Ultimo aggiornamento: 17.08.22

 

Il Gore-Tex è una membrana sintetica dalle alte capacità traspiranti e idrorepellenti, utilizzata frequentemente nell’abbigliamento tecnico per le attività outdoor. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle origini e le caratteristiche di questo straordinario tessuto, che combina al meglio leggerezza, comfort e traspirabilità.

 

Tecnologia e innovazione sono realtà che caratterizzano i capi di abbigliamento e le attrezzature tecniche per le attività open-air, realtà che si rendono indispensabili per affrontare le avversità climatiche e le asperità del terreno all’insegna del comfort e della sicurezza.

Negli anni i migliori brand di abbigliamento e accessori per l’outdoor hanno messo a punto materiali sempre più efficienti e performanti, in grado di garantire alte prestazioni anche in condizioni estreme.

In particolare, tra i tessuti più apprezzati da trekker ed escursionisti troviamo il Gore-Tex, una speciale membrana sintetica appartenente alla famiglia dei prodotti Gore, progettata per fornire performance di livello superiore in un’ampia gamma di applicazioni.

In questa guida andremo ad analizzare i vantaggi e le caratteristiche di questa particolare tecnologia traspirante e idrorepellente, al fine di valutare quale sia la soluzione migliore per dedicarsi alla vita all’aria aperta.

 

Storia e caratteristiche del Gore-tex

Come la maggior parte delle invenzioni che hanno profondamente cambiato le nostre vite, anche il Gore Tex fu scoperto per caso. L’idea venne nel 1969 a Bob Gore, un ingegnere americano che dopo aver riscaldato del PTFE (politetrafluoroetilene) nel seminterrato della sua casa nel Delaware, si rese conto di aver creato un materiale di nuova generazione, ideale per la realizzazione di capi tecnici.

Intuendo fin da subito le potenzialità di questa tecnologia, nel 1970 la brevetta e lancia sul mercato i primi prodotti, guidando l’azienda di famiglia – la WL Gore & Associates – nello sviluppo di nuove applicazioni, che vanno dalla cavettistica per computer alle apparecchiature mediche, fino al guscio esterno delle tute spaziali. Ma quali sono le caratteristiche salienti di questo tessuto impermeabile e, allo stesso tempo, traspirante?

Popolarmente noto per il suo utilizzo nell’abbigliamento sportivo e all’aperto, il Goretex non è altro che una sottile membrana composta da politetrafluoroetilene espanso termomeccanicamente, con circa 1,4 miliardi di micropori per cm², 20.000 volte più piccoli di una goccia d’acqua.

Per questo motivo tutti i capi tecnici dotati di un rivestimento interno in Gore-Tex sono in grado di respingere l’acqua e favorire il passaggio del vapore acqueo, garantendo traspirabilità e riducendo, al contempo, la sensazione di umido e bagnato all’interno di giacche antivento, tute da sci e calzature.

La vera innovazione, in effetti, va ricercata nel fatto che i micropori di questo polimero, oltre a essere abbastanza piccoli da impedire ai liquidi di attraversare la barriera, sono anche più grandi dell’acqua allo stato di vapore, rendendo i laminati impermeabili dall’esterno e al tempo stesso traspiranti dall’interno.

 

Tipologie di Gore-Tex

Leggerezza, traspirabilità e impermeabilità sono caratteristiche fondamentali per l’abbigliamento dedicato alle attività outdoor, come il trekking, l’alpinismo, l’arrampicata e  l’escursionismo.

L’utilizzo del guscio goretex rappresenta, quindi, un ulteriore “step ahead” nel mondo dell’outfit tecnico e sportivo per fornire il massimo del comfort e della sicurezza anche in condizioni ambientali e climatiche avverse.

Come facile intuire, nella scelta di capi e scarpe in Gore-Tex ci sono moltissimi fattori da tenere in considerazione, tra cui la stagione d’uso, il tipo di attività svolta e la durata dello sforzo, tutti elementi che inevitabilmente andranno a incidere sul prezzo finale dell’articolo.

