Ultimo aggiornamento: 19.01.20

 

Torcia LED – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

Avete deciso di acquistare una torcia LED da portare sempre con voi ma non sapete bene quale prodotto scegliere nella giungla di apparecchi venduti online? Con la nostra guida riuscirete a evidenziare immediatamente il prodotto più adatto alle vostre esigenze e se non avete tempo di leggere tutte le nostre recensioni potete dare una rapida occhiata alla tabella comparativa in basso dove troviamo Novostella lanterna torcia LED 10W, adatta per il campeggio grazie alle sue due modalità di illuminazione, seguita da Ambertech torcia 7000 Lu, con una potente batteria da 9.000 mAh per una lunga durata, in grado di far fronte anche al più persistente dei black-out.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 Migliori Torce LED – Classifica 2020

 

Capire come scegliere una buona torcia LED potrebbe rivelarsi più semplice del previsto. Non bisogna infatti tenere a mente molti dettagli e dovrete solo avere ben chiara la destinazione d’utilizzo per capire immediatamente quale sia la migliore torcia LED per voi, come per esempio la necessità di impermeabilità o un valore lumen elevato. In basso potete trovare tutti i prodotti più interessanti sul mercato appositamente recensiti per voi.

 

 

Torcia LED ricaricabile

 

1. Novostella 1000LM Lanterna Torcia LED, 10W 4000mAh

 

Tra le migliori torce del 2020 che abbiamo avuto modo di analizzare spicca il prodotto Novostella. Si tratta di una torcia LED ricaricabile tramite cavo USB, dotata di batteria al litio da 4.000 mAh. 

Secondo quanto riferito dai consumatori ha un’ottima qualità costruttiva e una potenza soddisfacente, in grado di illuminare con un fascio di luce fino a 500 metri di distanza in modalità “High”, mentre quella “Low”, che permette di consumare meno e far durare di più la batteria, ha una gittata più modesta pari a circa la metà.

Il dispositivo si è rivelato particolarmente utile per utenti che praticano attività outdoor come l’escursionismo, il campeggio, la pesca o anche attività di ricerca e soccorso grazie alla comodità di utilizzo, resa possibile dal gancio per cintura a cui può essere fissata quando si ha bisogno di entrambe le mani. Può essere adoperata anche come luce di servizio grazie al cilindro centrale che irradia a 360°, ottimo quando si è in tenda, per esempio.

 

Pro

Materiali: Effettuando una comparazione con gli altri prodotti venduti online si può subito notare un’attenzione ai materiali di costruzione certosina, fattore di pregio da prendere in considerazione.

Luminosa: Oltre al fascio principale, che può essere regolato su High o Low, ottenendo risultati differenti con un consumo energetico più o meno alto, il cilindro centrale irradia luce a 360° illuminando tutto l’ambiente circostante.

Gancio: Presente nella parte posteriore della torcia, ideale per essere fissato a una cintura mentre si praticano attività outdoor e si necessita delle mani libere.

 

Contro

Batteria: La durata non è elevata, soprattutto se decidete di utilizzare il fascio di luce centrale emesso dal cilindro. Assicuratevi di avere sempre un powerbank per ricariche d’emergenza.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Torcia LED potente

 

2. Ambertech Ricaricabile 7000 Lu Super LED Luminoso Searchlight

 

Tra le offerte a basso costo abbiamo la torcia LED potente di Ambertech, con un valore dichiarato di 7.000 lumen. Si tratta di una torcia dal design classico, con una maniglia superiore e un corpo centrale che ospita tutta l’elettronica. La parte posteriore ha un piccolo vano che mostra uno slot USB in cui inserire un cavo per la ricarica. 

Ottima la durata della batteria, circa 10 ore, che può contare su 9.000 mAh e fungere allo stesso tempo anche da powerbank per il proprio smartphone. Nella confezione è sì presente il cavo USB ma manca un caricatore per collegarlo a una presa di corrente, da acquistare quindi separatamente se non si vuole ricaricare la batteria interna tramite quello dello smartphone

Un po’ meno soddisfacenti sono invece i materiali di costruzione, gli utenti riferiscono di plastiche un po’ scadenti che potrebbero rompersi facilmente in seguito a cadute accidentali. Se consideriamo però il prezzo di vendita è un dettaglio su cui si può glissare, a patto di prestare attenzione durante gli utilizzi.

 

Pro

Durata: La batteria da 9.000 mAh ha un’ottima durata, superiore a tante altre torce vendute online, parliamo infatti di circa 10 ore prima di dover effettuare una ricarica completa.

Powerbank: Quando non in uso, la torcia può essere utilizzata anche come batteria sostitutiva per ricaricare il proprio smartphone.

Impermeabile: La torcia è certificata IPX6, resistente quindi alla pioggia e alle intemperie anche se incapace di sopportare le immersioni.

 

Contro

Materiali: La qualità costruttiva lascia un po’ a desiderare. Gli utenti sconsigliano di farla cadere poiché le plastiche di cui è composta potrebbero rompersi facilmente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Torcia LED Lumen

 

3. S-D Shop Torcia 100000 Lumen Tattica/Militare USB

 

La torcia LED lumen in terza posizione è il prodotto più economico della nostra lista. Si tratta di un piccolo strumento che monta il LED Cree XM-L T6, tra i più potenti in commercio e in grado di emettere circa 10.000 lumen, rendendo la torcia estremamente luminosa. 

Tra le caratteristiche interessanti del dispositivo troviamo anche lo zoom, che consente di ingrandire il fascio luminoso emesso per avere una migliore visione d’insieme in aree buie o addirittura indirizzarlo in modo preciso per illuminare oggetti lontani fino a 500 metri.

Sebbene non sia una torcia subacquea, i componenti interni sono isolati e risulta comunque impermeabile alla pioggia, non dovrete dunque temere di utilizzarla quando le condizioni atmosferiche non sono ottimali. Le batterie interne possono essere ricaricate tramite USB e non necessita di alcun cavo poiché ha l’attacco USB standard, inseribile in un computer o anche in un powerbank.

 

Pro

Prezzi bassi: Il costo, per quanto il prodotto offre, è decisamente contenuto, rendendo questa torcia uno dei prodotti con un rapporto qualità/prezzo tra i più soddisfacenti sul mercato.

Zoom: Potrete ingrandire il fascio di luce, per illuminare meglio un’area in modo globale, oppure ridurlo, diminuendo l’ampiezza ma aumentando la gittata.

USB: Avendo un aggancio standard di questo tipo potrete collegare la torcia a un computer o un powerbank, per avere sempre energia sufficiente.

 

Contro

Sott’acqua: La torcia è sì impermeabile ma non può reggere una vera e propria immersione, evitate dunque di farla bagnare eccessivamente se non ve n’è necessità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Torcia LED Lenser

 

4. Led Lenser P7 Penna con Torcia

 

Il nuovo prodotto LED Lenser è una torcia tascabile in lega di alluminio, dalle dimensioni ridotte proprio per essere facilmente portata con sé in qualsiasi momento, sia per attività di svago sia per emergenze.

La torcia LED Lenser in questione è migliorata rispetto al modello precedente, ora con 320 lumen riesce a garantire un fascio luminoso molto più performante, un incremento di circa il 60% rispetto al vecchio prodotto, molto apprezzato dagli utenti, anche i più scettici che si sono ricreduti.

Ciò che però non convince appieno è il vano inferiore per inserire le batterie. Questo ha un’apertura a vite che talvolta non riesce a girare bene e alcuni utenti hanno anche riportato problemi con l’accensione della torcia se il coperchio inferiore viene avvitato troppo. È consigliato dunque maneggiare con cautela il prodotto per evitare tali intoppi. Per utilizzi prolungati è meglio optare per pile ricaricabili, la torcia ne richiede quattro di tipo AAA.

 

Pro

Dimensioni: Uno dei pregi più evidenti della torcia è la sua grandezza che permette di inserirla in qualsiasi tasca per averla sempre a portata di mano.

Lumen: Rispetto al modello precedente, il valore lumen è stato incrementato di circa il 60% garantendo quindi prestazioni migliori.

Pile: Potete utilizzare quelle ricaricabili per risparmiare sull’acquisto di batterie usa e getta. L’autonomia, inoltre, è particolarmente elevata e si aggira intorno alle 20 ore.

 

Contro

Vano batterie: La parte inferiore si svita per dare accesso alle pile, tuttavia la qualità costruttiva non è eccelsa e avvitare e svitare il coperchio potrebbe dare qualche problema.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mini Torcia LED

 

5. Olight I1R EOS 130 Lumen Piccolissima Torcia a LED

 

Se siete alla ricerca del prodotto più piccolo della nostra classifica potete puntare senza rimpianti sulla mini torcia LED proposta da Olight. Parliamo di dimensioni estremamente ridotte, persino più piccola di una classica pila AAA e con un peso di appena 12 grammi.

Volendo è possibile utilizzarla anche come portachiavi grazie al comodo aggancio nella parte posteriore per avere la torcia sempre a portata di mano, tuttavia è bene essere consci della sua fragilità, alcuni consumatori hanno infatti riportato che ripetute cadute ne hanno compromesso il funzionamento. 

Il prodotto possiede due intensità diverse, la prima dichiarata intorno ai 5 lumen, mentre la seconda 130. L’autonomia dunque varia in base all’utilizzo dell’una o dell’altra modalità, qualche ora nel primo caso e una ventina di minuti nel secondo, più che sufficienti per cercare un oggetto che può esservi caduto al buio. Quando il prodotto sarà completamente scarico potrete provvedere alla ricarica della batteria interna tramite un comodo slot micro USB, con un tempo globale di circa 1 ora e 15 minuti.

 

Pro

Prezzi bassi: Il costo è ridotto e può rivelarsi dunque un acquisto interessante anche come idea regalo. Ottimo per chi ha un budget risicato.

Doppia luminosità: Sebbene sia una torcia LED microscopica è in grado di emettere una luce a doppia intensità, la prima da 5 lumen mentre la seconda da 130, una vera e propria sorpresa.

Ricarica ovunque: Grazie al sistema micro USB potrete ricaricare la vostra luce LED praticamente ovunque, grazie a un powerbank o un notebook.

 

Contro

Fragile: Attenzione a non farla cadere poiché questa torcia è molto delicata e anche una caduta lieve potrebbe causare un guasto irreparabile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Torcia LED militare

 

6. Stookker Kit Sopravvivenza Militare Professionale di Terza Generazione

 

Se non badate a spese e siete alla ricerca di un kit completo che includa non solo una torcia LED militare ma anche tutto l’occorrente per situazioni di emergenza o durante attività di escursionismo e trekking, allora il prodotto Stookker potrebbe fare al caso vostro. 

All’interno di un comodo contenitore da poter portare sempre con sé nello zaino abbiamo una torcia elettrica a LED con zoom per modificare il fascio di luce e pulsante per inviare segnali luminosi in codice morse, una coperta di emergenza a due facce per proteggersi dal freddo intenso o dal caldo, un coltello a serramanico con lama in acciaio e sistema di bloccaggio, un seghetto a filo per legno per rifornirsi di legna qualora si dovesse passare la notte all’aperto, cinque metri di corda, un fischietto in metallo e un bracciale tattico con mini bussola e pietra focaia. 

L’unico difetto riscontrato dai consumatori è nella tenuta delle chiusure della scatola esterna che contiene il tutto, ritenute troppo fragili e destinate a rompersi facilmente.

 

Pro

Accessoriato: Se non cercate solo una torcia ma un vero e proprio kit di sopravvivenza che possa trarvi d’impaccio in situazioni pericolose, allora il prodotto Stookker è l’ideale.

Coltello: La fattura della lama è ottima e gli acquirenti sono molto soddisfatti del sistema di bloccaggio e della qualità del taglio. Uno strumento immancabile in un kit di sopravvivenza.

Torcia: La luce emessa è più che soddisfacente per illuminare ambienti bui ed evitare di mettere il piede in fallo, le dimensioni contenute, inoltre, permettono di avere più di uno strumento in mano.

 

Contro

Cassetta: Il contenitore degli attrezzi non è di qualità elevata, pertanto potreste avere dei problemi dopo utilizzi intensivi, soprattutto per quanto riguarda il sistema di chiusura che potrebbe cedere col tempo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Torcia LED subacquea

 

7. Siuyiu Torcia Subacquea, Siuyiu Super Luminosa 1000 Lumens LED

 

Tra i prodotti più venduti troviamo questa torcia LED subacquea di Siuyiu, impermeabile secondo il produttore fino a 80 metri sott’acqua anche se realisticamente bisogna ridurre il valore della metà. Si rivela comunque più che soddisfacente per chi pratica attività come immersioni e snorkeling, risultando interessante anche per altri sportivi che si dedicano invece al nuoto, escursionismo, alpinismo, vela o pesca. 

Dal punto di vista dell’efficienza, gli utenti non hanno alcun appunto da fare e il prodotto si comporta in maniera egregia con una luce più che soddisfacente, tuttavia alcuni accorgimenti avrebbero reso la torcia davvero impeccabile. 

Innanzitutto il gancio della cinghia non è di qualità e durante le immersioni potrebbe rompersi facilmente, con il conseguente rischio di perdere la torcia. In aggiunta il sistema di accensione a ghiera, che cambia anche le impostazioni di luce, potrebbe essere un po’ scomodo per chi ha bisogno di attivarla sott’acqua.

 

Pro

Impermeabile: La torcia, rispetto ad altre presenti sul mercato, è ottima per chi pratica snorkeling, immersioni o nuoto, con una resistenza notevole alla pressione dell’acqua.

Luminosa: Riesce a penetrare le acque permettendo di vedere fino a quattro metri di distanza quando si è immersi, un risultato notevole se consideriamo il costo.

Solida: Il prodotto è realizzato in lega di alluminio di qualità elevata con un rivestimento antiabrasivo, antigraffio e anti-caduta fino a 1,5 metri.

 

Contro

Ghiera: Per l’accensione utilizza un sistema poco convincente che non ha un grip ottimale. Un dettaglio che alcuni consumatori hanno prontamente fatto notare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Torcia LED da testa

 

8. Petzl Actik Torcia a Mano LED

 

Se non avete mai sentito parlare di una torcia LED da testa, allora il dispositivo Petzl potrebbe sorprendervi. In realtà non c’è bisogno di essere minatori per utilizzare una di queste torce, come verrebbe naturalmente da pensare, ma possono essere sfruttate anche da chi, per esempio, ama andare in bici ma può farlo solo in orari in cui il sole è già tramontato, o per esempio chi deve fare una passeggiata con il proprio cane in zone non illuminate ma ha entrambe le mani occupate per poter utilizzare una normale torcia. 

Insomma, gli utilizzi sono molteplici e non poteva dunque mancare nella nostra lista un prodotto del genere. C’è da sottolineare che la luminosità non è eccessiva e la qualità costruttiva lascia un po’ a desiderare ed è sconsigliato utilizzarla in condizioni climatiche avverse. 

Premendo un pulsante è possibile comunque passare da una luce bianca a quella rossa, permettendo quindi di scegliere quella più adatta alle vostre esigenze. Per scoprire dove acquistare la torcia Petzl Actik non dovete far altro che cliccare sul link in basso.

 

Pro

Doppia luce: Potrete selezionare, tramite l’apposito pulsante di accensione, due tipi di luce diversi, bianca o rossa. La seconda permette di non abbagliare altre persone e segnalare comunque la vostra presenza.

Comoda: Rimuovere la necessità di avere una torcia tra le mani, vi lascia liberi di utilizzarle come meglio credete, per tenere il guinzaglio del cane o anche un ombrello.

Fascia: Secondo i pareri espressi dagli utenti, la fascia da posizionare attorno alla testa è estremamente regolabile, adattandosi quindi al meglio senza risultare troppo stretta o larga.

 

Contro

Impermeabile: La torcia non riesce a resistere bene alle intemperie e utilizzarla durante acquazzoni potrebbe decretarne la prematura dipartita a causa di infiltrazioni e umidità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una buona torcia LED

 

Se siete indecisi su quale torcia LED comprare anche dopo aver letto tutte le nostre recensioni, non abbiate timore e scoprite con noi quali sono gli elementi principali da prendere in considerazione quando vi avvicinate per la prima volta a prodotti del genere.

Innanzitutto scoprite in modo accurato la destinazione d’uso, per capire se porterete sempre con voi la torcia, se la lascerete in casa per utilizzarla nei momenti d’emergenza o se ne avete bisogno in campeggio, in auto o in barca, per esempio.

 

 

Tale considerazione preliminare è di fondamentale importanza poiché ci permette di capire la potenza necessaria. Consideriamo per esempio una torcia a LED per uso quotidiano, non avrete necessariamente bisogno di un prodotto estremamente luminoso o ingombrante e potrete quindi selezionare un dispositivo quanto più portatile possibile, magari con aggancio per fungere da portachiavi o comodo da infilare in tasca. 

Sul mercato è possibile trovare una gran quantità di torce di questa tipologia e avrete davvero l’imbarazzo della scelta, anche dal punto di vista del prezzo, che non supera mai una certa soglia.

Il discorso è diverso se per esempio avete bisogno di una torcia LED d’emergenza, da avere magari in casa per far fronte a un black-out. In questo caso bisogna prendere in considerazione potenza e autonomia, la prima per poter illuminare tutta la casa in modo soddisfacente, evitando incidenti come inciampare nei mobili, e la seconda per non ritrovarsi al buio dopo circa un paio d’ore di utilizzo.

Per quanto riguarda invece le torce da campeggio, avrete anche in questo caso l’imbarazzo della scelta poiché sono molte e tutte con caratteristiche molto singolari. Poiché quando sarete fuori casa non avrete facilmente accesso a un sistema di ricarica, potreste preferire uno slot USB, magari per procedere alla ricarica tramite powerbank, notebook o altri dispositivi che abbiano una batteria a litio.

Lumen

Non dimenticate di controllare il valore lumen, sebbene non sempre sia un chiaro indicatore della potenza della torcia è comunque l’unico fattore che possa darvi un’indicazione a riguardo. 

Se vicino alla dicitura lumen trovate anche quella ANSI, potrete star certi che si tratta di una torcia particolarmente potente poiché l’acronimo, che sta per American National Standard Institute, indica che il dispositivo ha passato un controllo di qualità aggiuntivo che ne ha decretato il valore lumen in base a uno standard statunitense. Generalmente qualsiasi valore al di sotto dei 1.000 lumen è definito come uso occasionale mentre un valore superiore permette usi specifici e prolungati.

 

 

 

Domande frequenti

 

Cos’è una torcia LED?

La torcia LED non è altro che una semplice torcia elettrica dotata però di una potenza luminosa molto più elevata rispetto a quelle con lampadina a incandescenza, ormai cadute quasi in disuso, grazie alla tecnologia omonima, il cui acronimo sta per “light emitting diode”. Tali prodotti hanno un’utilità notevole in diverse situazioni come per esempio durante un black out improvviso o se si è in campeggio e si necessita di una luce durante escursioni o mentre si è in tenda.

 

Come trasformare una torcia alogena a LED?

Alcuni utenti si sono imbattuti nella necessità di convertire delle vecchie torce alogene in quelle più moderne a LED. Se anche voi siete appassionati di modifiche e non volete acquistare prodotti nuovi spendendo più del dovuto allora potrete effettuare tale trasformazione seguendo dei semplici passaggi. 

Innanzitutto bisogna aprire il vano principale della propria luce alogena, rimuovendo ciò che vi è all’interno per creare spazio per il dissipatore di calore. Dovrete poi procurarvi una quantità di LED pari alla potenza che desiderate venga emessa, per esempio potrete inserire sei LED da 3 watt l’uno, ricordando di procurarvi anche gli appositi driver per pilotarli. 

I driver a loro volta devono essere alimentati da batterie a 12 V, possibilmente da 2.400 mAh, anche queste facilmente reperibili online a prezzi contenuti. Dopo aver realizzato il circuito non dovrete far altro che inserire il tutto all’interno della torcia alogena, assicurandovi di limare e tagliare spigoli o zone che ne impediscono il corretto alloggiamento.

 

Quanti lumen occorrono in una torcia LED?

Bisogna innanzitutto effettuare un distinguo tra watt e lumen, fattori che spesso confondono gli utenti. Quando si parla di watt si intende il consumo energetico della torcia e non la sua potenza effettiva. 

Non è raro, per esempio, che torce con più watt facciano meno luce di quelle che hanno un consumo inferiore.Il lumen è la misura per calcolare la potenza luminosa e non si usa solo per le torce ma anche per esempio per i proiettori. Utilizzando la formula Lux 1/m è possibile scoprire la distanza in metri raggiungibile dalla luce e sono dunque questi i due elementi da prendere in considerazione quando si acquista una torcia LED.

Inoltre, per avere una chiara indicazione della potenza luminosa bisognerebbe cercare sempre la sigla ANSI indicata dopo il valore lumen. ANSI è un acronimo e sta per American National Standards Institute, un ente preposto alla misurazione della luminosità in svariati apparecchi e la sua presenza nella dicitura del prodotto è sinonimo di qualità e si può essere sicuri che il valore sarà reale.

 

 

 

Come usare una torcia LED

 

I più curiosi dopo aver letto le nostre recensioni si staranno chiedendo come funziona una torcia a LED, magari interrogandosi sulla differenza rispetto a una torcia alogena. Uno degli elementi da tenere a mente quando si parla di tali prodotti è la tecnologia alle spalle, ovvero la “light emitting diode”, versione estesa dell’acronimo LED. 

 

 

Rispetto alle vecchie tecnologie offre efficienza e risparmio energetico, due dei motivi più importanti per cui si cerca di passare in modo progressivo a questo tipo di illuminazione in tutti i frangenti. È proprio nell’ultima decade, inoltre, che si sono compiuti passi da gigante nella ricerca sul LED, permettendo di abbattere anche il costo di produzione a paragone con le lampade a incandescenza.

La tecnologia LED è applicata ai moderni televisori e ci sono molte possibilità che anche il vostro TV in salotto o in camera da letto sia un dispositivo che sfrutta questi diodi per l’illuminazione del pannello tuttavia l’applicazione che ci interessa in questo frangente è quella delle torce, utili sia in casa sia all’esterno per far fronte a situazioni in cui è difficile vedere a un palmo dal proprio naso.

L’utilizzo di una torcia LED è molto semplice e non richiede alcun tipo di preparazione accademica, tutto ciò che dovrete fare è ricaricare il dispositivo, tramite corrente elettrica, USB o qualsiasi altro sistema di ricarica di cui la torcia è dotata e portarla poi con voi per attivarla nel momento del bisogno.

 

 

Alcune torce hanno diversi gradi di intensità, identificati spesso da un numero seguito dalla sigla lumen. Maggiore sarà il numero e più potente sarà la torcia, riuscendo a penetrare meglio e più a fondo l’oscurità. Se volete capire invece come potenziare una torcia a LED vi invitiamo a prendere in considerazione, piuttosto, l’acquisto di un prodotto nuovo dal momento che il procedimento potrebbe essere costoso e insoddisfacente rispetto all’investimento in una torcia che abbia un valore lumen più elevato rispetto a quella che avete in casa.

 

 

Ultimo aggiornamento: 19.01.20

 

È la prima volta che andate in campeggio oppure no? In ogni caso, ecco una lista di oggetti che non possono mai mancare.

 

Quando giungono le vacanze tanto desiderate, la cosa migliore da fare è passare il tempo fuori casa, magari immersi nella natura. Diversi studi sottolineano l’importanza di rigenerare le proprie forze anche solo durante il weekend, quel tanto che basta per essere più efficienti nella vita di tutti i giorni.

Tra le opzioni più accreditate che consigliano gli esperti, c’è quella di organizzare un bel campeggio in compagnia o anche da soli. Ma per chi è nato e cresciuto nelle grandi città, preparare un’uscita fuori porta di questo genere può essere un vero disastro, proprio perché non si è abituati ad ambienti meno tecnologici, magari campestri o persino boschivi. 

Spesso e volentieri, le comodità della vita cittadina lì non esistono, quindi per tanti diventa difficile sostare anche solo per qualche ora. Ma per fortuna ci sono alcune accortezze e diversi consigli che possono servire a passare del tempo di qualità. 

Ecco allora che nei paragrafi successivi potrete leggere alcuni suggerimenti e una checklist di quello che proprio non può mancare nella borsa per il campeggio.

 

Il miglior campeggio

Prima di procedere all’acquisto di oggetti e strumenti, è meglio capire quale sia la destinazione. Soprattutto per chi è alle prime armi, il mare può essere la scelta migliore, perché potrebbero esserci meno problemi dati da insetti, clima e spazio. 

A tal proposito potreste optare per un weekend in villaggio, quindi rinunciando alla tenda, in favore di cabine e bungalow. Se invece odiate la sabbia e volete respirare un po’ di aria pulita, allora la montagna è quello che fa al caso vostro. 

Ciò nonostante, a prescindere dal tipo di campeggio che scegliete, considerate i seguenti parametri: la presenza di servizi igienici e di piazzole di sosta abbastanza larghe e non su terreni scoscesi, ma anche la comodità dell’accesso al mare o a escursioni sicure in montagna.

 

 

Quale tenda scegliere

Una volta scelto il campeggio che vi ospiterà, è giunto il momento di preparare le valigie.  Prima di tutto è importante scegliere una buona tenda che risponda a caratteristiche tecniche precise e che sia, quindi, leggera, compatta e facile da montare. 

Questo è uno dei momenti più difficili, perché in commercio ne esistono svariate decine di modelli. Il consiglio che vogliamo darvi è quello di cercare tende da campeggio che siano progettate con materiali impermeabili e durevoli nel tempo, quindi resistenti all’azione degli agenti atmosferici. 

Potrebbe esservi d’aiuto andare in negozi specializzati e toccare con mano i vari modelli, quindi chiedere ai commessi ciò che può fare al caso vostro.

 

Primo soccorso

A prescindere dal campeggio e dalle scelte che prendete, la sicurezza deve sempre essere messa al primo posto. Ecco perché è importante munirsi di un kit di primo soccorso o, se non ne avete trovato nessuno, valutare di prepararne uno da soli. 

Per farlo non avrete bisogno di chissà quali strumenti particolari, perché vi servirà solamente scegliere un contenitore adatto e resistente e poi aggiungerci medicinali e altri oggetti. Vi consigliamo di procurarvi materiali sia per curare ferite, sia per eventuali ustioni, quindi cerotti, garze e pomate. 

È buona norma radunare anche i farmaci essenziali, come antistaminici, creme antibiotiche o antidolorifici acquistabili senza prescrizione medica. Includete anche alcuni strumenti come pinze, tagliaunghie, fiammiferi e guanti sterili, da utilizzare tanto in casi estremi quanto in momenti più ordinari. 

 

La sopravvivenza

Se siete i classici viaggiatori da zaino in spalla, non è conveniente e nemmeno pratico portarvi dietro quantità spropositate di strumenti. Piuttosto fate una cernita dello stretto necessario da usare non solo per la sicurezza e il primo soccorso, ma anche per la sopravvivenza. 

Per esempio, acquistando il coltellino svizzero (ecco i migliori modelli) più venduto in un qualsiasi negozio specializzato, sarete sicuri di avere a portata di mano uno strumento multiuso per qualsiasi occasione. Questi sono infatti dotati di lame pieghevoli, lente d’ingrandimento, luce a LED, ma anche posate in plastica necessarie alla sopravvivenza. 

Valutate di portarvi almeno una borraccia, ma anche qualche alimento con cui poter ingannare il tempo e non morire di fame. Infatti, non è sempre facile trovare campeggi vicini a supermercati o negozi che forniscono prodotti alimentari. 

 

E per dormire e per l’igiene personale?

Quando si organizza un’uscita fuori porta per più giorni, anche se si è presi dal divertimento, arriva sempre quel momento della notte in cui c’è bisogno di riposarsi. A tal proposito, l’opzione più conveniente è quella di acquistare sia un materassino gonfiabile, che non occupa molto spazio nello zaino, sia un sacco a pelo per dormire comodi e non morire di freddo durante le ore notturne.

In commercio esistono numerose opportunità, partendo da quelli adatti solo per l’inverno arrivando a quelli che possono essere sfruttati per tutte e quattro le stagioni. Ci sono anche quelli dotati di cuscini gonfiabili oppure i materassini e sacchi a pelo che consentono un migliore isolamento termico. 

Insomma, oggi è possibile avere una scelta ampia adatta a tutte le esigenze e con cui migliorare la propria esperienza di campeggio. Un altro aspetto imprescindibile è l’igiene personale, e a tal proposito nei negozi all’ingrosso e in quelli più specializzati per articoli sportivi, è possibile acquistare kit preparati ad hoc per il campeggio.

Spesso dispongono di boccettine da 250ml per il sapone, bagnoschiuma, shampoo, ma anche di spazzolini e tubetti di dentifricio di piccole dimensioni.

 

 

Cosa fare in campeggio?

Se avete organizzato tutto e siete già partiti, è arrivato il momento di decidere come passare il tempo libero che vi siete concessi. Le avventure inaspettate sono spesso e volentieri quelle che lasciano di più il segno, ma è chiaro che un po’ di programmazione non ha mai rovinato nulla.

Potreste passare una serata a guardare un bel film sotto le stelle, portando con voi il cellulare o un tablet da ricaricare sfruttando il power bank. Ma perché rinunciare anche a un po’ di avventura all’aperto? Ecco che è interessante partecipare a gite organizzate con le guide turistiche, da fare rigorosamente in gruppo e mai da soli, per evitare di ritrovarvi in spiacevoli e pericolose situazioni. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19.01.20

 

Il coltellino svizzero è uno strumento tanto pericoloso quanto pratico. In questo articolo scoprirete di cosa si tratta e per cosa può essere utilizzato.

 

Se siete amanti dell’avventura oppure del fai da te, non potrete fare a meno di questo utile strumento. Ciò che spicca di più all’occhio è la sua multifunzionalità, perché riunisce in pochi centimetri numerosi strumenti e accessori utili in quasi tutte le situazioni. 

È meglio però fare attenzione a non entrare nel terreno minato dell’illegalità, perché sebbene sia uno strumento piccolo, rimane comunque potenzialmente pericoloso. Ma da dove nascono i coltellini svizzeri? Quali tipologie esistono? Per cosa possono essere utilizzati? A queste e ad altre domande verrà data risposta nei paragrafi successivi. 

 

Cos’è il coltellino svizzero?

Come si può intuire dal nome, un coltellino svizzero multiuso consente di avere a portata di mano uno strumento che unisce svariati altri accessori, utili per ogni tipo di attività. Spesso e volentieri può tornare utile sia per lavori casalinghi, sia per esperienze fuori porta come nel caso del campeggio.

Prima di utilizzarlo è buona norma avere più confidenza con la modalità d’impiego, quindi evitando di farvi male, tagliandovi anche eseguendo semplici operazioni. Perciò, apprendete come si estraggono i vari attrezzi, a cosa serve ognuno e come si usano: solo dopo potete usarlo in maniera più consapevole. 

A tal proposito possono tornarvi utili sia il manuale di istruzioni, che molto spesso viene fornito nella confezione al momento dell’acquisto, sia i tutorial che le aziende mettono a disposizione sui propri siti web.

 

 

La sua storia

L’origine del coltellino svizzero sembra risalire al 1891, anno in cui l’esercito svizzero venne fornito per la prima volta di questi strumenti nostrani e non più provenienti dalla Germania, come avveniva qualche anno prima. 

Si tratta di un periodo molto particolare, in cui le necessità di difesa non erano tante quanto quelle successive. I primi coltelli originali erano prodotti con un manico in legno, con in dotazione un punteruolo, un apribottiglie, un cacciavite e una lama per ogni tipo di esigenza. 

Ciò nonostante, appena sei anni più tardi, venne integrato un sistema a molla che consentiva di incrementare il numero di accessori. Non a caso, oggi esistono svariati modelli realizzati in materiali più o meno economici, ma ciò che spesso e volentieri contraddistingue un coltellino svizzero è il colore. 

Infatti, per antonomasia un modello tradizionale deve avere il manico colore rosso per due ragioni: per richiamare all’occhio la bandiera svizzera e per essere ben visibile qualora cada nella neve o in zone aperte ricche di vegetazione, come nel caso dei boschi.

 

Gli accessori incorporati

La gamma di coltellini svizzeri è vastissima, tanto che in commercio sono disponibili per tutte le necessità. Il vantaggio di acquistarne uno è quello di avere diversi strumenti a portata di mano, tutti raggruppati in poco spazio. 

Per questo, la scelta dei migliori coltellini svizzeri può risultare difficile: ciò nonostante i prodotti standard dispongono prettamente di strumenti essenziali come il coltello, una brugola, una lente d’ingrandimento e un cacciavite. 

Ne esistono anche di più versatili e completi, arrivando anche a più di cinquanta utensili incorporati, ma tutto dipende sia dalle dimensioni, sia dalla creatività e l’obiettivo dell’azienda e dei progettisti.

Oggi, per esempio, non è difficile trovare sul mercato coltellini svizzeri che dispongono di puntatori laser, penne, posate, entrate USB, pinze e altri accessori a scomparsa nascosti molto spesso nei manici.

 

Utile sia fuori casa…

In base al vostro stile di vita e all’esperienza accumulata nel tempo, uno strumento multifunzione come questo abbraccia numerosi campi di utilizzo. Ad esempio, per quanto riguarda l’uso esterno, è sfruttato dagli scout e da chi va in campeggio. 

Grazie alle sue compattezza e leggerezza, vi permette di portarlo in tasca e di usarlo all’occorrenza. Quindi, se dovete tagliare del rame, aprire una bottiglia, oppure se non avete le posate, questo è ciò che fa al caso vostro. 

Ma nell’uso esterno, sempre nei limiti della legge, è possibile sfruttarlo anche in occasioni di emergenza, come quando la macchina è in panne e si necessita di attrezzi come il cacciavite o una lente d’ingrandimento, oppure quando si deve tagliare un tubo o una cinghia. 

 

…sia dentro casa

Per quanto riguarda il suo uso interno, è interessante valutarlo nel caso di lavori fai da te. Ecco che potrà essere utile nel caso di lavori di hobbistica, in cui impiegare coltellini svizzeri che dispongono anche di forbici, tagliacarte e orologi. Insomma, tutto ciò che rende l’attività più facile, veloce e confortevole. 

Ma può esservi utile anche se organizzate cene tra amici o in famiglia e desiderate aprire e degustare una buona bottiglia di vino, poiché la maggior parte dei coltellini presenti in commercio dispone anche di apribottiglie per tappi in sughero e in plastica. 

 

Come prendersene cura

A prescindere dalle occasioni in cui lo utilizzerete, è sempre consigliato fare una manutenzione precisa e ordinaria, affinché i componenti e gli accessori non si rovinino con l’azione del tempo e dell’aria.

Per farlo, come ogni altro utensile che si rispetti, è bene innanzitutto rimuovere da ogni strumento l’eventuale sporco e la polvere. In questa operazione potreste aver bisogno di un panno e di un pennellino, perché non è sempre facile raggiungere gli angoli più nascosti. 

Fatto questo, sarà il momento di lubrificare con un olio adatto (che trovate facilmente su internet o in ferramenta) la lama, i perni e le molle. In questo modo non si formerà la ruggine e non avrete troppe difficoltà a estrarre gli accessori dopo svariati utilizzi. 

Poi, se vi serve una lama ben affilata per operazioni e lavori più precisi e veloci, potete optare per l’utilizzo di una classica pietra abrasiva con cui affilare il coltello. Certo, se sentite di non riuscire a farlo in sicurezza, allora chiedete l’aiuto in ferramenta per un lavoro ancora più preciso.

 

 

Una curiosità!

Una curiosità che può interessare è che il coltellino svizzero, fin dalla sua entrata in scena alla fine del 1800, grazie alla praticità, compattezza ed estrema funzionalità, ha raggiunto anche lo spazio. 

Non è un segreto infatti che ogni astronauta della NASA ne ha a disposizione almeno uno nel proprio kit di base, da utilizzare per ogni evenienza ed emergenza.

 

 

Ultimo aggiornamento: 19.01.20

 

Il coltellino svizzero può essere utilizzato in varie occasioni grazie agli accessori di cui dispone. Ma quando diventa illegale? Scopritelo in questo articolo.

 

Il coltellino svizzero è uno strumento multiuso che unisce compattezza, praticità e comodità di trasporto. Per questa ragione è utile per chi, spesso e volentieri, preferisce tenerlo in tasca, oppure in un cassetto, come anche nel vano portaoggetti dell’auto e della moto. 

Ciò nonostante, non è così difficile leggere fatti di cronaca che raccontano di multe salate delle Forze dell’Ordine fatte a chi ne aveva uno con sé. Effettivamente, quello che molto spesso viene tralasciato è che, per quanto sia uno strumento banale e apparentemente innocuo, si tratta invece di un oggetto pericoloso. 

In commercio esistono numerose tipologie più o meno complete, eppure anche il miglior coltellino svizzero, ovvero quello che risponde ad alti criteri di sicurezza, è considerato al pari di un’arma. Per questa ragione è necessario conoscere ciò che dice la legge sul suo trasporto e utilizzo, evitando così di incappare in sanzioni salatissime. 

 

Cos’è un’arma secondo la legge?

Quando si legge il termine “arma”, l’immagine più comune che potrebbe sovvenire alla mente è quella di una pistola, ma per chi è a digiuno delle diverse tipologie esistenti, sappiate che non è l’unico strumento a cui ci si riferisce.

Si potrebbe parlare a lungo di tutto quello che viene definito un’arma, ma per tagliare la testa al toro e dare il giusto peso all’argomento, è meglio affidarsi a quello che dice la legge. A tal proposito, è possibile fornire due tipi di definizioni che si compenetrano: una tecnica e una giuridica. 

Sotto un profilo meno legale, un’arma è qualsiasi strumento che viene utilizzato per offendere, magari ferire, in virtù della sua natura o della modalità di utilizzo. Del resto, secondo la visione giuridica, quindi meno tecnica, un’arma è tutto quello che si può desumere da quanto è scritto nelle norme del Codice Penale (artt. 585 e 704) e nell’articolo 30 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

 

 

Armi improprie e armi proprie

Ora scendiamo ancora più nel dettaglio. Sia dalla definizione giuridica e sia da quella tecnica, è possibile evincere che le armi si distinguono in due tipologie: armi proprie e armi improprie. 

Nello specifico, della prima categoria fanno parte tutti quegli oggetti e strumenti che hanno intrinseca la pericolosità. 

Si tratta quindi di armi da fuoco come fucili e pistole, congegni esplosivi come le bombe incendiarie e anche quelle armi bianche come strumenti da taglio e con la punta. D’altro canto, quando si parla di armi improprie, si fa riferimento a bastoni, mazze, tubi, catene e tutti gli oggetti che non nascono con lo scopo di offendere, quindi tutto cambia in base alla modalità di impiego. 

Secondo la legge, per alcune armi proprie sono necessarie specifiche autorizzazioni, come per esempio il porto d’armi. Del resto però, anche una semplice spranga può diventare pericolosa se chi la utilizza ha scopi poco nobili.

 

Come si classifica il coltellino svizzero

Sulla base di quanto appena detto, se ne può dedurre che un coltellino svizzero è classificabile come arma impropria, ma non sempre. Che lo portiate in tasca, nello zaino oppure nel vano portaoggetti di un veicolo, il coltello multiuso è sempre considerato come un oggetto che potrebbe essere utilizzato per ferire qualcuno. 

Certo, potreste pensare che qualsiasi oggetto può essere considerato al pari di un’arma, anche una bottiglia rotta, oppure la cintura in macchina. Ciò nonostante, quello che più di tutto può aggravare la situazione è sia l’utilizzo che se ne fa, sia le circostanze previste dal Codice Penale.

Più avanti potrete leggere riguardo le eventuali sanzioni decise dalle normative di cui abbiamo già parlato.

 

Portare con sé un coltellino svizzero: si o no?

Per come si è abituati, a causa anche delle varie notizie di cronaca che parlano di aggressioni in strada e di scippi, è naturale voler portare con sé un coltellino o altri oggetti per difendervi. 

Ciò nonostante, la legge parla chiaro: all’infuori di contesti di lavoro in cui si necessita di tali strumenti, questo non è possibile. Tendenzialmente, dopo quanto detto, chiunque potrebbe considerare illegale l’utilizzo di un coltellino multiuso, sebbene sia uno strumento comodo perché unisce in poco spazio diversi accessori, e perciò di interesse per tutti gli amanti del fai da te. 

Ma le cose sono ben diverse perché viene definito legale qualora lo si utilizza in casa per lavori personali oppure per lavori esterni e in orari specifici. Se invece in altre occasioni si viene sorpresi con in tasca o in borsa quest’arma impropria, allora si rischia sanzioni pecuniarie e detentive.

 

Misure di sicurezza

Ma quando questi strumenti possono essere portati fuori dai contesti lavorativi? Le misure di sicurezza da adottare si limitano all’utilizzo solo in casi estremi. Tra questi ultimi potrebbe esserci la necessità di avere in tasca un coltellino multiuso per raccogliere un po’ di legno nel bosco. 

Ma potrà servire anche a degli scout, magari durante il campeggio o in altre occasioni. Ciò nonostante, il motivo principale, oltre che essere giustificato e non astratto, deve corrispondere anche a regole comportamentali lecite.

Quindi è necessario rispettare canoni come non portarlo con sé in orari ambigui (difficilmente, secondo la legge, avrete bisogno di un oggetto simile nella notte fonda) o se si è ubriachi.

 

 

Eventuali sanzioni

Secondo la normativa italiana, la pericolosità di un coltellino multiuso è aggravata anche dagli accessori che sono inclusi, poiché più o meno tutti potenzialmente rischiosi se usati imprudentemente. 

Come per altri strumenti simili, anche per il coltellino svizzero multiuso la legge è poco clemente, perché la sanzione prevedere un’ammenda che parte da 1000€ e può arrivare anche a 10000€, oltre che un potenziale arresto che va da sei mesi fino a due anni.

Ma non finisce qui, perché se si viene colti in flagrante con un coltellino multiuso in eventi pubblici, le sanzioni sono raddoppiate: 20000 euro di ammenda e fino a tre anni di detenzione.

 

 

Ultimo aggiornamento: 19.01.20

 

Coltellino Svizzero – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni 

 

Siete interessati all’acquisto di un coltellino svizzero, ma avete timore di scegliere un modello che non sia in grado di rispondere alle vostre esigenze? In questa guida potrete trovare alcuni utili suggerimenti in merito alla decisione da prendere, ma intanto ecco un’anticipazione degli articoli che abbiamo collocato in cima alle nostre preferenze. Il Victorinox Swisschamp vanta una qualità costruttiva e una dotazione come pochi, tanto da rientrare tra i prodotti più apprezzati dagli escursionisti e dagli amanti del bushcraft; il Victorinox Ranger Wood spicca, invece, per il suo design accattivante che sicuramente non lascerà indifferenti i collezionisti e gli estimatori del genere.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 Migliori Coltellini Svizzeri – Classifica 2020

 

Di seguito troverete la recensione dei modelli che ci hanno convinto di più tra quelli venduti online. Date loro un’occhiata se non sapete come scegliere un buon coltellino svizzero.

 

 

Coltellino svizzero Victorinox

 

1. Victorinox Swisschamp, Coltello da Tasca Medio Unisex Adulto

 

In appena 91 millimetri l’azienda svizzera Victorinox, famosa in tutto il mondo per la fabbricazione e l’esportazione del celebre coltellino multifunzione, è riuscita a “stipare” ben trentatré attrezzi, con una molteplicità di funzioni che ha lasciato senza parole anche gli utenti più esigenti. Si spazia dalla tradizionale lama in acciaio inox, talmente affilata da tagliare con estrema facilità anche il legno, fino al pratico squamapesci, indispensabile per lavorare la preda direttamente sul luogo di pesca.

Con un peso di appena 186 grammi, risulta estremamente leggero e pratico da trasportare, ma a colpire di più del prodotto è la facilità di estrazione degli attrezzi, tutti racchiusi in un corpo robusto e ben rifinito che solo a guardarlo trasmette un’immediata sensazione di solidità e durevolezza.

Rientra tra i migliori coltellini svizzeri del 2020 anche per la presenza di un dettagliato manuale che spiega in modo chiaro e preciso tutti gli utilizzi degli accessori in dotazione, un grande vantaggio per i neofiti che non hanno ancora maturato una certa esperienza nel settore.

 

Pro

Accessoriato: Un prodotto che vanta una ricca dotazione in uno spazio estremamente ridotto per raggiungere un perfetto equilibrio tra leggerezza, funzionalità e trasportabilità.

Qualità: I trentatré elementi inclusi, realizzati con la tipica maestria della celebre azienda svizzera, sono tutti di eccellente qualità per essere utilizzati con profitto in ogni situazione senza mai perdere di efficienza.

Prezzo equo: Rispetto ad altri modelli professionali, il coltellino svizzero Victorinox Swisschamp si fa forte di un costo bilanciato che appare perfettamente in linea con le prestazioni offerte.

 

Contro

Custodia: Il prodotto non presenta difetti evidenti, tuttavia alcuni utenti hanno lamentato la mancanza di una custodia dove riporre l’oggetto quando non utilizzato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltellino svizzero originale

 

2. Victorinox RangerWood, Navaja Grande Ranger Wood 55

 

Chi è interessato all’acquisto di un coltellino svizzero originale e dal design unico, può fare riferimento a quest’altro modello firmato Victorinox, ideale soprattutto per gli amanti del genere che vogliono arricchire la propria collezione con un oggetto dalle linee avvolgenti e raffinate.

Si tratta di un modello che misura appena 85 millimetri di lunghezza da chiuso e 170 quando la lama è aperta, per un peso complessivo che non supera i 100 grammi.

Qualche utente ha lamentato l’assenza di alcuni tools, ma almeno i sei presenti si sono dimostrati solidi, resistenti e soprattutto funzionali, così da poter comunque disporre degli strumenti indispensabili per dedicarsi al fai-da-te in casa o ad altre attività all’aperto.

Ma ciò che piace di più del prodotto è l’impugnatura, e non solo perché interamente realizzata in legno di ottima fattura, ma anche per la sua forma ergonomica che permette di tenere l’oggetto in mano agevolmente e di utilizzare uno degli attrezzi in dotazione con estrema facilità.

 

Pro

Il manico: Interamente realizzato in legno, presenta un design ergonomico che offre il massimo del comfort durante l’utilizzo, oltre a restituire una notevole resistenza agli urti e all’usura.

Maneggevole: Le sei funzioni offerte sono racchiuse in un coltellino estremamente maneggevole che pesa poco più di 80 grammi, per cui risulta comodo da tenere in mano e da trasportare.

Da collezione: La maestria degli ingegneri Victorinox ha permesso di realizzare un oggetto unico nel suo genere, caratterizzato da linee morbide e avvolgenti che ne esaltano il design raffinato.

 

Contro

Non è il più economico: Viene venduto a un costo eccessivo che probabilmente solo i collezionisti saranno disposti a sostenere pur di includerlo nella propria collezione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltellino svizzero Wenger

 

3. Wenger Classic 81 Duo-Set di Coltello e Penna

 

Tra le migliori offerte disponibili sul mercato abbiamo selezionato anche questo interessante set frutto della collaborazione tra Wenger e Caran d’Ache.

All’interno della confezione, elegante e ben curata nei particolari, troviamo un coltellino svizzero Wenger Esquire dal design compatto ed ergonomico, e una penna firmata Caran d’Ache con struttura in metallo e punta media.

Il pocket tool include diversi attrezzi capaci di garantire non meno di venti funzioni, tra cui uno stuzzicadenti, un alesatore, una lima, un apribottiglie, un apriscatole, pinzette e forbici. Tuttavia, abbiamo riscontrato qualche disappunto proprio in merito al meccanismo di apertura delle forbici, in quanto caratterizzato da un sistema a molla, tra l’altro non sostituibile, che tende a bloccarsi spesso durante l’estrazione ma, considerato il costo vantaggioso del set, è una pecca che molti utenti hanno accettato di buon grado.

Ampia soddisfazione, invece, in merito alla penna, dotata di un meccanismo a clip, che non perde un colpo nemmeno dopo svariati utilizzi, e una cartuccia biro di tipo Goliath dalla durata apprezzabile.

 

Pro

Prezzi bassi: Lo standard qualitativo è quello tipico di Wenger e Caran d’Ache, quindi di alto livello, ma quello che lascia a bocca aperta è il prezzo del set, davvero vantaggioso e alla portata di tutte le tasche.

Materiali: Tanto il coltellino quanto la penna sono realizzati con materiali di eccellente qualità per offrire una buona praticità di utilizzo e una maggiore resistenza nel corso degli anni.

Packaging: La confezione, molto elegante e curata nei particolari, è un valore aggiunto che vi farà fare una gran bella figura se pensate di regalare il set a un appassionato del genere o a un collezionista.

 

Contro

Forbici: Il meccanismo di apertura delle forbici non sembra molto efficiente. C’è chi infatti riferisce che, dopo un certo numero di utilizzi, tende ad allentarsi e a bloccarsi di continuo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltellino svizzero multiuso

 

4. Synerky Coltello Multiuso da Campeggio Tascabile

 

Quello di Synerky non è solo un coltellino svizzero multiuso, ma un vero e proprio attrezzo multifunzione che include tantissimi accessori utili in ogni occasione.

Può trasformarsi in una pinza, un apriscatole, un apribottiglie, un coltello e persino in un cacciavite con nove punte intercambiabili, che troverete incluse nella confezione.

Gli utensili sono realizzati in solido acciaio inossidabile brunito, per cui non temono la corrosione della ruggine e mantengono la loro efficienza anche dopo diversi anni di utilizzo.

L’impugnatura sagomata in alluminio anodizzato offre una presa salda e un perfetto grip sia se impugnato con la mano destra sia con quella sinistra, così da utilizzarlo in modo agevole in qualsiasi circostanza senza incontrare difficoltà.

Gli utenti hanno segnalato qualche problema in merito al meccanismo di chiusura che potrebbe usurarsi facilmente dopo qualche tempo, andando così a inficiare la sicurezza dell’oggetto. Convince, invece, il costo, molto conveniente in rapporto alla buona resa delle componenti e alla dotazione di una pratica custodia per trasportare comodamente lo strumento e conservarlo al meglio quando non utilizzato.

 

Pro

Materiali di qualità: Gli utensili sono tutti realizzati in acciaio inossidabile brunito per garantire un’elevata resistenza alla ruggine e all’usura, così da godere di un attrezzo multiuso efficiente e perfettamente funzionante anche dopo diversi anni.

Prezzo conveniente: Considerate le tante funzioni e l’eccellente resa costruttiva dell’oggetto, è davvero sorprendente che venga venduto a un costo così basso, ottimo per chi vuole spendere poco ma senza rinunciare a un prodotto di buona qualità.

Il contenuto della confezione: Nel prezzo sono inclusi un set di nove punte da abbinare al cacciavite in dotazione e una custodia con chiusura in velcro per trasportare comodamente l’attrezzo e conservarlo al riparo da polvere e sporco.

 

Contro

Meccanismo: Negativi i pareri degli utenti in merito al meccanismo di chiusura, che potrebbe allentarsi o bloccarsi facilmente se non maneggiato con la dovuta attenzione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Portachiavi coltellino svizzero

 

5. Foopp Primi Portachiavi 6 in 1 Multi Funzione per Trekking

 

Passiamo ora a un portachiavi coltellino svizzero capace di abbinare materiali solidi e robusti a un peso estremamente leggero che consente di tenerlo in tasca senza nemmeno accorgersi della sua presenza.

Il design ricorda quello di una comune chiave e offre l’ulteriore vantaggio di essere molto compatto, così anche se si ha la necessità di riporlo in borsa o nel portaoggetti dell’auto non si incontrerà alcun problema di ingombro.

Nonostante le sue misure contenute, il prodotto si dimostra molto resistente e duraturo nel tempo, in modo da poterlo utilizzare più e più volte senza preoccuparsi di rovinarlo.

Certo, non vanta una dotazione cospicua come gli altri modelli visti fin qui, ma il suo prezzo ultra competitivo ha conquistato il favore di un’ampia fetta di utenti.

Il costo molto basso, inoltre, non ha inciso minimamente sulla qualità complessiva dell’oggetto, interamente realizzato in acciaio inox, e sulle sue utilissime funzioni, che includono gli attrezzi irrinunciabili, come il cacciavite a stella, quello a testa piatta, l’apribottiglie e il taglierino.

 

Pro

Compatto e leggero: Con le sue misure 7 x 1,9 x 0,32 centimetri, questo portachiavi multifunzione occupa pochissimo spazio e può essere riposto facilmente in tasca senza incontrare difficoltà.

Solido: Nonostante la notevole leggerezza e le dimensioni compatte, il modello si rivela molto robusto e altamente resistente agli urti e alle cadute accidentali, mantenendo la sua efficienza anche a distanza di anni.

Qualità/prezzo: Si tratta di un prodotto interamente realizzato in acciaio inossidabile di buona qualità e in più costa anche poco, il che non guasta mai!

 

Contro

Pochi accessori: Non è il modello più accessoriato che si può trovare sul mercato, ma i pochi attrezzi presenti sono stati ritenuti assolutamente indispensabili dagli utenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltellino svizzero militare

 

6. Victorinox Multiuso Huntsman Camouflage Mimetico Esercito Svizzero

 

Apprezzato da molti acquirenti anche a un primo impatto visivo, il coltellino svizzero militare Huntsman di Victorinox dispone di un meccanismo di apertura molto fluido e scorrevole che consente di estrarre gli utensili con estrema facilità.

Pur trattandosi di un prodotto firmato dall’azienda elvetica numero uno al mondo nella produzione di coltellini multiuso, c’è da dire che il suo costo risulta davvero conveniente e sono in tanti ad averlo scelto per l’originale “livrea” mimetica che lo rende esteticamente appetibile anche per il più esigente dei collezionisti.

Sono dieci gli attrezzi racchiusi in questo bel modello, non tantissimi ma certamente di grande utilità sia in casa, per eseguire le riparazioni ordinarie, sia in occasione di escursioni, campeggi e passeggiate all’aria aperta.

Oltre agli utensili classici, come le lame, il gancio multiuso, le lime e l’apribottiglie, l’Huntsman Camouflage Mimetico offre un alesatore, un seghetto e un paio di forbici, così da avere una piccola cassetta degli attrezzi sempre a propria disposizione ovunque ci si trovi.

 

Pro

Compatto: Le sue dimensioni sono molto contenute, infatti misura 9,1 x 2,6 x 1,7 centimetri, e ha un peso inferiore ai 100 grammi, per cui dal punto di vista della portabilità non ha nulla da invidiare ad altri modelli più costosi.

Design: Il manico è realizzato in resina termoplastica con l’inconfondibile logo dell’azienda impresso su entrambe i lati, come da tradizione, il tutto completato da una finitura mimetica dal grande impatto visivo.

Prezzo sorprendente: Oltre che per la qualità ineccepibile dei suoi prodotti, Victorinox è nota anche per la dispendiosità dei coltellini che portano il suo nome, ma non è questo il caso visto che l’Huntsman viene proposto a un prezzo che ha lasciato gli utenti piacevolmente sorpresi.

 

Contro

Gancio multiuso: L’unica pecca riscontrata riguarda il gancio multiuso che, trovandosi in una posizione scomoda, risulta molto difficile da estrarre.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltellino svizzero piccolo

 

7. Victorinox V06463.TB1, Coltello Piccolo da Tasca Unisex

 

I tratti distintivi dei prodotti Victorinox sono soprattutto la compattezza e la maneggevolezza, due caratteristiche che ritroviamo nel modello V06463.TB1.

Si tratta di un coltellino svizzero piccolo e leggero che fa sfoggio dell’eccellenza artigianale ormai simbolo indiscusso della nota azienda elvetica. Il design è quello classico, in quanto caratterizzato da coperture laterali di colore rosso su cui spicca il tipico stemma composto da uno scudo e una croce bianchi, il tutto esaltato da finiture trasparenti molto accattivanti e originali.

Il motivo del grande successo del prodotto si deve in particolare a due ragioni: la prima è il perfetto bilanciamento tra qualità costruttiva e prezzo di vendita, con grande soddisfazione da parte degli utenti che lo hanno preferito; la seconda è l’utilizzo dell’acciaio inossidabile per la realizzazione degli utensili in dotazione, una scelta che ripaga in termini di resistenza e durevolezza.

L’unica rimostranza sollevata riguarda l’assenza di qualche attrezzo ma, a nostro avviso, quelli che mancano all’appello non risultano indispensabili e sono comunque stati sacrificati in favore di una maggiore praticità d’uso e di trasporto.

 

Pro

Funzionale: Estremamente funzionale ma allo stesso tempo pratico da utilizzare e da trasportare, questo coltellino svizzero contiene pochi attrezzi ma assolutamente indispensabili, come la lama, la lima, le forbici e un gancio multiuso che funge da apribottiglie, apriscatole e separa fili.

Sicurezza: La lama presenta un sistema di chiusura che si blocca automaticamente quando arriva a un angolo di circa 90°, in modo da evitare che durante le operazioni di taglio si chiuda accidentalmente sulle dita.

Rapporto qualità/prezzo: Se la qualità è elevata non lo è di certo il prezzo, davvero conveniente e assolutamente conforme a quanto offerto dal prodotto.

 

Contro

Le funzioni: Sono cinque, sufficienti per far fronte ai piccoli inconvenienti tipici delle attività outdoor e della vita quotidiana, ma sono comunque meno di quelle presenti in altri modelli Victorinox.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltellino svizzero 15 funzioni

 

8. Victorinox 1.3773 Handyman Coltellino Multiuso, 15 Funzioni

 

A chiudere la nostra classifica è un altro coltellino svizzero del marchio che lo ha inventato e reso celebre in tutto il globo.

Si tratta di un accessorio multiuso leggero ed estremamente facile da trasportare, due caratteristiche che però non hanno in alcun modo invalidato la completezza e la funzionalità del modello che, in soli 91 millimetri, racchiude quindici attrezzi: lama grande, lama piccola, apriscatole, un cacciavite da 3 e uno da 6 millimetri (adatti anche per le viti a croce), forbici, stuzzicadenti, cavatappi, levacapsule, spelafili, alesatore, anello portachiavi, pinzetta, gancio multiuso e seghetto per legno.

Gli utensili sono tutti solidi e funzionali, a partire dalle lame molto affilate e realizzate in acciaio inossidabile di prima scelta, fino alla sega, che risulta efficiente nonostante le sue dimensioni ridotte.

L’oggetto, inoltre, non necessita di grandi interventi di manutenzione e si presta anche come regalo utile per un appassionato di bushcraft, ma dovrete procurarvi una confezione adatta perché quella in dotazione è di bassissima qualità.

 

Pro

Versatile: Questo coltellino svizzero 15 funzioni ha dalla sua una notevole versatilità d’impiego e si dimostra utile in mille occasioni, tanto tra le mura domestiche quanto in campeggio o in altre attività a contatto con la natura.

Manutenzione: Gli attrezzi, oltre a essere estremamente pratici e funzionali, non richiedono grandi interventi di manutenzione e garantiscono ottime prestazioni anche a seguito di utilizzi intensivi.

Lame: Il Victorinox Huntsman si fa apprezzare soprattutto per l’affilatura della lama e della sega; entrambe sono molto robuste e permettono di tagliare con facilità anche materiali duri e impegnativi come il legno.

 

Contro

Pack: La confezione non è sicuramente all’altezza di un prodotto così ben rifinito e curato nei dettagli; per cui, se pensate di acquistarlo per fare un regalo, vi consigliamo di procurarvi una scatola che gli renda giustizia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon coltellino svizzero

 

Gli svizzeri sono noti per la puntualità dei loro orologi, per la cioccolata e, naturalmente, per il celebre coltellino. Estremamente compatto e allo stesso tempo funzionale, questo pocket tool racchiude al suo interno diversi attrezzi che vi saranno di grande utilità nelle situazioni più impensabili, che siate impavidi amanti della natura o semplici appassionati del fai-da-te!

Sul mercato ci sono tantissimi modelli tra cui scegliere, differenti per funzioni, dimensioni e prezzo, ma i più venduti in assoluto restano quelli firmati Victorinox, la migliore marca svizzera “ufficiale”.

Se avete fatto una comparazione tra i vari modelli ma non avete ancora deciso quale coltellino svizzero comprare, in questa sezione della nostra guida troverete alcuni suggerimenti che vi aiuteranno a fare la scelta giusta.

 

 

Semplice o accessoriato?

La destinazione d’uso si colloca in cima alla classifica degli aspetti di cui tenere conto per individuare il miglior coltellino svizzero per le proprie esigenze. Certo, girare con in tasca questo attrezzo multifunzione è un po’ come avere un set di attrezzi sempre a portata di mano, ma dovete innanzitutto stabilire quali sono gli utensili di cui non potete proprio fare a meno.

Se pensate di utilizzarlo in campeggio o comunque occasionalmente potete puntare su un modello base provvisto di pochi elementi essenziali, come lama, forbici, apribottiglie e cacciavite, oppure aumentare il vostro budget e acquistarne uno più completo e versatile.

Ovviamente, bisogna considerare che la dotazione di più accessori influirà anche sul prezzo finale e sulle dimensioni complessive del prodotto. In effetti, se un oggetto piccolo e compatto può essere messo in tasca o agganciato al portachiavi tranquillamente, uno super accessoriato risulterà inevitabilmente più pesante e ingombrante, per cui sarà più scomodo da trasportare.

 

Il peso e le dimensioni

Chi confronta prezzi, qualità e funzioni dei tanti coltellini disponibili in commercio deve fare caso anche alle caratteristiche strutturali del prodotto, poiché da queste dipenderanno la praticità d’uso e la maneggevolezza.

Considerato che stiamo parlando di un accessorio che verrà riposto in tasca o in una borsa, è bene orientarsi su un modello compatto e poco ingombrante. Tuttavia, bisogna considerare che minori saranno le dimensioni dell’oggetto e minore sarà anche la lunghezza della lama, per cui in fase di scelta dovete stabilire in primis se la vostra priorità è quella di limitare l’ingombro o di disporre di un coltello più lungo ed efficace.

Nella comparazione potete anche ridimensionare le funzioni fornite dal prodotto al budget disponibile, in modo da scartare le versioni che non rispettano i requisiti strutturali ed economici prefissati e individuare facilmente il vostro coltellino svizzero ideale.

Per essere pratico e funzionale, il modello scelto deve avere anche un peso ridotto per poterlo trasportare agevolmente ovunque sia necessario, ma anche in questo caso vale la regola in base al quale maggiore sarà il numero di attrezzi in dotazione, maggiore sarà anche il peso del coltellino. Date un’occhiata alle offerte presenti sul mercato e cercate un prodotto dove leggerezza, dimensioni e funzionalità si fondono tra loro nel modo che per voi risulta più confacente.

 

 

Un occhio al prezzo e ai materiali

Quando si tratta di scegliere un coltellino svizzero non bisogna sottovalutare nemmeno il fattore economico, tuttavia per effettuare un acquisto oculato bisogna basare la propria scelta anche su altri parametri. Innanzitutto, è sempre preferibile affidarsi a un’azienda seria e affidabile che offra una buona assistenza, con l’eventuale possibilità di sostituire le componenti usurate o deteriorate.

Un altro elemento che incide sul costo finale dell’oggetto sono i materiali di costruzione, ma vale sempre la pena spendere qualche euro in più per avere la migliore qualità e una maggiore durevolezza nel tempo. Le lame vendute insieme ai tradizionali coltellini svizzeri sono, in genere, realizzate in acciaio inossidabile e sottoposte a un processo di affilatura per renderle più efficaci e taglienti, mentre i rivetti che tengono insieme i vari utensili sono solitamente costruiti in ottone. Per quanto riguarda i separatori, è preferibile siano realizzati in lega di alluminio, che risulta molto resistente ma leggera al tempo stesso per restituire una buona praticità d’uso.

Una volta individuato il modello corrispondente alle vostre necessità, prestate attenzione anche all’estetica: il coltellino svizzero per antonomasia ha il manico di colore rosso, ma se preferite una tonalità più originale, in commercio potrete trovare un’ampia scelta di colori, dal classico nero fino al verde militare e al rosa.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come lubrificare il coltellino svizzero?

Il coltellino svizzero è un oggetto indispensabile per tutti gli amanti del fai-da-te e, come ogni altro utensile che si rispetti, necessita di una corretta e costante manutenzione.

Innanzitutto, bisogna estrarre tutti gli attrezzi e rimuovere, con l’aiuto di un panno o di un pennellino, lo sporco e la polvere accumulata, cercando di raggiungere anche gli interstizi più nascosti. Una volta completate le operazioni di pulizia si potrà procedere a lubrificare lama, molle e perni con dell’olio sintetico, che potrete acquistare presso una ferramenta o un negozio di articoli per il bricolage.

 

È legale detenere un coltellino svizzero?

Il coltellino svizzero è un pratico attrezzo multiuso provvisto di diversi utensili. Il più utile in assoluto è sicuramente la lama, ma è proprio la presenza di questo elemento ad attribuire all’accessorio la qualifica di arma impropria, per cui viene spontaneo chiedersi se sia legale portarselo dietro e utilizzarlo.

La legge definisce “arma impropria” tutti quegli strumenti che possono offendere o arrecare lesioni, anche lievi, alle persone. Tuttavia, la normativa consente di portare con sé questi oggetti, come nel caso del coltellino svizzero, quando lo scopo ne giustifica l’utilizzo: per esempio, sarà legale portarlo in tasca o appenderlo al portachiavi durante un’escursione in montagna o quando si va a pesca e a caccia.

 

Dove acquistare un coltellino svizzero?

Avere a disposizione un manufatto capace di sostituire un’intera cassetta degli attrezzi è un po’ il sogno di tutti gli hobbisti. Se anche voi siete di questo avviso ma non sapete dove acquistare il coltellino svizzero più adatto alle vostre esigenze, potete rivolgervi a una qualsiasi armeria specializzata o a uno dei tanti store online. Il nostro consiglio è quello di preferire aziende affidabili e rinomate nel settore così da essere certi di investire il vostro denaro su un prodotto di qualità superiore.

 

Com’è fatto un coltellino svizzero?

Il coltellino svizzero è un piccolo coltello pieghevole provvisto di una lama, in genere drop-point (ossia a goccia), e altri piccoli attrezzi, tra cui: forbici, pinze, apribottiglie, cavatappi, cacciaviti, e così via. Tutti questi elementi sono racchiusi nel manico e si estraggono tramite un meccanismo a molla o a scatto.

 

Come affilare un coltellino svizzero?

Si tratta di un’operazione delicata che richiede precisione e abilità, ma se eseguita in modo corretto si avrà un attrezzo efficiente, tagliente e perfettamente funzionante come nuovo.

A tal fine si può adoperare una comune pietra abrasiva, come quella utilizzata per ripristinare il filo dei coltelli da cucina o, in alternativa, acquistare una cote professionale realizzata con polvere di diamante, costa di più ma garantisce un’affilatura davvero impeccabile.

 

 

 

Come utilizzare un coltellino svizzero

 

Gli amanti dell’avventura e delle attività all’aria aperta sanno bene quanto sia importante avere sempre a portata di mano un coltellino svizzero, considerato che la disponibilità di tanti utensili in uno spazio così ridotto può rivelarsi di grande utilità tanto nella vita di tutti i giorni quanto in occasione di un’escursione o durante il campeggio.

Grazie alle sue dimensioni contenute e alla particolare leggerezza, lo si può riporre tranquillamente in tasca o nella borsa per essere sempre pronto all’uso, sebbene alcuni modelli includono talmente tanti attrezzi che finiscono col diventare troppo ingombranti e, quindi, scomodi da trasportare.

Una volta individuato il prodotto giusto non penserete mica che il vostro compito sia finito qui? Per rendere l’acquisto valido ed essere certi di aver speso bene il proprio denaro, dovete imparare a utilizzare al meglio il vostro nuovo strumento multifunzione e sfruttarne appieno le potenzialità.

 

 

Familiarizzare con l’oggetto

Prima di utilizzare il vostro coltellino vi consigliamo di prendere confidenza con l’oggetto, in modo da capire come si estraggono i vari attrezzi e come riporli dopo l’uso in maniera corretta. Cercate di non forzare la lama o le altre componenti se fanno resistenza in fase di apertura o potreste rischiare di danneggiare il meccanismo. In questi casi, potete provare a oliare il congegno con un lubrificante specifico e, se ci sono ancora problemi, smontare il coltellino per capire cosa c’è che non va.

Una volta utilizzati gli utensili, non dimenticatevi di riposizionarli nei rispettivi alloggiamenti, avendo cura di non lasciare nessun attrezzo aperto, soprattutto se dovete riporre il coltellino in tasca.

Anche seguire le istruzioni è importante

Molti prodotti vengono venduti insieme a un manuale di istruzioni, che è bene leggere con attenzione per comprendere la funzione e il corretto utilizzo di ogni singolo accessorio.

Nelle istruzioni, inoltre, vengono spesso specificate le caratteristiche strutturali dell’oggetto, le modalità di estrazione dei vari utensili e la loro giusta posizione all’interno del manico.

 

La corretta manutenzione

Per garantire al nostro coltello multiuso una lunga vita e un funzionamento sempre impeccabile, bisogna dedicare un po’ di tempo anche alla sua manutenzione.

Innanzitutto, è necessario lubrificare con una certa frequenza le parti meccaniche, come molle, perni e meccanismi di chiusura. La scelta dell’olio lubrificante deve, però, tenere conto di specifici parametri, cercando per quanto possibile di acquistare un prodotto specifico e di buona qualità o, meglio ancora, sceglierne uno della stessa marca del coltellino.

Per quanto riguarda, invece, la lama potete ripristinarne il filo, qualora fosse usurato o smussato, con una pietra affilatrice sintetica o naturale.

 

 

Accessori utili

Sul mercato sono disponibili tantissimi coltellini svizzeri, dunque la scelta potrebbe risultare davvero complicata. Oltre ai prodotti di base che includono gli attrezzi essenziali, ce ne sono altri più versatili e completi che offrono tantissimi utensili, tra cui un puntatore laser, una lente di ingrandimento, una penna e persino una memoria USB. A ogni modo, la presenza di strumenti più o meno sofisticati può rispondere a specifiche esigenze ed è chiaro che la scelta dipenderà principalmente dal tipo di utilizzo a cui volete destinare il vostro coltellino multiuso.

I migliori modelli, poi, presentano una serie di accessori e accorgimenti che si prestano a renderne l’uso ancora più pratico e confortevole, come, per esempio, un anello da fissare alla cerniera dello zaino o a un passante dei pantaloni, e un manico sagomato con inserti antiscivolo per facilitare la presa e il grip.