Ultimo aggiornamento: 24.08.19

 

I migliori ombrelloni da giardino – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni del 2019

 

La scelta di un supporto con cui proteggersi dal sole e godersi al massimo il fresco e l’ombra, porta numerosi utenti a cercare tra i prodotti venduti on line il miglior ombrellone da giardino, oppure quel modello capace di soddisfare al meglio le proprie necessità. My Garden – Oasis, Ombrellone Da Giardino 3×3 possiede un’ampiezza di 3 metri per 3 metri, con un palo e una struttura robusta, capace di resistere al meglio anche in condizioni meteo avverse. My Garden – Senso, Ombrellone sfrutta invece una dimensione e una forma rettangolare, maggiormente adatta a quanti cercano un oggetto più adatto a certi spazi in giardino, con una linea più allungata.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I migliori ombrelloni da giardino del mercato

 

Prodotti raccomandati

 

Ombrellone da giardino 3×3

 

My Garden – Oasis, Ombrellone Da Giardino 3×3

 

Quanti puntano a un ombrellone da giardino 3×3 al tempo stesso elegante e che non presenta particolari problemi di montaggio e durata, può guardare alla proposta My Garden, strutturata e pensata per trovare una via di mezzo interessante tra grandezza e semplicità di installazione.

Alcuni addirittura lo fanno rientrare tra i migliori ombrelloni da giardino del 2019, gradendo anche la scelta del colore ecrù per il tessuto che va a proteggere dal sole.

Il telo viene lavorato con un trattamento idrorepellente, che assicura e conferisce all’oggetto una resistenza allo sporco, senza però incidere troppo sulla traspirabilità complessiva del tessuto. Il palo è in legno, composto da una serie di stecche in un numero complessivo di otto elementi, aspetto particolarmente gradito a diverse persone.

 

Pro

Ampio: Il telo di 3 x 3 metri offre un riparo adeguato a quanti amano posizionare al centro di un tavolo l’ombrellone, distribuendo così nel migliore dei modi la protezione per tutti gli ospiti.

Qualità: A detta di diverse persone, la scelta di un materiale idrorepellente e antipolvere funziona bene, lasciando asciutto e pulito il supporto.

Pratico: Una volta tolto dalla sua confezione, l’ombrellone si monta senza difficoltà, con un sistema di posizionamento che lo mantiene ben fermo sul suo supporto a terra.

 

Contro

Altezza: Non tutti hanno gradito il fatto che la misura reale di questo oggetto non corrisponde a 270 cm bensì si assesta sui 240 cm.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ombrellone da giardino decentrato 3×4

 

My Garden – Senso, Ombrellone

 

Con la tipologia Senso, l’azienda My Garden punta a creare un oggetto dalla forma differente, pensato con una forma rettangolare e dalla filosofia decentrata. In comparazione con gli altri modelli, qui troviamo un prodotto dalle linee più allungate, con un supporto pensato per chi necessita di una copertura senza il classico palo centrale.

In questa occasione l’asta è infatti collocata lateralmente, realizzata in alluminio verniciato a polvere epossidica, ottima per conferire leggerezza ma senza tralasciare una certa robustezza complessiva a tutto l’elemento.

Il colore nero di questo ombrellone da giardino decentrato 3×4 poi ben si adatta a una zona relax moderna, con un telo idrorepellente e un sistema di rotazione dell’ombrellone che si attiva con un pedale a frizione.

 

Pro

Versatilità: La scelta di una forma rettangolare sposa al meglio le esigenze di chi cerca un prodotto dall’impostazione allungata e che alla forma quadrata preferisce invece quella rettangolare.

Tenuta:  Alluminio e materiali come il poliestere sono le prime scelte e le caratteristiche di un oggetto progettato per durare a lungo, resistendo anche quanto serve rispetto a clima e condizioni climatiche mutevoli.

Regolazioni: L’apertura più o meno completa del telo si realizza grazie a una comoda manovella posta su un lato del palo. La stessa struttura portante poi è collocata lateralmente, così da non intralciare le persone e il passaggio.

 

Contro

Vento: Alcuni utenti hanno riscontrato una rigidità eccessiva, motivo per cui in alcuni casi, l’ombrellone non si è comportato al meglio in presenza di forte vento.

Acquista su Amazon.it (€265,41)

 

 

 

Ombrellone da giardino decentrato

 

TecTake – Ombrellono Decentrato da Giardino

 

La proposta TecTake ha dalla sua una struttura sospesa e una gestione dello spazio d’ombra adeguata al tipo di protezione che un utente cerca durante la stagione estiva. Una volta chiuso occupa poco spazio, con una copertura dello stesso colore ocra a proteggere il telo.

Di colore rosso, questo ombrellone da giardino decentrato dona un tocco di allegria ed energia alla zona relax, sfruttando poi una struttura composita che gli consente di assumere una volta aperto completamente una capacità di protezione e riparo dal sole grazie alla sua ampiezza di 3,5 metri. Il tessuto è realizzato al 100% in poliestere, con un sostegno e dei profili realizzati in metallo.

Chi cerca prezzi bassi potrebbe aver trovato il prodotto che fa al caso suo, sempre considerando il fatto di tenere e collocare il tutto in una posizione decentrata.

 

Pro

Leggerezza: Pur mantenendosi ben stabile, l’ombrellone non va a pesare troppo, dimostrandosi un oggetto agile e con un sistema di spostamento pratico e adatto a tutti gli utenti.

Colore: La scelta cromatica ricade in questa occasione sul colore rosso, una tinta di sicuro impatto che riesce a dare un tocco di eleganza e allegria a un patio.

Ampiezza: Il diametro complessivo del telo una volta aperto del tutto raggiunge i 3,5 metri. Si tratta di una misura ragguardevole e adatta a coprire un tavolo di quattro posti senza difficoltà.

 

Contro

Apertura: Dai pareri raccolti in giro, l’ombrellone a volte fatica un poco ad aprirsi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ombrellone da giardino 3×4

 

MilaniHome – Ombrellone da giardino 3×4

 

Quanti puntano a una struttura centrale con cui poter gestire e proteggersi dal sole cocente dell’estate, troveranno nell’offerta MilaniHome un prodotto che unisce alla qualità del telo, una capacità di copertura eccellente, grazie alle misure 3×4 metri che caratterizzano il prodotto.

La struttura portante è in alluminio resistente, mentre il color ecrù ben si sposa con certe tonalità e atmosfere tipiche di un’area giardino. Dai commenti raccolti in rete si vede come l’oggetto consente di creare uno spazio e un’area protetta dai raggi solari ampia, con una buona traspirazione del tessuto e una tipologia di chiusura che non esclude poi un camino antivento per le giornate più movimentate.

L’ombrellone da giardino 3×4 è poi composto di otto stecche di fissaggio, ottime per mantenere e conservare la posizione di apertura una volta sistemato il tutto a dovere.

 

Pro

Cura: La qualità del supporto si vede dai materiali utilizzati, con una buona resa dell’ombrellone e una copertura adeguata e affidabile rispetto ai raggi solari.

Gestione: In tanti confermano la semplicità nel fissaggio e nel posizionamento dei fermi con cui scegliere le differenti altezze, una nota in più che semplifica le manovre in apertura e chiusura.

Stile: La scelta di un colore tenue per quel che riguarda il telo, si adatta al tipo di ambiente e struttura con cui si vuol gestire un giardino o un’area verde. Una decisione che va a toccare anche il tipo di complemento d’arredo scelto.

 

Contro

Antivento: Alcune persone avrebbero gradito una cura maggiore in caso di vento, con un supporto centrale più adattabile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ombrellone da giardino decentrato 3×3

 

Salmar – Luna, Ombrellone

 

Le misure di 3 metri per 3 metri, insieme alla possibilità di ritrarre a piacimento l’ombrellone così da poter gestire al meglio l’ingombro complessivo la dicono lunga sulla decisione di Salmar di offrire un supporto quanto più user friendly possibile.

Tutta la struttura è realizzata in ferro e rivestita con una vernice epossidica che si mantiene tale a lungo, senza difficoltà e il rischio di perdere colore nel tempo.

L’impostazione centrale, insieme a una buona manovella con cui posizionare e stabilizzare questo ombrellone da giardino decentrato 3×3, chiudono il novero dei punti di forza del prodotto, tra le opzioni e i consigli d’acquisto più interessanti per chi vuole capire quale ombrellone da giardino acquistare.

 

Pro

Impostazione: La scelta di una linea che punta a un collocamento decentrato dell’ombrellone ha incontrato i gusti e l’apprezzamento di numerosi clienti.

Base: Il sistema di fissaggio e posizionamento dell’ombrellone consente di bloccare facilmente il tutto, con l’ausilio di alcune mattonelle adeguatamente inserite.

Rapporto qualità/prezzo: Puntare sulla proposta Salmar è stata una scelta dettata anche in parte dalla convenienza e dalla resa dell’oggetto, interessante sotto diversi aspetti.

 

Contro

Robustezza: Alcune persone hanno riscontrato segni di di cedimento anche trascorso poco tempo, specie in prossimità di alcuni fermi in plastica.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Tavolo con ombrellone da giardino

 

Xone –  Set da Esterno Grigio con ombrellone, Tavolo e 6 sedie

 

Chi vuole con un solo acquisto portarsi a casa un set completo composto da un tavolo con ombrellone da giardino, può farlo scegliendo quanto proposto da Xone.

In questo caso troviamo un ombrellone che misura 2×3 metri, collocabile al centro della tavola e azionato da una manovella con cui aprire e chiudere a piacere il telo. Il tessuto scelto per l’ombrellone è il poliestere, con una serie di stecche che lo tengono ben sistemato, lasciando che assuma la posizione adatta per una copertura soddisfacente.

A tutto ciò si lega poi il color antracite, tipico anche degli altri elementi, dalle sedie alla struttura stessa del tavolo. Le sedie sono in acciaio verniciato, con una linea ergonomica leggermente inclinata. Stesso discorso per il tavolo, che si scosta dal resto per una copertura in vetro presente lungo tutta la superficie e definita anche da bordi arrotondati.

 

Pro

Completezza: Con un investimento contenuto, l’utente si porta a casa tutto quanto serve per avere una zona giardino piacevole da vedere e da sfruttare con un gruppo ridotto di amici e familiari.

Ombrellone: Da quanto visto, l’ombrellone si struttura in maniera adeguata, con un’apertura adatta a un nucleo familiare adeguato e con tutto il necessario per essere messo in funzione in maniera semplice e funzionale.

Linea: Il colore grigio antracite, insieme al tavolo e alle sedie crea un tutt’uno funzionale e coeso che funziona a dovere.

 

Contro

Tenuta: Secondo alcuni l’ombrellone possiede una struttura un poco ballerina, lasciando troppo gioco e libertà di movimento all’asta centrale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ombrellone da giardino decentrato 3×2

 

Greenwood – Ombrellone rettangolare 3×2 con palo decentrato

 

Se vi state chiedendo come scegliere un buon ombrellone da giardino decentrato 3×2, la risposta alle vostre domande potrebbe essere questo modello proposto da Greenwood. Il palo possiede una struttura decentrata, progettata per venire incontro ai bisogni e alle esigenze di quanti vogliono una copertura poco invasiva, ma adatta a proteggere dal sole anche grazie alla sua forma rettangolare.

Il colore scelto per il telo è dai toni chiari, una scelta che pare anche gli stessi utenti giudichino azzeccata. La base è caratterizzata da una struttura a croce greca, pensata per garantire anche il posizionamento di eventuali mattonelle per il contrappeso.

Attraverso una comoda manovella si regola e gestisce l’apertura della copertura, con sei stecche a mantenere il tutto stabile e ben ordinato.

 

Pro

Misure: Con i suoi 3×2 metri di lunghezza, l’ombrellone Greenwood trova una ideale quadratura del cerchio, unendo a misure interessanti anche una protezione adeguata dai raggi solari.

Manovella: Il movimento e il posizionamento dell’ombrellone seguono senza difficoltà quanto attivato grazie all’apposita manovella.

Rapporto qualità/prezzo: Interessante la scelta del marchio di proporre un oggetto comodo da installare e dal costo ritenuto da più parti molto conveniente, specie se messo a confronto con i materiali e la resa finale.

 

Contro

Stabilità: Il punto debole di questo ombrellone pare essere individuato nella zona di equilibrio e centratura in presenza di vento.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ombrellone da giardino in legno

 

Sekey – Ombrellone in Legno

 

Solidità del giunto e un sistema di gestione della protezione e dell’ombra che non lascia adito a dubbi. La proposta Sekey nasce e si muove in linea con la celebrazione di un materiale come il legno.

Utilizzato sia nella realizzazione del palo centrale sia nella composizione delle stecche che creano la giusta architettura su cui poggia tutto l’ombrellone da giardino in legno. Il camino antivento collocato nella parte superiore, si occupa di tenere a bada movimenti e sbalzi legati a un passaggio d’aria, così da gestire l’equilibrio del supporto e la tenuta a terra.

Diversi utenti hanno apprezzato il lavoro e la scelta dei materiali, pensati per chi cerca una buona commistione tra costo finale e resistenza. L’inserimento poi di un cavo di trazione robuste, consente alla corda di scorrere senza difficoltà, aiutando così l’utente in tutti i passaggi che comportano l’apertura e la chiusura dell’ombrellone.

 

Pro

Materiali: La scelta del legno e di parti in metallo aiuta quanti apprezzano il calore di questo materiale e la resistenza di un oggetto costruito con l’obiettivo di durare.

Scorrevolezza: La corda e il sistema di collegamento con cui viene gestito il passaggio e l’apertura dell’ombrellone sono semplici e adatti a qualsiasi tipo di utente, anche a chi non ha grande familiarità con questo metodo.

Durata: Il legno e il metallo sono progettati per resistere alle insidie del tempo, così come il telo di copertura, impermeabile e antisporco.

 

Contro

Durezza: Secondo alcune persone la tipologia di apertura a volte risulta un tantino eccessiva, specie per chi non ha una grande forza.

Acquista su Amazon.it (€99,95)

 

 

 

Guida per comprare un buon ombrellone da giardino

 

L’acquisto di un ombrellone da giardino non sempre risulta un momento così scontato e semplice come potrebbe sembrare. In queste righe abbiamo deciso di segnalare alcuni punti e aspetti interessanti su cui soffermarsi. Siamo certi saranno utili agli utenti che ancora nutrono qualche dubbio a riguardo.

 

 

Il posizionamento

Una volta la scelta di un buon ombrellone riguardava essenzialmente aspetti legati alla grandezza e alla maggiore o minore copertura offerta a seconda del tavolo dove andava collocato. Nel tempo si sono trovati diversi escamotage per ottimizzare e tenere sotto controllo l’ingombro complessivo dell’ombrellone e la resa migliore dello stesso una volta seduti. Alcuni tavoli presentano un foro apposito, studiato per chi cerca una soluzione con fissaggio centrale e già possiede un tavolo impostato in questo modo. Il nostro consiglio è di prestare molta attenzione in questo caso alla circonferenza del palo e alla scelta dei materiali, trovando una misura adeguata e che possa fare al caso vostro.

Meglio informarsi e procedere con una ricerca prima, piuttosto che ritrovarsi con spiacevoli sorprese poi. Altro discorso è poi rappresentato dal modello decentrato. Viene chiamato così quel particolare tipo di ombrellone in cui il palo non è più centrale, ma spostato lateralmente così da poter offrire comunque un’ottima protezione dai raggi solari, senza l’impiccio di una impostazione centrale che non tutti apprezzano. Di contro è necessario capire bene lo spazio che si ha a disposizione, scegliendo con cura tutto ciò che riguarda la collocazione finale.

 

Il sistema di apertura

La gestione dell’apertura dell’ombrellone segue principalmente due differenti direzioni. Da una parte abbiamo la tipologia che si solleva manualmente e presenta una serie di fori distanziati regolarmente e collocati nella parte alte. L’utente procede a bloccare con un passante in metallo l’ombrellone, gestendo così altezza e ampiezza dello stesso. Si tratta di una scelta che ci sentiamo di consigliare solo a quanti abbiano scelto un supporto leggero.

Nei modelli più pesanti infatti si possono incontrare problemi a sollevare da soli il telo fino all’ultima fessura in alto. Frutto di un passato in cui la manualità la faceva da padrone, ormai tante tipologie montano una manovella. Altro non è che un argano con cui si solleva e si divide il peso in più parti, consentendo così di procedere a un sollevamento immediato e più agevole dell’ombrellone. Questo come anche gli altri casi vedono nella qualità e nella resistenza di questo elemento il fulcro centrale da prendere in seria considerazione.

 

Materiali

Quanti amano i colori tenui e la scelta di elemento caldo, possono puntare a occhi chiusi su una tipologia di ombrellone realizzata in legno. Si tratta di una scelta che media tra praticità d’uso e una buona combinazione di elementi che si adattano al tipo di zona giardino o patio di cui si dispone. Altri preferiscono invece il ferro o l’alluminio, decisamente più moderni e in alcuni casi più resistenti del semplice legno.

Meglio spendere qualcosa in più e avere poi un’asta robusta, rivestita con una vernice che resiste al passaggio del tempo e ai cambi climatici e forti piogge. Non dovrebbe mancare neppure un camino antivento, ovvero un’apertura creata appositamente per incanalare e gestire il flusso d’aria che investe certe zone piuttosto che altre, mettendo così a rischio la tenuta e la stabilità dell’ombrellone.

 

 

Rapporto qualità/prezzo

Come si è letto qualche riga più sopra la scelta di un buon ombrellone comporta una serie di considerazioni preliminari che è bene e opportuno compiere. Mediare dunque anche tra il costo di un singolo elemento o la scelta di un set completo, potrebbe spostare e di molto l’ago della bilancia.

Da parte nostra ci teniamo a precisare che la semplicità di montaggio e un adeguato sistema di apertura e chiusura sono gli aspetti chiave che occorre considerare e tenere in conto. Un oggetto bello da vedere ma poco pratico e con una chiusura scomoda alla lunga crea difficoltà con il rischio di lasciare sempre aperto l’ombrellone, evitando di chiuderlo nei momenti opportuni e quando il tempo cambia repentinamente. Se non strettamente necessario, meglio anche scegliere un formato giusto e adatto al tipo di tavolo o alla zona che si desidera coprire, beneficiando comunque di tutte le opportunità offerte da un oggetto ben costruito e, perché no, anche economicamente conveniente.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come si apre un ombrellone da giardino?

Esistono diverse tipologie grazie a cui poter gestire e regolare l’ombrellone da giardino, alcuni modelli presentano una manovella collocata nella parte verticale del palo. Attraverso questo strumento si apre e si chiude il tutto senza alcuna difficoltà e con minore sforzo. In alternativa esistono tipologie dotate di una serie di buchi dentro cui far passare un sistema che blocca a una determinata altezza l’ombrellone.

 

Si può lasciare l’ombrellone aperto tutta la stagione?

Nulla vieta di tenere aperto l’ombrellone e di mantenerlo tale senza il pensiero di doverlo stare a richiudere. Le conseguenze maggiori si hanno però sulla qualità e la durata dello stesso. Ideale sarebbe chiudere il tutto quando non necessario, aspetto questo che allunga di molto la vita dell’ombrellone, per non parlare poi dei risultati sulla colorazione, effetto di una prolungata esposizione. Insomma se avete speso una bella cifretta per acquistare l’ombrellone, sfruttare la copertura di cui tanti sono forniti e da inserire una volta chiuso potrebbe migliorare di molto la situazione.

 

Posso lasciare l’ombrellone senza fissaggio a terra?

Anche in questa occasione nulla vi vieta di procedere in questo modo, anche se si rischia di mettere in forte dubbio la tenuta e la stabilità dell’ombrellone. Diciamo questo perché questo supporto nasce con la precisa idea di essere posizionato in modo stabile a una base quanto più robusta e affidabile possibile. Di solito si tratta di una struttura che ricorda una croce, al cui interno possono essere fissati dei mattoni appositi che rispettano certe misure e dimensioni. Fare a meno di questo elemento non crea un ambiente ideale e pone in serio rischio la tenuta dell’ombrellone in caso di forte vento.