Oltre alla tradizionale membrana antivento, impermeabile e traspirante, nel tempo sono state messe a punto altre tecnologie innovative, tra cui: il Gore-Tex Pro, che garantisce maggiore robustezza e, quindi, ideale per gli utilizzi estremi e prolungati, e il Gore-Tex Active, più resistente del precedente e pensato per le attività ad alto impatto aerobico.

Tuttavia, come accade per altre tipologie di tessuti, quando si parla di abbigliamento tecnico non esistono prodotti migliori in assoluto, ma piuttosto studiati per garantire vestibilità, protezione e prestazioni ottimali in specifiche condizioni.

Pertanto, oltre alla membrana impermeabile e traspirante Gore-Tex, è importante considerare anche i materiali, le tecniche di assemblaggio e le soluzioni costruttive volte a ottimizzare le performance e la user experience dei capi e delle calzature che adottano questa tecnologia.

 

Le nuove frontiere del Gore-Tex

Sotto il marchio Gore-Tex, sul mercato sono presenti diverse soluzioni che assicurano le migliori prestazioni in base al tipo di utilizzo richiesto.

Tutti i capi e le calzature assemblate con questa tecnologia si diversificano, infatti, per la specifica destinazione d’uso: per esempio, una giacca antivento o degli scarponi da trekking in goretex per l’alta quota – capaci di resistere a ogni temperatura e condizione climatica – non sono la scelta ideale per un trekker alle prime armi che vuole praticare l’escursionismo in campagna o al mare.

In questi casi è meglio optare per prodotti tecnologicamente avanzati, ma in grado di assicurare leggerezza e traspirazione, anziché tenuta termica.

In effetti, per quanto i punti fermi dei laminati Gore-Tex restino sempre l’isolamento, l’impermeabilità e la traspirabilità, a seconda della lavorazione e dell’associazione con altri tessuti, è possibile scegliere tra diverse declinazioni di prodotto, ognuna capace di offrire le migliori performance in specifiche situazioni e condizioni.

Il Gore-Tex Performance Shell, per esempio, è indicato per la maggior parte delle attività outdoor non estreme, perché consente di progettare capi ultraleggeri ed estremamente traspiranti, con uno strato esterno che permette alla pioggia leggera di raccogliersi in gocce e scivolare via dalla superficie dell’indumento.

Per gli sport dinamici e i “professionisti dell’outdoor” la scelta migliore è il Gore-Tex Packlite Shell che, grazie al design compatto a due strati, offre la massima leggerezza senza sacrificare la protezione, l’impermeabilità e la durata nel tempo.

A chi, invece, vuole indossare un capo altamente performante e confortevole a contatto con la pelle consigliamo il Gore-Tex Soft Shell, più traspirante del tradizionale guscio in goretex e adatto a un’ampia gamma di attività all’aperto, in qualsiasi condizione e in tutte le stagioni.

 

Il Gore-Tex ai piedi

Anche nella scelta delle scarpe da trekking da donna o da uomo è importante individuare il modello più adatto al tipo di attività svolta, e nella gamma Gore-Tex vengono proposte tre tecnologie principali che, a parità di prestazioni riferite a traspirabilità e impermeabilità, offrono maggiore o minore termicità per restituire il massimo comfort a quota zero come a diecimila metri.

Le calzature GTX Performance Comfort sono progettate per tutti i tipi di attività all’aperto, anche nelle condizioni climatiche più avverse, mentre i modelli con sistema Surround sono estremamente traspiranti perché permettono alla pelle di respirare in ogni direzione, anche attraverso la suola.

Infine, le Insulated Comfort Footwear forniscono una minore protezione termica, pur mantenendo le caratteristiche di impermeabilità e traspirazione tipiche della tecnologia Goratex e, a differenza delle precedenti, si adattano come un guanto alla forma naturale del piede per offrire un comfort pari a quello di una calza.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI