Ultimo aggiornamento: 01.06.20

 

Scoprite insieme a noi quali sono le aziende che realizzano questi dispositivi da un secolo o più. Avrete così un’idea più chiara su quali prodotti acquistare.

 

Nikon

Nikon è un’azienda giapponese, fondata un secolo or sono e attiva nel campo della fotografia e dell’ottica. Oggi molto conosciuta per la produzione di fotocamere, in realtà è dedita anche a binocoli e microscopi. I modelli di binocoli venduti spaziano da prodotti con un ingrandimento minimo fino a quelli professionali, sia con prismi di Porro sia con prismi a tetto, per andare incontro alle esigenze di tutti gli acquirenti. Tra i prodotti più apprezzati troviamo quelli della serie Monarch, adatti per essere portati sempre con sé grazie alla loro leggerezza e affidabilità.

 

 

Olympus

Restiamo in territorio nipponico con il brand Olympus, fondata anch’essa ben 100 anni fa, all’inizio del 1900. Occupa un posto di rilievo insieme a Nikon e Canon nel panorama delle ottiche per fotocamere e obiettivi. I binocoli prodotti spaziano da quelli professionali a quelli compatti per utilizzo quotidiano o addirittura monoculari per la visione di eventi a teatro o concerti. Tutti i modelli sono realizzati per resistere alle condizioni atmosferiche estreme, impermeabili e contro la nebbia. Le lenti e i prismi utilizzati offrono invece nitidezza, contrasto e luminosità di alto livello grazie a un rivestimento ottico multistrato che previene la perdita di luminosità.

 

Bresser

Spostandoci in Europa troviamo la compagnia tedesca Bresser, fondata da Josef Bresser nel 1957 e specializzata in binocoli. L’offerta dell’azienda è notevole ed è possibile trovare binocoli tascabili con un ingrandimento notevole fino a prodotti dal costo di quasi mille euro per esperti che hanno bisogno delle migliori tecnologie per la caccia, il birdwatching, l’osservazione della natura e del cielo stellato. La superficie delle lenti utilizzate da Bresser è rivestita per evitare riflessi e garantire allo stesso tempo colori neutrali e un contrasto ricco, anche in condizioni di luce poco favorevoli.

 

Sony

Non si tratta di un produttore storico ma i giapponesi di Sony sono entrati nel mercato dei binocoli con la loro variante digitale che da qualche anno è possibile reperire anche se a costi ancora proibitivi. I modelli DEV sono realizzati unendo le caratteristiche di una fotocamera a quelle di un binocolo, fornendo tutti gli strumenti per realizzare riprese in Full HD, ovvero 1.920 x 1.080 pixel, riprendendo tutto ciò che osservate per poter riprodurre il filmato in un secondo momento. Gli appassionati dei modelli classici potrebbero storcere il naso ma si tratta di una variante dello strumento da tenere d’occhio poiché con costi più accessibili potrebbe portare una vera e propria ventata d’aria fresca sul mercato.

 

Leica

Il brand è in realtà un gruppo costituito da azienda svizzere e tedesche, tutte attive nel mercato dei microscopi, fotocamere e binocoli. La fondazione del gruppo risale al 1913, anni molto prolifici per la nascita di azienda legate alle ottiche in generale. Gli appassionati apprezzano i binocoli top di gamma della compagnia ma brillano soprattutto nei modelli più compatti dove si piazza tra i primi produttori più affidabili. Il design utilizzato è poco tecnologico e molto più classico ma non bisogna lasciarsi ingannare poiché dati alla mano le ottiche Leica sono tra le migliori in vendita sul mercato, con prestazioni eccellenti anche in condizioni di luce più ostiche.

 

Swarovski Optik

Si tratta di una divisione del gruppo Swarovski, con sede principale in Austria. La compagnia iniziò la produzione di binocoli nel 1935 e vide un’espansione durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale. Come ci si aspetterebbe, Swarovski Optik si concentra principalmente sul versante premium della produzione di binocoli, con prodotti rivolti quindi a una fascia di utenti che pretendono il massimo dagli strumenti. Gli esperti del settore sostengono che un buon binocolo, per essere tale, deve anche restituire una sensazione tattile di solidità, cosa che Swarovski Optik tiene in alta considerazione, classificandosi quindi come uno dei primi produttori europei.

 

Zeiss

Ancora un’azienda tedesca, Zeiss fu fondata nel 1846 a Jena, nella parte centrale della Germania, da Carl Zeiss, rivelandosi quindi la più antica della nostra lista con 160 anni di storia alle spalle. Queti prodotti godono di fama mondiale e, soprattutto per quanto concerne i modelli di punta, come la serie Victory, è possibile trovarvi binocoli all’avanguardia con ottiche speciali appositamente pensate per la caccia. Il costo di questi modelli è sicuramente elevato e supera il migliaio di euro, tuttavia bisogna considerare che sono rivolti solo a segmenti di utenti ben specifici e non per chi cerca qualcosa a buon mercato.

 

Canon

Dopo Nikon, Olympus e Sony non poteva mancare l’ennesima azienda giapponese, fondata nel 1937 e con il primato di essere stata la prima azienda nipponica a produrre fotocamere da 35 mm e modelli indiretti a raggi X. I binocoli Canon hanno il pregio di non essere eccessivamente costosi, rivelandosi quindi accessibili anche per chi ha un budget limitato ma necessita comunque di una certa qualità costruttiva. Utilizzando obiettivi EF per fotocamere, i binocoli Canon permettono di avere linee rette dritte grazie alla loro distorsione positiva, evitando artefatti e visuali poco realistiche. Gli utenti apprezzano soprattutto il rivestimento Super Spectra che elimina immagini fantasma e il flare.

 

Bushnell

L’azienda Bushnell è americana e porta il nome del suo fondatore, David P. Bushnell, con sede principale nel Kansas, negli Stati Uniti. La produzione è costituita non solo da binocoli ma anche telescopi, cannocchiali e visori notturni tanto da portare l’azienda a ritagliarsi un ruolo leader nelle americhe che erano dominate dai produttori giapponesi. I binocoli Bushnell hanno design classici e secondo i consumatori offrono un rapporto qualità/prezzo interessante. Non mancano comunque modelli top di gamma con cui è possibile addirittura osservare satelliti artificiali.

 

 

Celestron

Nasce negli anni ’50 come un brand statunitense produttore di telescopi, microscopi e binocoli (controllare qui la lista delle migliori offerte). L’azienda è stata assorbita nel 2005 dai taiwanesi di SW Technology Corporation ma è rimasta comunque sul mercato con il nome originale. Celestron fu innovativa grazie alla sua decisione di dotare i telescopi di lente asferica per ridurre le aberrazioni ottiche. Non si tratta oggigiorno di un produttore di binocoli top di gamma, tuttavia, per chi vuole spendere poco o ha un budget limitato potrebbe essere una valida alternativa ai mostri sacri citati finora che richiedono comunque investimenti di qualche centinaio di euro.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments