Ultimo aggiornamento: 10.07.20

 

Canne da pesca – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

In antichità la pesca era un’attività fondamentale per la sopravvivenza, soprattutto per quelle popolazioni e tribù stanziate lungo i margini dei fiumi e insediate in riva al mare. Oggi, però, possiamo dire sia diventata anche un vero e proprio sport, oltre che un passatempo, perciò in commercio esistono accessori e strumenti adatti per qualsiasi occasione. Per praticare la pesca, a prescindere dall’obiettivo che si ha in mente, è importante utilizzare una buona canna: Kolpo Combo Pesca Surfcasting Canna Tre Sezioni con Mulinello è, per esempio, un prodotto che vanta una struttura sottile e facile da utilizzare. Quanti desiderano una soluzione compatta e particolarmente resistente, quindi realizzata in fibre di vetro, possono dare un’occhiata a Mitchell Catch Spinning Rod Canna da pesca 1,80 m

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 7 migliori canne da pesca – Classifica 2020

 

Avete finalmente un weekend libero e non vedete l’ora di passare un po’ di tempo al lago o al mare praticando attività come la pesca? Allora sarà utile scegliere gli strumenti più adatti per godervi quei momenti al meglio.

Più in basso abbiamo raccolto tutte le offerte migliori di canne utili per pescare, esaminando tutti i punti di forza e di debolezza di ognuno.

 

 

Canna da pesca surf casting

 

1. Kolpo Combo Pesca Surfcasting Canna Tre Sezioni con Mulinello 

 

La canna da pesca surf casting Kolpo è un modello che in primis ingombra poco, considerando una lunghezza di circa 1,45 m, pensato per offrire una più ampia presa e quindi un migliore lancio, soprattutto grazie alla buona rigidità e al diametro dell’asta.

Il materiale impiegato per la costruzione del fusto è un misto di elementi, tra cui compare anche il carbonio ad alta densità, che concede un’elevata resistenza agli urti. Rientra tra le migliori canne da pesca del 2020 perché permette di utilizzarla anche in caso di forte vento o quando il mare è particolarmente agitato, in quanto si spezzerà con difficoltà.

Dunque, si tratta di un prodotto ad alte performance e che interesserà quanti dispongono di un budget ridotto, poiché il costo è anche competitivo. L’unico punto di debolezza sono le viti che servono per mantenere fermo il mulinello, in quanto si rompono con facilità se non si presta la dovuta attenzione.

 

Pro

Resistenza: La struttura in carbonio conferisce a questa canna da pesca una robustezza maggiore rispetto altri modelli presenti in commercio, pertanto si romperà difficilmente, quindi la potrete utilizzare anche in condizioni estreme.

Rapporto qualità/prezzo: Quanti fanno una comparazione tra i numerosi prodotti, dando un’occhiata anche al costo, rimarranno sorpresi osservando la convenienza e la buona qualità di questo articolo.

Poco ingombrante: Grazie a una lunghezza complessiva di 145 cm non dovrete preoccuparvi se non sapete dove conservare la canna da pesca, perché questo modello occupa poco spazio.

 

Contro

Viti: Prima di ogni lancio bisogna fare attenzione che il mulinello sia saldo al fusto, perché le viti sono poco resistenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Canna da pesca spinning

 

2. Mitchell Catch Spinning Rod Canna da pesca 1,80 m

 

Un elemento importante di cui tener conto, quando si cerca una canna da pesca spinning, è la qualità dell’asta, ovvero la tipologia e la resistenza dei materiali con cui è realizzata. A tal proposito, questo prodotto targato Mitchell è progettato in fibra di vetro e con l’impugnatura in EVA: entrambi permettono di avere sia una presa migliore durante il lancio, sia una tenuta più lunga.

Anche per questo motivo viene considerata come la migliore canna da pesca, pensata per riuscire a catturare con più facilità i pesci predatori di acqua dolce e salata di grandi dimensioni, come il persico o il cavedano.