 

Quanto costa un ombrellone da giardino?

Se date un’occhiata alle offerte in rete e alla grandezza, si nota come le variabili siano diverse, con i modelli 2×3 che raggiungono una media di quaranta euro. A far salire il prezzo è da un lato la grandezza del supporto e dall’altro i materiali di cui è composto. Un ombrellone in metallo o in legno tende a costare mediamente di più di una tipologia in alluminio, più leggera ed economica ma non per questo meno resistente, anzi. Il parametro guida che segnala al netto la differenza è quello legato alle singole necessità, un punto che cambia, e anche molto, da un cliente all’altro.

 

Quanto si può inclinare l’ombrellone?

Non tutti i modelli possiedono questa funzionalità. in particolare tende a mancare in quegli ombrelloni che si sistemano centralmente, magari passando direttamente per un passaggio collocato al centro del tavolo. Questo aspetto rientra maggiormente per la categoria dei modelli decentrati. Collocati in maniera da lasciare il giusto spazio di manovra, hanno una o più modalità grazie a cui inclinare la parte superiore, gestendo così la corretta angolazione.

In entrambi i casi, vi suggeriamo di verificare sempre prima che questa opzione sia disponibile e che vi può tornare utile. Meglio capirlo subito e indirizzare così in modo adeguato la scelta.

 

 

 

Come utilizzare al meglio un ombrellone da giardino

 

Come pulire un ombrellone da giardino?

Per prima cosa verificate che il tessuto sia lavabile e in che modo, gran parte di questi oggetti vengono venduti con un tipo di intelaiatura strettamente legata alle stecche di legno e a tutto il comparto fisico su cui si struttura l’ombrellone. Per questa ragione non è così semplice lavare l’oggetto. In caso di caduta di elementi come resina o altro è opportuno rimuovere dalla sua base l’ombrellone e procedere con un detergente in modo delicato alla pulizia della zona interessata.

 

 

Come riparare l’ombrellone da giardino?

Per prima cosa è bene capire quale zona e in che punto è stato danneggiato. Se si tratta di un piccolo strappo sul tessuto, potete provare a ricucirlo per conto vostro, leggendo o capendo bene come procedere in maniera adeguata e con gli strumenti adatti. Altro discorso è quello legato invece all’asta che stabilizza il tutto.

In caso di un’incrinatura che non pregiudica l’equilibrio e la resistenza dell’oggetto, si può mettere in conto di lasciare la zona danneggiata così, facendo attenzione a colpi eventuali o altro. Nel caso si fosse spezzata di netto l’asta a quel punto è bene capire se conviene procedere alla sostituzione del pezzo con un altro elemento della stessa marca o adatto al tipo di ombrellone.

 

Come smontare un ombrellone da giardino?

Un primo passaggio consiste nella chiusura della parte superiore. Nei modelli composti da due parti, si può a questo punto procedere allo stacco della parte superiore che è stata chiusa. Se presente una base in mattoni si possono a questo punto rimuovere e posizionare in un punto che non crei fastidio o non sia di passaggio. Il perno che blocca i mattoni va solitamente svitato e a quel punto si può liberare la zona della base. Una volta pulito l’ombrellone da eventuali foglie e residui accumulati, sarebbe ideale posizionare il tutto dentro un telo, o almeno le due parti composte da zona inferiore e asta che contiene il telo.

 

 

Come montare un ombrellone da giardino?

Il primo step consiste nell’individuare all’interno della confezione se sono presenti o meno le istruzioni. Dovrebbe esserci tutto il necessario con cui poter approntare un montaggio semplice ed efficace dell’ombrellone. La parte su cui è posizionato il telo di copertura va tenuta chiusa fino al fissaggio finale sull’apposita asta. A quel punto è possibile sfruttare il sistema di apertura e chiusura via manovella o con un fermo di metallo da inserire all’interno di un foro. Se avete dubbi su come far funzionare l’apertura o se qualcosa non scorre nel verso giusto vi invitiamo a non forzare o a spingere con forza le parti bloccate.