maniera attenta in entrambi i casi, risulta più laboriosa nel secondo. Il legno infatti risente maggiormente della presenza dell’acqua in termini di durata e di resistenza e necessita quindi di più attenzioni.

Il costo può variare dalle 100 alle 1000 euro, a seconda che scegliate materiali più o meno resistenti o che optiate per dimensioni maggiori.

 

La piscina interrata

Le opzioni che vi abbiamo proposto non sono nient’altro che alternative alle piscine interrate che, a differenza delle tipologie viste, necessitano di alcune procedure burocratiche che andiamo ad elencare.

In primo luogo è necessario capire il volume che la vostra piscina andrà ad assumere: se questo non supera il 20% di quello dell’edificio principale è richiesto un documento chiamato SCIA, ossia Segnalazione certificata di inizio attività. Dopo un mese dalla data di consegna di tale documento, se il comune non riporta impedimenti in termini ambientali o paesaggistici, è possibile procedere con l’avvio dei lavori.

 

 

Se invece il volume della piscina che vogliamo costruire supera il 20% del vostro immobile, è necessario un vero e proprio permesso per costruire, che va richiesto in comune e per cui bisogna rispettare tempistiche stabilite.

Gli inconvenienti che potrebbero accadere in queste procedure riguardano eventuali vincoli paesaggistici, che potrebbero dover comportare modifiche in termini di tempi di attesa e costruzioni, o di locazione della piscina stessa. 

Se state pensando a una piscina interrata, avrete sicuramente già avuto modo di analizzare i prezzi di installazione, permessi e manutenzione. Potrebbe quindi interessarvi il fatto che le spese di tale procedura possono essere inserite all’interno delle agevolazioni fiscali relative alle ristrutturazioni. 

L’importo massimo delle spese da detrarre è di 96000 euro e prevede un’aliquota pari al 50% dei costi sostenuti.

Come avete visto quindi, le alternative alla costruzione di una piscina interrata esistono e possono comunque regalare benefici considerevoli all’afa tipica delle giornate estive. Se avete uno spazio da sfruttare, che sia un giardino o un ampio balcone quindi, potete orientarvi tra la classica piscina gonfiabile o quella fuori terra, con tutte le modifiche e le specifiche proprie di ogni modello. 

Se invece il vostro sogno è la piscina interrata e gli spazi che avete a disposizione ve lo consentono, adesso sapete quale tipologia di documentazione procurarvi e quali sono i costi e le tempistiche per l’installazione. 

Sta quindi a voi decidere quale di queste soluzioni faccia più o meno al caso vostro: dovrete valutare lo spazio a vostra disposizione, il vostro budget e il tempo e la cura da dedicare alla sua manutenzione.