Nonostante sia un prodotto di buona qualità, per essere sicuri di pescare nel modo migliore e al sicuro, sarà necessario prestare maggiore attenzione all’innesto situato sulla parte superiore dell’asta, poiché tende ad allentarsi facilmente.

In conclusione, possiamo dire che si tratta di un modello conveniente anche dal punto di vista del prezzo.

 

Pro

Costo: Chi non sa dove acquistare una buona canna da pesca adatta per praticare spinning, troverà una soluzione a un costo decisamente competitivo in questo prodotto Mitchell.

Materiali: L’azienda produttrice ha optato per impiegare EVA e fibra di vetro nella costruzione dell’asta e dell’impugnatura. Questi, oltre a essere resistenti, sono anche leggeri.

Tenuta: Grazie al design e ai materiali costituenti scelti da Mitchell, questa canna da pesca durerà anche più a lungo rispetto i classici articoli venduti su Internet o in negozio.

 

Contro

Innesto: La parte superiore dell’asta presenta un innesto che tende ad allentarsi con facilità, quindi dovrete fare attenzione a questo particolare prima di ogni lancio.

Acquista su Amazon.it (€19,9)

 

 

 

Canna da pesca da trota lago

 

3. Tubertini Canna da Pesca Tremarella Telescopica in Carbonio

 

La terza posizione della nostra rassegna dei modelli di canne da pesca più validi, venduti online, è occupata da questa proposta Tubertini, che reputiamo vi interesserà sotto diversi punti di vista.

In primo luogo, quando si è alla ricerca del prodotto migliore, un aspetto da non trascurare in fase di acquisto è la facilità di utilizzo, soprattutto quando l’esca è già stata lanciata. Questa canna da pesca da trota lago è stata progettata ad hoc per migliorare il controllo dei movimenti e quindi la conduzione dell’asta, perché gli anelli posti a 90° garantiscono una presa migliore.

In secondo luogo, si tratta di un prodotto realizzato in fibra di carbonio unita a una nuova tecnologia, cosiddetta “X-Wrapping”, che ne aumenta la tenuta e quindi la resistenza. Tuttavia, prima di procedere all’acquisto, bisogna considerare anche che la robustezza e lo spessore dell’asta possono dare un po’ di difficoltà a quanti sono alle prime armi con uno strumento simile.

 

Pro

Resistente: Si tratta di una canna da pesca particolarmente robusta e soprattutto resistente, infatti la potrete utilizzare con facilità anche se siete dei principianti in questa disciplina.

Materiali: L’asta è costruita con fibre di carbonio e progettata con una tecnologia che aumenta la tenuta e la qualità complessiva del prodotto, perché vi consente di avere una conduzione migliore della canna da pesca una volta lanciata.

Presa: Per catturare le trote al lago è importante avere una buona presa. Con questo modello non dovrete preoccuparvi, perché è progettato ad hoc per questo sport.

 

Contro

Spessore: Chi non è molto avvezzo a mantenere in piedi canne da pesca così robuste troverà un po’ difficoltà nell’utilizzo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Canna da pesca bolognese

 

4. Evo Canna Bolognese Master Power Bolo 7 m Carbonio

 

Tra i modelli più venduti di canne da pesca maneggevoli e perciò abbastanza leggere, da essere adatte anche per i principianti, questo modello Evo merita una menzione. Si presenta con un design pulito e senza anelli, con la superficie dell’asta abbastanza liscia ma in alcuni punti ricoperta da un materiale adatto per facilitare le operazioni di tiraggio.

Dal punto di vista estetico è anche abbastanza accattivante, in virtù di un insieme di colori quali il rosso, il bianco e il blu scuro, uniti a delle rifiniture e dei dettagli verdi. Inoltre, l’azienda produttrice ha optato per l’implementazione, su questa canna da pesca bolognese, di un sistema di azione rapida di punta chiamato “Powerful Action”, con cui essere più veloci nel lancio e quando si cattura un pesce.

Buono il prezzo basso e particolarmente competitivo, anche se il suo peso di 441 g può essere eccessivo per chi è abituato a praticare questo sport in modo più agile.

 

Pro

Design: Chi ama le canne da pesca, progettate con un design pulito e al tempo stesso unico, troverà interessante questo prodotto targato Evo.

Costo: Si tratta di una soluzione particolarmente economica e vantaggiosa, in particolar modo se messa in relazione con altri articoli venduti online.

Sistema di azione: Il “Powerful Action” è una tecnologia implementata sulla canna da pesca, che permette di essere più veloci nel lancio e nella gestione di tutta l’asta in caso di operazioni di tiraggio.

 

Contro

Peso: Se non siete abituati a mantenere in piedi una canna pesca da più di 400 g per diverso tempo, avrete un po’ di difficoltà con questo modello.

Acquista su Amazon.it (€50)

 

 

 

Canna da pesca in mare

 

5. Kolpo Combo Pesca a Fondo Lago Mare Scogli Molo 

 

Quanti non erano a conoscenza della possibilità di praticare pesca sportiva anche in acqua marina, ma si vogliono cimentare in questa disciplina, dovranno acquistare una canna da pesca in mare adeguata.

Per esempio, questo modello firmato Kolpo è un articolo versatile e di buona qualità, perché caratterizzato da un bilanciamento ottimale e una lunghezza che supera i 4 m, perciò consente di raggiungere fondali più lontani.

Grazie ai tre cuscinetti a sfera, posti vicino al mulinello e sull’asta, avrete un maggiore controllo sia nel caso di mareggiate o vento forte, sia quando catturate pesci particolarmente impegnativi.

In più, il sistema frenante anteriore è stato potenziato, in modo da darvi una sicurezza ulteriore, una regolazione micrometrica migliore e un’ulteriore potenza di tiro. Tuttavia, l’impugnatura è un po’ scivolosa, quindi dovrete praticare molto prima di iniziare a lanciare l’esca in mare, altrimenti il rischio è quello di perdere il controllo, spezzando qualche componente.

 

Pro

Frizione: La tecnologia che permette di bloccare la lenza (quindi il sistema frenante anteriore) è stata potenziata, in modo da garantirvi una maggiore sicurezza quando utilizzate la canna da pesca in alto mare.

Bilanciamento: La qualità dei materiali e la tipologia di progettazione di questo modello sono due elementi che permettono di garantire un buon bilanciamento.

Cuscinetti: Vicino al mulinello ci sono dei cuscinetti a sfera che hanno il compito di attutire i colpi e quindi di permettervi di gestire meglio la canna da pesca, in caso di cattura di un pesce.

 

Contro

Scivolosa: L’impugnatura è in alcune parti troppo liscia, quindi dovrete acquistare dei guanti appositi per evitare di perdere la presa.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Canna da pesca Shimano

 

6. Shimano Vengeance BX SeaBass 2,4 H

 

La canna da pesca Shimano è un modello progettato idealmente per aiutare quanti vogliono catturare, per la prima volta nella loro vita, una spigola di grandi dimensioni. Infatti, con la sua lunghezza di 150 x 10 x 10 cm e il peso di 180 g, riuscirete ad avere un’azione più rapida anche se vi trovate sulla barca e in mezzo al mare, quindi non importa se ci sarà vento.

Un tallone potente consente di lanciare velocemente e anche più lontano, ecco perché con questa soluzione avrete delle alte performance, facendo nuotare sott’acqua l’amo e l’esca senza preoccuparvi delle correnti.

Tra l’altro, facendo un paragone con tante altri dispositivi simili, questa canna è il modello più economico e conveniente che potrete trovare in commercio, perché è anche flessibile in punta, perciò è compatta e pratica.

Bisogna però fare attenzione ai nove anelli disposti lungo l’asta, perché sono fragili e si piegano facilmente.

 

Pro

Tallone: Non dovrete preoccuparvi delle correnti sott’acqua con questa canna da pesca, perché il tallone è progettato in maniera tale da garantirvi una migliore potenza di lancio, così da gestire meglio le fasi di attesa.

Costo: Si tratta di uno dei prodotti più economici e vantaggiosi che si trovano su Internet, perché vanta un buon rapporto qualità/prezzo.

Praticità: La canna da pesca è compatta e abbastanza robusta, nonché flessibile in alcuni punti, così da semplificare la presa rendendola più pratica.

 

Contro

Anelli: Sull’asta sono aggiunti nove anelli e un passante, che però sono fragili, quindi bisognerà fare attenzione a non piegarli o spezzarli.

Acquista su Amazon.it (€56,1)

 

 

 

Canna da pesca Trabucco

 

7. Trabucco Canna Pesca Surfcasting Avalon 400

 

Per catturare pesci come lo storione e l’orata avrete senz’altro bisogno di un’attrezzatura adeguata, ovvero dal corpo leggero e rinforzato, esattamente come questa canna da pesca Trabucco.

Il mix di carbonio e fibra di vetro conferisce all’asta una particolare tenuta e robustezza, quindi non dovrete preoccuparvi se si piega leggermente durante il lancio o quando tirate per catturare un pesce, perché ritornerà in forma velocemente.

Vanta anche degli anelli a doppio gambo, incasellati con cura e attenzione durante le fasi di realizzazione della canna da pesca, con l’aggiunta di un comodo passante che rimane intatto anche dopo diversi utilizzi.

I pareri positivi riservati dai professionisti per questo modello sono una garanzia per quanti cercano un prodotto adatto per riuscire nell’impresa di catturare la mormora o altri pesci d’acqua dolce e salata.

Dovrete solamente fare attenzione che non si allentino le viti prima di ogni lancio.

 

Pro

Materiali: Fibra di vetro e carbonio sono i due elementi che costituiscono questa canna da pesca, rendendola robusta, dalla buona tenuta e soprattutto resistente anche alle intemperie.

Anelli: L’azienda produttrice ha pensato di installare diversi anelli sull’asta, realizzati con una superficie a doppio gambo, perciò rimangono saldi e intatti a lungo.

Passante: L’aggiunta di un passante di buona qualità è un quid in più che caratterizza questa canna da pesca, perché permette di utilizzarla diverse volte senza il rischio di rovinarla subito a causa di una lenza sporca di sabbia.

 

Contro

Viti: Prima di ogni lancio bisogna fare attenzione alle viti che uniscono il mulinello all’asta, perché tendono a staccarsi.

Acquista su Amazon.it (€44)

 

 

 

Accessori

 

Porta canne da pesca

 

Croch Supporto per 16 o 24 Canne da Pesca 

 

Siete degli amanti della pesca in acqua salata e dolce e non sapete più dove mettere l’attrezzatura perché lo spazio in garage è terminato? Allora date subito un’occhiata a questi porta canne da pesca, perché è uno stand perfetto che ottimizza l’organizzazione dei diversi modelli, accogliendo fino a 16 aste diverse.

Il materiale plastico è ABS, perciò è anche particolarmente resistente e sicuro, perché riesce a restare stabilmente in piedi anche se aggiungete diversi accessori. Potrete portarlo anche facilmente in giro con voi: vanta le dimensioni di 44 x 25 x 80 cm, quindi ingombra anche poco, sia in casa e sia in macchina, e in più ha anche prezzi bassi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Anelli per canna da pesca

 

Thkfish Canne da Pesca Anelli Ceramica Acciaio Inossidabile Carbonio 

 

Non basta scegliere le migliori canne da pesca del 2020, se poi vengono tralasciati alcuni dettagli e accessori fondamentali: ecco perché questo prodotto è ciò che fa per voi se amate questo sport.

La custodia in plastica compatta e molto pratica vi permette di gestire meglio lo spazio, assicurandovi una buona scorta di anelli, realizzati con cuore in ceramica e telaio in acciaio inossidabile.

A un costo ragionevole potrete disporre di diversi formati e dimensioni, a seconda della vostra abitudine o della tipologia di asta che utilizzate. In soldoni, si tratta di un kit di anelli per canna da pesca conveniente per quanti sono soliti effettuare diversi cambi manuali.

Acquista su Amazon.it (€19,49)

 

 

 

Guida per comprare una buona canna da pesca

 

Le numerose proposte presenti su Internet possono disorientare, perciò, se volete conoscere maggiori informazioni per poter capire quale canna da pesca comprare, seguiteci con la lettura dei paragrafi più in basso.

In questo modo potrete effettuare anche un acquisto più consapevole, investendo i vostri soldi nella maniera migliore.

Diverse tipologie

Sappiamo che scegliere tra le migliori canne da pesca presenti in commercio non è un’impresa semplice, a maggior ragione perché esistono tanti modelli, ma chi si avvicina per la prima volta a questo mondo e non sa quali pesci prendere, deve innanzitutto chiarirsi un po’ le idee.

Come farlo? In verità è abbastanza semplice, infatti serve conoscere le tipologie esistenti in commercio, quindi optare per l’articolo che più si confà allo sport che avete in mente di praticare.

Esistono canne da pesca fisse, generalmente impiegata nella disciplina cosiddetta “a tocco”, ovvero quella in movimento, e tra l’altro è anche tra le più classiche, oppure modelli teleregolabili, adatti per praticare in torrenti, fiumi e laghi.

Due delle più famose categorie sono quella per lo spinning, che include strumenti progettati per garantire una migliore resistenza e un più forte comando in caso di forti correnti, poiché dotati di una lunghezza inferiore, e quella per surfcasting, pensata per lanci molto lunghi.

 

Materiali e asta

Un fattore importante, utile a capire come scegliere una buona canna da pesca, è l’analisi accurata dei materiali costituenti l’asta, perché a seconda di quali vengono utilizzati, varia anche la capacità e la tenuta.

Le soluzioni che si trovano in commercio sono oggigiorno standardizzate, quindi è facile trovare fusti realizzati in fibra di carbonio, in fibra di vetro o un mix di entrambi. Ma quali sono i vantaggi di ognuno? 

Innanzitutto, per quanto riguarda la prima tipologia, sappiamo che le canne da pesca di questo genere sono molto leggere e quindi più pratiche, ma altrettanto costose. La fibra di vetro è invece un materiale che dura a lungo, è economico e si adatta a diverse condizioni, perciò è consigliato per chi è un principiante.

Tuttavia, è anche particolarmente elastico, perciò bisognerà fare attenzione se utilizzate delle esche artificiali. Infine, la soluzione più richiesta da chi pratica la pesca da molti anni è la combinazione di carbonio e kevlar, una fibra sintetica dotata di una grande resistenza, forza e reattività, oltre che un buon bilanciamento.

 

Il mulinello

Ma per utilizzare correttamente la canna da pesca e assicurarvi la vittoria nelle competizioni locali più importanti, anche la scelta del mulinello è uno dei criteri tecnici da non tralasciare. Questo può essere di diverse tipologie e permette di ritirare la lenza e la corda con più facilità, aiutandovi nella gestione dell’asta ed evitando di perdere il pesce appena catturato.

In fase di acquisto dovrete sempre valutare alcune caratteristiche: in primo luogo, la potenza di frizione, che è di solito espressa in kg. In secondo luogo, la distanza di lancio e lo scorrimento, ovvero il maggiore o minore attrito della lenza sui bordi e, quindi, la fluidità nella rotazione (dipendente dai cuscinetti a sfera montati sull’asta).

Il mulinello deve necessariamente essere leggero, delle giuste dimensioni e semplice da utilizzare, perché perdere anche solo un attimo in più può essere decisivo.

 

Parametri fondamentali

Prima di procedere all’acquisto, sappiate che non solo i materiali sono importanti, perché per scegliere la canna da pesca perfetta si devono esaminare parametri come la potenza, ovvero la capacità della canna espressa in grammi e l’azione.

Quest’ultima è determinata principalmente dalla flessione dell’asta e può essere distinta in: di punta, progressiva e parabolica. La prima consente di evitare di percepire le vibrazioni fino all’impugnatura, perché le operazioni di trazione e di lancio vengono limitate solamente alla parte estrema della lunghezza del fusto.

La seconda è invece la più utilizzata sia dai grandi e sia dai piccoli, oltre che dai professionisti, perché è un po’ la via di mezzo che vi consente di mantenere alta la sensibilità e permettendovi di controllare meglio il tiro. 

Infine, l’azione parabolica è chiamata così perché l’asta della canna è molto pronunciato e risponderà in tutta la sua lunghezza alla trazione.

Anelli e sensibilità

Per concludere la nostra guida per scegliere la migliore canna da pesca, reputiamo altrettanto importante prendere in considerazione alcune peculiarità come la sensibilità del cimino e la tipologia di innesto.

Questi ultimi si possono dividere in almeno tre categorie differenti, ovvero quello classico, spigot e inverso: ciò che li contraddistingue è la solidità che, rispettivamente, decrescendo. Il cimino è invece la parte più esterna del fusto e gioca un ruolo fondamentale, perché maggiore è la sua sensibilità e migliore sarà la percezione di quando il pesce avrà abboccato l’esca, anche quella artificiale.

Poi, anche la qualità e resistenza degli anelli può fare la differenza sul campo: questi permettono al filo e alla lenza di scorrere liberamente lungo la lunghezza dell’asta, evitando di surriscaldarlo e quindi di spezzarlo.

 

 

 

 

Come utilizzare la canna da pesca 

 

Prima ancora di poter dire di saper pescare è importante imparare alcune basi, ovvero come montare una canna pesca oppure quali raccomandazioni bisogna seguire, per poter sfruttare al meglio questo strumento.

Se siete curiosi di scoprire di più, leggete quanto abbiamo scritto nelle righe che seguono!

Alcune accortezze da avere

Chi non sa come si prepara una canna da pesca è meglio che abbia bene in mente che si tratta di uno strumento molto delicato, ma non solo perché è apparentemente poco robusto e fine.

Per poter godere delle migliori prestazioni, dovrete preparare in anticipo il filo facendolo passare per tutti gli anelli del fusto, altrimenti potrebbero verificarsi danni ad alcune parti che compongono questo attrezzo.

Evitate anche di caricare troppo la canna da pesca superando la misura suggerita dall’azienda produttrice, perché l’estremità superiore si curverebbe eccessivamente con il rischio di spezzarsi. 

Perciò, non stringete e avvolgete eccessivamente l’esca, se non volete che gli anelli o persino il fusto si rompano costringendovi ad abbandonare la vostra postazione o, nel peggiore dei casi, ad acquistare un nuovo strumento.

 

Manutenzione e custodia

Dopo diversi utilizzi, può capitare che la canna da pesca sia sporca di polvere, sabbia o terra, e che necessiti di una buona manutenzione che la faccia durare anche più a lungo. Un primo passaggio che vi suggeriamo di fare è di sciacquare la superficie utilizzando un po’ di acqua dolce, ovvero quella corrente, avendo l’accortezza di non far entrare nessuna gocciolina all’interno.

Utilizzando un prodotto pulente creato ad hoc, come il sapone liquido neutro, riuscirete a farla splendere nuovamente, strofinando con un panno in microfibra inumidito o con una spugna, e asciugando subito dopo.

Inoltre, se non sapete come anellare una canna da pesca, potreste chiedere l’aiuto di un professionista, ma se amate fare le cose da soli, allora seguite questi brevi passaggi.

Innanzitutto, bloccate l’anello alla canna tramite un nastro adesivo, e preparate la colla adatta che si trova facilmente su Internet, quindi applicatela con un pennellino sotto la parte in ceramica e il gioco è fatto.

Sfruttare il mulinello 

A parte la qualità dell’attrezzatura acquistata e che si utilizza nella pesca, è fondamentale conoscere qualche trucco per utilizzare al meglio la canna, in maniera da avere delle alte performance una volta lanciata l’esca.

Assicuratevi di non aver caricato il mulinello con un filo troppo grosso, perché potrebbe incastrarsi tra i cuscinetti morbidi, che fanno sì che la corda si muova in maniera liscia e sicura.

Poi, una volta impugnata bene la canna da pesca con la mano dominante, posizionate la rotellina tra l’indice e il medio, mantenendo salda la cordicella con la punta del primo dito, quindi schiacciandolo verso l’asta.

Infine, con un gesto a mo’ di catapulta, mandate la cima in alto e poi rilanciatela in avanti, lasciando andare contemporaneamente anche il filo: aspettate che il piccolo piombino arrivi sul fondo e con un giro veloce esercitate una tensione leggera.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quanto costa una canna da pesca?

Anche solo con una breve ricerca su Internet vi potrete rendere conto del range di prezzo molto ampio, che caratterizza le canne da pesca. Infatti, non è difficile trovare modelli che costano anche solo 10 €, oppure tanti altri, che sono decisamente più cari e più costosi, dal prezzo che supera persino 300 €.

In questi casi, prima di procedere all’acquisto, è bene verificare la qualità dei componenti e il tipo di disciplina che si ha in mente di seguire e affrontare, evitando di scegliere prodotti troppo grandi e particolareggiati solo per trascorrere una giornata in riva al fiume.

Come montare una canna da pesca?

La pesca è un’attività sportiva che necessita di grande calma e pazienza, e per essere praticata c’è bisogno della cosiddetta canna, che in commercio si può trovare già montata oppure in pezzi.

Per unire ogni componente non c’è bisogno di conoscere approfonditamente tutti i dettagli e i particolari, ma la prima cosa da fare è far passare il filo attraverso tutti gli anelli e, grazie all’occhiello, agganciare il galleggiante.

Un altro elemento molto importante è il sondino, generalmente di piombo, che vi permette di avere la percezione della profondità dell’acqua in cui avete intenzione di praticare la pesca: questo andrà aggiunto alla fine della canna.

 

Come si prepara una canna da pesca?

La nuova stagione di pesca sportiva è in arrivo? Allora è giunto il momento di preparare la canna in modo da poter usufruire delle sue caratteristiche, migliorando anche le vostre prestazioni.

Quanti sono intenzionati a effettuare un montaggio per la prima volta, troveranno un po’ difficoltà, ma seguendo i passaggi che elenchiamo, avrete una buona base da cui partire. Innanzitutto, la lenza è divisa in genere in almeno cinque parti: il suo corpo, il galleggiante, la piombatura, il terminale e l’esca.

Prima di agganciare tutto al cimino della canna da pesca, vi suggeriamo di montare tutti i componenti sul filo di nylon, che costituisce praticamente lo scheletro, seguendo l’ordine con cui li abbiamo elencati.

 

Come anellare una canna da pesca?

Prima di montare gli anelli sulla canna da pesca, assicuratevi di averli scelti di buona qualità, in base alla tipologia di asta e al modello della stessa, optando per un materiale come la ceramica e un rivestimento in acciaio inossidabile.

Di solito il loro numero è sempre maggiore rispetto le dimensioni del fusto, e si inizia montando la parte chiamata apicale: il punto di riferimento per tutti gli altri pezzi. Questo andrà posizionato praticamente in cima, per dare poi il giusto spazio per gli altri anelli, che andranno attaccati uno dietro l’altro a una distanza cadenzata di almeno 3 cm.

 

Come pulire una canna da pesca?

Se siete degli sportivi e amate praticare la pesca, vi sarà capitato almeno una volta di dover pulire la canna, perché sporca di terra o di sabbia. Per essere certi di non rovinare la superficie esterna rendendola anche più propensa a graffiarsi, vi suggeriamo di acquistare dei prodotti pulenti creati ad hoc per questo tipo di operazioni.

Li potrete trovare con facilità nei principali negozi online e non che vendono l’attrezzatura per la pesca. Utilizzate un panno umido in microfibra da passare su tutta la superficie, così potrete strofinare bene ed eliminare macchie e sporco ostinato.

 

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments